Canna terapeutica, gli effetti sulla salute lasciano senza parole. In futuro cosa ci aspetta

L’utilizzo della cannabis come medicinale ormai è stato sdoganato, ma come si può fare ricorso alla canna terapeutica in Italia?

come si può fare ricorso alla canna terapeutica in Italia?
Come e perché fare ricorso alla canna terapeutica in Italia (foto da Pixabay)

L’utilizzo della cannabis come medicinale ormai è stato sdoganato, ma come si può fare ricorso alla canna terapeutica in Italia? Quando parliamo di cannabis per superare il dolore cronico, parliamo in particolare della cannabis FM-2, prodotta in Italia. In questo modo, Italia e Comunità Europea controllano l’intero processo produttivo e vigilano sulla sicurezza del prodotto da dare ai pazienti affetti da dolori cronici. Il tutto viene eseguito in una officina farmaceutica autorizzata dall’AIFA.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE → Dissenteria, puoi curarla con questa pianta. Non te ne pentirai

La distribuzione della canna terapeutica è approvata dal Ministero della Salute. Negli ultimi anni, anche le singole farmacie si sono adattate, producendo formule simili con concentrazione di THC fino al 19%. Il trattamento di questi farmaci avviene per via aerea e orale, inalando vapore, come decotto o olio, facendo bene attenzione alle dosi da assumere. L’utilizzo della cannabis è previsto per le persone che soffrono di dolori cronici, associati a lesioni del midollo spinale o per chi soffre di sclerosi multipla.

Canna terapeutica, cosa sapere prima di affrontare il dolore cronico

Canna terapeutica, cosa sapere prima di affrontare il dolore cronico
Canna terapeutica, cosa sapere prima di affrontare il dolore cronico (foto da Pixabay)

Talvolta, l’uso della cannabis è prescritto per lenire i dolori causati dalle chemioterapie, delle radioterapie oppure per contrastare alcune complicanze da HIV e AIDS. È stato scoperto che la cannabis aiuta anche a combattere l’anoressia, stimolando l’appetito e controllando la nausea, oppure per abbassare la pressione arteriosa in caso di glaucoma resistente alle terapie. Inoltre, è un efficace medicinale anche per combattere la sindrome di Tourette, perché riduce gli spasmi del corpo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE → Barba di frate: la verdura dalle straordinarie proprietà terapeutiche

Anche per la somministrazione di questo medicinale si sono osservate delle controindicazioni. Non sempre, infatti, la cannabis è una terapia efficace per combattere le varie malattie. Pazienti con atteggiamenti compulsivi e psicologicamente fragili potrebbero non beneficiare degli effetti della canna, peggiorando la propria condizione fisica e mentale. Solitamente, la terapia a base di cannabis ha una durata di sei mesi, rinnovabile in base alle necessità del malato.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE → Pressione alta, la bevanda che riduce l’ipertensione è un vero portento. Impossibile farne a meno

I benefici della cannabis sono molteplici e tutti testimoniati da numerose ricerche. Nonostante ciò, in Italia questo farmaco stenta a decollare, perché, per ignoranza, è associato al semplice spinello ricreativo. Ad oggi, sul mercato, sono presenti solo cinque farmaci contenenti cannabis, raramente prescritti. Sintomo di un Paese ancora molto diffidente sull’efficacia e sul commercio del farmaco, nonostante i dati forniti dalle ricerche e le opinione di tutti coloro che si curano in questo modo.