Inquinamento e salute: lo scotto che stiamo pagando a causa della crisi climatica

Non solo abitudini scorrette, vita sedentaria e consumo di prodotti nocivi, anche l’inquinamento incide sulla nostra salute.

crisi climatica salute
Inquinamento ambientale (Pixabay)

PER TUTTI GLI ALTRI AGGIORNAMENTI SEGUICI SU INSTAGRAM.

Non solo abitudini scorrette, vita sedentaria e consumo di prodotti nocivi, anche l’inquinamento incide sulla nostra salute. La Conferenza della Nazioni Unite sottolinea la relazione tra salute e inquinamento ambientale, lanciando l’allarme per la crisi climatica. In un report pubblicato a maggio si apprende che l’inquinamento è responsabile, ogni anni, di circa 9 milioni di morti.

Ovviamente, la situazione in Italia non è migliore, anzi, siamo molto indietro nella transizione green. Le nostre città sono ancora molto inquinate e, purtroppo, la politica sembra ignorare l’allarme dei medici e degli scienziati. Occorrerebbe un approccio alla salute nelle politiche ambientali. Tuttavia, la relazione tra salute e inquinamento è di vitale importanza.

Crisi climatica e inquinamento incidono sulla salute

inquinamento città rischi salute
Corsa con mascherina (Pixabay)

Il Ministero della Salute italiano già da anni è impegnato nella tutela della salute tutti i cittadini di terza età, prevenendo l’effetto del calore. Clima e salute dovrebbe essere una relazione obbligatoriamente inserita nelle politiche climatiche. Per scandire l’incidenza del clima sulla salute della popolazione, l’Istituto Superiore di Sanità italiano utilizza 17 elementi tecnici, definiti Lancet Countdown.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE → Caro bollette, é questo l’elettrodomestico che le fa lievitare. Lo usi sempre, da oggi non più

Ad esempio, grazie al Lancet Countdown, sappiamo che, negli ultimi dieci anni, ogni singola persona è stata esposta a ondate di calore in quantità nettamente superiore rispetto ai decenni precedenti. Le ondate di calore hanno provocato il 2,3% dei decessi. Senza contare le morti avvenute per cause legate a emergenze alimentari e idriche.

Rispetto al 1950, oggi si ha circa un mese in più di siccità. Una situazione drammatica. Inoltre, l’inquinamento e i cambiamenti climatici hanno un ruolo importante nella diffusione di malattie e virus. L’Italia è il secondo Paese europeo per numero di morti legati all’inquinamento atmosferico.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE → Cambiamento climatico, si combatte con aglio, meloni e pomodori. Il progetto tutto italiano

Bisogna rinunciare ai combustibili fossili, da cui noi siamo quasi totalmente dipendenti (94% della nostra energia). Non si fanno progressi, su questo fronte, e restiamo indietro rispetto agli altri Paesi. Tra i dati riportati dal Lancet Countdown, il consumo di carne rossa provoca circa 15 mila decessi ogni anno. Rispetto al 1950, la crisi climatica oggi provoca l’8% in più di morti, tra tumori, malattie cardiovascolari e respiratorie e colpi di calore.