Concime per limoni, quale usare e come prepararlo in casa

Il concime per i limoni, quale usare e come prepararlo in casa in modo perfetto

Terriccio
Terriccio-foto pixabay andreasgoellner

I limoni sono alberi che trovano sempre più spazio nei nostri giardini. Di origine antichissima, sono degli agrumi probabilmente nati da un incrocio tra il cedro e il pomelo ( grande limone a forma di pera). Questi alberi producono gli omonimi frutti e all’interno del giardino svolgono un’utile funzione ombreggiante durante le calde giornate estive.

Se l’albero di limone è sano, presenta anche un’ottima resa ornamentale, ma questa resa va costruita passo dopo passo attraverso adeguate concimazioni. Usando il concime adatto, i limoni diventano più resistenti alle avversità e si presentano con frutti succosi e con foglie intensamente tinte di verde.

Come preparare un buon concime per i limoni

Pianta limone
Pianta limone-foto pixabay gregmontani

La concimazione dei limoni cambia in base al metodo di coltivazione di questi alberi. In genere, i limoni vengono coltivati a pieno campo o in vaso. Nella coltivazione a pieno campo si deve prevedere la concimazione di fondo del terreno, da effettuare tramite letame maturo.

I limoni hanno, infatti, bisogno di un terreno fertile, ben drenato e molto ricco di sostanza organica. Il letame va distribuito anche per tre anni, ovvero in tutte le fasi di crescita della pianta. La dose ideale di letame è di 30 chili per pianta.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Cambiamento climatico, 3 modi per sopravvivere: facciamo il punto della situazione

I limoni coltivati a pieno campo richiedono anche una concimazione semestrale da effettuare con un concime a base di azoto, fosforo e potassio (NPK). Il titolo dei tre macroelementi deve prevedere una bassa percentuale di azoto e la stessa percentuale di fosforo e potassio. Per i limoni a pieno campo, i concimi ideali sono con titolo 4-24-24, dove quattro indica la quantità di azoto e ventiquattro la quantità di fosforo e di potassio. Il concime semestrale va somministrato nella dose di circa tre chili e mezzo per pianta.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Gerani sempre freschi anche in estate: il metodo giusto per irrigarli

La concimazione dei limoni in vaso è leggermente diversa da quella dei concimi a pieno campo, poiché la modalità di coltivazione modifica completamente la capacita di assorbimento delle sostanze nutritive e la composizione del substrato. In vaso, la pianta di limone si trova a crescere in un ambito più ristretto del pieno campo e ciò richiede un consumo maggiore di nutrienti. Per i limoni in vaso si possono usare concimi per piante a fiore, da distribuire assieme all’acqua da irrigazione. Questi concimi, oltre ai macroelelementi azoto, fosforo e potassio, contengono anche microelementi, quali ferro, boro e manganese.