Balena, tutte le curiosità sul gigante del mare: alcune sono incredibili

Quanto sono affascinanti le balene? Tutti le adorano, allora scopriamo di più su di loro.

Balena
Balena-foto pixabay Su-Enna

Le balene sono i cetacei più grandi del mare, ci sono di taglie e specie diverse. Ci sono i misticeti, le balenottere, i balenidi e anche le megattere. Le balene sono mammiferi e non pesci, infatti non si riproducono tramite uova ma danno alla luce i loro piccoli e poi li allattano. La classificazione delle balene è la seguente: Dominio-Eukaryota, Regno-Animalia-Infraclasse-Eutheria, Ordine-Cetacea, Classe-Mammalia e Sottoclasse-Thera.

Ci sono poi i sottordini che sono Mysticeti, ossia quelli comprensivi delle famiglie Balaenopteridae e Baelenidae. E poi gli Odontoceti, comprensivi della famiglia Physeteridae. Del primo genere fanno parte anche la belenottara azzurra e la balenottera minore. Del genere Megaptera invece fa parte la megattera. Del Eschrichtiidae invece fa parte la balena grigia. C’è poi la balena della Groenlandia e la balena franca.

Tutto quello che dovete sapere sulle balene

Balena
Balena-foto pixabay janeb13

La balena è quindi un mammifero e non un pesce. Alcuni pensavano che fosse un pesce forse perché si confondevano con lo squalo balena che invece è un pesce a tutti gli effetti. Il più grande pesce che esista e il più grande vertebrato non mammifero. La balena invece è un mammifero e la più grande esistente è la balenottera azzurra che è lunga 30 metri e può arrivare a pesare circa 180 tonnellate. Un cucciolo di balenottera azzurra pesa circa 2.700 kg, quindi come un ippopotamo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Squali, avvistati nei mari italiani: fobia per i bagnanti. Le zone visitate dai predatori

Una megattera pesa invece sui 25-30 tonnellate, un’orda ne pesa 3-4 di tonnellate e un capodoglio 41. Ma vi domanderete di cosa si cibano questi grandi animali, la risposta è di organismi piccolissimi. La dieta delle balene è basata sul krill che formato da gamberetti e piccolissimi pesci. Quando uno di questi mammiferi individua un krill allora si dirige nella sua direzione e apre la bocca risucchiando tutto, anche l’acqua.

Per evitare però che la balena inghiottisca troppa acqua intervengono i fanoni che sono i denti delle balene. Dopo aver ingerito il krill e l’acqua, l’animale chiude la bocca e con la lingua spinge il bolo di krill e l’acqua in alto verso i fanoni. Questi quindi setacciano permettendo all’acqua di uscire trattenendo invece i krill.

I fanoni non sono veri e propri denti però, sono una lamina che le balene hanno invece della dentatura. Ogni fanone è formato da cheratina, manganese, rame, boro, idroassiapatite, calcio e ferro. Si trovano solitamente su file parallele e sono fissati alla mandibola, assomigliano a un pettine. La loro dimensione varia da 0,5 a 3,5 metri.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Cani che mangiano sabbia, cosa succede? Come comportarsi in questi casi

Non è chiaro invece il fenomeno dello spiaggiamento della balena, molti cetacei lo fanno. Si arenano sulla spiaggia perché si perdono ma rimanendo lì rischiano di morire per disidratazione e perché non sopportano il loro peso. Di solito i motivi per cui si spiaggiano possono essere diversi, ad esempio se sono in difficoltà e quindi è il loro modo di chiedere aiuto al branco che si spingerà sulla riva anch’esso. Un altro motivo è che seguono i delfini e le focene, oppure perché c’è brutto tempo o sono malati e deboli.

Il verso della balena non esiste, più che emettere un verso cantano infatti si parla sempre del canto delle balene. Si tratta di suoni emessi dai cetacei per comunicare tra loro. Il suono esce dalla laringe che è priva di corde vocali.