Susine rosse o gialle? Tutte le differenze fra i due frutti di stagione

Le prugne o susine sono frutti estivi buonissimi e ricchi di proprietà benefiche importanti per la salute.

Susine
Susine-foto pixabay valtercirillo

Le prugne viola e le susine gialle sono la stessa cosa ma hanno caratteristiche diverse. Ci sono varie differenze tra queste due varietà. Si possono distinguere sopratutto grazie al colore e alle dimensioni. La prugna viola è grande quanto un uovo. Mentre la susina gialla è più piccola. Ci sono molte varietà di entrambi e allora scopriamole tutte quante.

Le varietà di prugne diverse possono variare nel colore e nella polpa ma anche nella buccia. Possono cambiare dal verde al giallo, dal arancio al rosso e anche dal blu al viola. Le prugne rosse sono più dolci, mentre quelle gialle sono acidule. La maturazione delle prugne avviene da giugno a settembre ma varia in base al tipo di prugna.

Differenza prugne e susine

Prugne
Prugne-foto pixabay couleur

Le prugne si possono acquistare fresche o secche, quando si parla di quelle fresche prendono il nome di susine, mentre quando si parla di quelle essiccate allora sono dette prugne. Questo frutto si consuma al naturale come gli altri a parte per il nocciolo. Tutto il resto è commestibile anche la buccia, proprio quest’ultima inoltre racchiude molte sostanze benefiche come i pigmenti. Sono perfette per preparare le macedonie di frutta, i frullati e anche estratti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Pacchi dal cielo: l’assurda trovata e-commerce per le consegne a domicilio

Le susine si usano anche per preparare delle marmellate, composte, sciroppi e anche gelatine. La composizione delle susine è differente dalle prugne perché queste ultime dopo l’essiccazione perdono quasi tutta la loro acqua e di conseguenza le sostanze sono più concentrate nelle prugne essiccate. Inoltre le prugne fresche hanno un apporto calorico tra i 30 e 45 kilocalorie ogni 100 grammi di frutto.

Le prugne secche invece arrivano a 220 kilocalorie ogni 100 grammi. Nelle prugne secche dove è tutto più concentrato ci sono molte più fibre, zuccheri facilmente assimilabili, minerali e vitamine. Contiene poi molti aminoacidi come la tirosina, metionina, lisina, leucina, cisteina e anche istidina e fenilalanina.

Le prugne e susine presentano anche differenze a livello di composizione e questo determina anche un sapore diverso. Per esempio le prugne rosse sono più ricche di zuccheri, ne contengono circa 10.5 gr mentre le prugne gialle hanno una presenza inferiore che si aggira intorno ai 7 gr. Queste differenze hanno un effetto sul gusto e sulle proprietà.

Le prugne o susine, sono frutti ricchi di antiossidanti che servono a mantenerci giovani con il potere anti-invecchiamento. Gli antiossidanti sono sostanze che contrastano i radicali liberi presenti nel corpo che sono responsabili dell’invecchiamento cellulare. Le prugne rosse e di colore blu sono ricche di anociani che combattono i radicali liberi e hanno anche proprietà antitumorali.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Fondi del caffè: puoi riutilizzarli in questi modi, sono utilissimi

Pertanto le prugne blu sono migliori a livello protettivo, hanno un’azione antisettica che aiuta a tenere lontane le malattie di origine batterica o virale. Le prugne gialle o verdi invece hanno meno zuccheri e quindi hanno anche un apporto calorico minore. Queste sono perfette per la dieta infatti sono ricche di fibre naturali. Infine si può dire che le prugne fanno bene alle ossa e al cuore. Allontanano il rischio di ictus e infarto.