Bonus acqua 2022: Il Ministro dell’ambiente aiuta le famiglie disagiate

Il bonus idrico 2022 ecco cos’è e come funziona. Ma sopratutto ecco chi può richiederlo, finalmente si sa tutto. 

Acqua
Acqua-foto pixabay manfredichter

Il bonus idrico è un aiuto importante per le famiglie che in questo periodo difficile fatica ad arrivare a fine mese. Vediamo allora quali sono tutte le informazioni relative al Bonus Acqua e ai nuovi Bonus rubinetti e Bonus Acqua potabile. Tutti possono fare richiesta ma bisogna presentare alcuni documenti nello specifico per poterlo richiedere.

Ci sono delle agevolazioni che riguardano il settore idrico. Tutti i cittadini possono accedere ai bonus acqua per il disagio economico e bonus rubinetti per interventi idraulici. Non è richiesto alcun requisito sul reddito. Lo scopo è quello di ridurre la spesa per il servizio acquedotto per le famiglie in disagio economico e sociale.

Tutto quello che c’è da sapere sul bonus idrico

Acqua
Acqua-foto pixabay

Lo scopo di questa iniziativa è di ridurre la spesa per le famiglie in questo periodo così difficile. Dal 2021 è stato riconosciuto automaticamente a chi ne ha diritto. Il risparmio è di 20-30% della bolletta. Per quanto riguarda il bonus rubinetti, lo scopo è di rinnovare i sistemi idraulici per ridurre gli sprechi di acqua. Il termine per la richiesta di questo bonus è il 30 giugno 2022.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Caro bollette, la soluzione che tutti aspettavamo: non costa niente

Il risparmio è del 50% sulle spese, massimo 100o euro sui domestici e 5000 euro sui commerciali. Invece il bonus acqua potabile riguarda l’installazione di depurazione acqua per ridurre l’uso di bottiglie di plastica. Il termine per questo di bonus è tra il 1 e il 28 febbraio dell’anno successivo alla spesa. Anche in questo caso il risparmio è di 50% sulle spese.

Il bonus acqua altro non è che un’agevolazione fiscale voluta dal Ministero dell’Ambiente che prevede agevolazioni e sconti sulle bollette idriche per le famiglie che vivono in una situazione di disagio. Questi bonus sono gestiti a livello nazionale. Il bonus idrico è di competenza delle singole Regioni. I requisiti e le date di scadenza per presentare le domande per ricevere l’aiuto dipendono solo dalle Regioni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Pellet, il prezzo sta diventando un problema. Effetto inflazione sulle alternative al gas

Questo bonus era già stato introdotto nel 2012 ed era regolamentato dall’Autorità per l’energia elettrica, gas e sistema idrico. Lo sconto del bonus idrico si aggira intorno al 20-30 % del totale della bolletta dell’acqua per le famiglie che hanno bisogno. Questa agevolazione garantirà 50 litri d’acqua al giorno gratis per ogni componente della famiglia in una situazione di disagio.