Superluna di agosto, questa è la data per ammirala un’ultima volta prima dell’autunno

La superluna d’agosto sarà l’ultima di quest’anno. Ci sarà un picco delle stelle cadenti. Ecco quando poterla vedere. 

Superluna
Superluna-foto pixabay supermelka

Questa sera il 12 agosto sarà l’ultima occasione per ammirare l’ultima Superluna dell’anno che non è la più importante, perché quella è apparsa un mese fa ma è comunque importante perché sarà in prossimità del perigeo, ossia quando il nostro satellite si trova vicinissimo alla Terra.

Sarà anche la notte del picco di stelle cadenti, ovvero il passaggio delle Perseidi, meteore e detriti che si accompagnano alla cometa Swift-Tuttle. L’appuntamento sarà a tarda notte, infatti la Luna raggiungerà la fase lunare di luna piena alle 3.36 del mattino e passerà poi all’ultimo quarto il 19 agosto alle 6.36. La fase poi di luna nuova è attesa per il 27 agosto alle 10.17.

Cos’è la superluna e perché appare stasera

Superluna
Superluna-foto pixabay cristinaferronato

La Superluna indica una luna piena che avviene al perigeo alla minima distanza dalla Terra. Se la Luna percorresse un’orbita perfettamente circolare attorno alla Terra, la sua distanza dal nostro pianeta sarebbe costante e il diametro della Luna sarebbe lo stesso, pertanto noi vedremmo la Luna sempre uguale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Il sogno d’estate, vivere in una bolla una notte magica: i posti da visitare

Tuttavia la Luna in un mese non percorre affatto un’orbita circolare ma ellittica. Quindi nell’arco di un mese non si troverà sempre alla stessa distanza dalla Terra, ma a una distanza variabile tra un valore minimo che è il perigeo, ossia 356.410 e un valore massimo che è l’apogeo e conta 406.740 km.

Perciò come conseguenza della forma ellittica dell’orbita lunare, il diametro apparente della Luna che osserviamo dalla Terra non sarà sempre lo stesso. All’apogeo la Luna apparirò più piccola rispetto a quando si trova al perigeo. La Luna al perigeo appare il 12% più grande.

La Luna piena di agosto viene anche chiamata luna dello storione nel Nord America. Questo perché lo storione dei Grandi Laghi era più facile da catturare in questo periodo. I nativi americani la chiamavano invece Luna rossa a causa del suo colore rossastro, ma anche luna del mais verde e luna del grano.

In Cina invece la chiamano Luna dei fantasmi affamati e le persone accendono lanterne d’acqua a dorma di loto e le fanno poi galleggiare sui laghi, fiume e piscine. Si tratta di un rituale che trae origine da un’antica festa del raccolto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Il mare più pulito d’Italia: la classifica inaspettata spiazza tutti

Le prossime superlune più grandi si verificheranno il 30 agosto 2023, il 18 settembre e il 17 ottobre 2024. Alcune persone poco informare credono che quando c’è la luna piena accadono catastrofi. Aumento di ricoveri in ospedale, tasso di criminalità, e anche eruzioni vulcaniche o terremoti. Ma tutto questo non è vero, l’unica conseguenza che può causare la Luna piena è un aumento di 15 cm del dislivello tra bassa e alta marea. Nulla di soprannaturale o di catastrofico insomma.