Visciole, come coltivare un albero in giardino: consigli pratici

Il visciolo è un albero che ha origine nel medio oriente asiatico ed è stato importato in tutto il mono nel 70 a.c.

Vignole
Visciole-foto instagram @masgiampieri

 Non tutti conoscono il visciolo che è una varietà di ciliegio acido appartenente alla famiglia delle Rosacee. Non è un albero che richiede cure particolari è adatto a chi vuole realizzare un food forest. Questa pianta ha dimensioni piccole e si adatta a tutti i climi e terreni. Resiste bene al freddo e alla siccità.

Il visciolo non necessita di molti trattamenti, poichè non è una pianta che viene attaccata dai parassiti. Riesce a vivere anche allo stato selvatico, infatti si possono vedere degli esemplari ai margini del bosco che sono davvero bellissimi specialmente quando sono fioriti. Questo albero è un pò invasivo.

Tutto quello che dovete sapere sul ciliegio acido

Visciole
Visciole-foto instagram @agricolasigi

Ci sono molte varietà di ciliegio acido e ognuno produce frutti di colore e acidità diversi. C’è l’amareno per esempio, che è la varietà più diffusa, ha frutti di un colore rosso chiaro e sapore amarognolo e leggermente acido. I frutti sono le amarene.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Cubetti di ghiaccio, puoi farci molte cose: gli usi inaspettati sono favolosi

Il visciolo viene chiamato Morello cherry nei paesi anglosassoni e ha frutti rossi intendi dal sapore dolce con un retrogusto acido. I frutti si chiamano visciole. Poi c’è il marasco che ha frutti rossi e neri e ha un sapore amaro e acido. I frutti si chiamano marasche.

Abbiamo poi anche il ciliegio di Montmorenct che è una pianta dai frutti rossi chiari. Il sapore è aromatico e agrodolce. Il frutto viene chiamato Amarena Montmorency. Sono tutte varietà molto buone seppure siano diverse.

Il visciolo è in particolare una varietà molto apprezzata perché i suoi frutti oltre ad essere buoni sono anche salutari. Contengono la melatonina che regola il ciclo veglia sonno, la vitamina B e C. Inoltre contiene una percentuale alta di acqua e fibre il che la rende indicata per le diete che puntano a depurare e disintossicare.

Sono fonte di minerali come il potassio, fosforo, calcio e magnesio. Contengono poi betacarotene 10 volte in più rispetto alle classiche ciliegie dolci. In queste ultime si è ridotto il contenuto di fruttosio e quindi il sapore è meno dolce e più acidulo.

Per quanto riguarda la potatura e la manutenzione delle piante di visciole è bene sapere che il visciolo è sensibile agli interventi di taglio, pertanto è bene fare potatura piccole e non invasive. Sulle piante adulte la potatura si può effettuare anche solo ogni due anni.

Di solito si svolgono interventi leggeri per diradare i rami di un anno e alleggerire un pò la pianta o quanto meno contenerne le dimensioni. Ma tutto questo solo se risulta necessario, questo deve accadere sopratutto quando la pianta è giovane e non ha ancora fruttificato.

Si può anche non toccare affatto fino a che non fa i frutti. I tempi per gli interventi di potatura possono variare in base all’età della pianta. Solitamente si interviene sul visciolo a fine primavera e inizio estate ma solo per la potatura di allevamento. Sugli adulti si possono effettuare tagli nei periodi di riposo vegetativo e quindi in inverno tra gennaio e febbraio o anche a fine estate.

Per godere poi pienamente di tutte le qualità nutritive delle visciole bisogna consumarle quando sono ben mature e  appena colte. Esistono poi vari metodi di conservazione, si possono infatti realizzare confetture e sciroppi per esempio.

Le visciole si possono conservare anche usando lo zucchero. Basta raccogliere i frutti maturi e lavarli. Poi si rimuovono i piccioli e si lasciano asciugare sopra un panno. Successivamente si prende una caraffa di vetro e si mette un primo strato di zucchero, poi si aggiungono le visciole e si continua in questo modo fino a riempire la caraffa.

PORTEBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Caviale sostenibile, al mondo esiste ed il migliore è quello italiano

Si deve poi sigillare il contenitore e bisogna metterlo al sole molto forte nel periodo di maturazione delle visciole quindi a luglio. Si lascia esposta la caraffa fino a quando lo zucchero si sarà del tutto sciolto. Servirà un mese perché sia pronto.

Una volta che saranno pronte si consumeranno così con il loro liquido le visciole. Dopo il mese di conservazione al sole però il contenitore va messo in un posto fresco e buio. Vedrete che bontà queste visciole.