Insalata di riso, qual è l’errore che TUTTI commettono? Non l’avresti mai detto

In molti preparano l’insalata di riso nel periodo estivo perché è un piatto fresco e leggero, ma c’è un errore che fanno tutti. 

Insalata di riso
Insalata di riso-foto instagram @osteria_del_drago

L’insalata di riso è un piatto formidabile per l’estate, è fresco e leggero perfetto da portare al mare o semplicemente da gustarsi a casa. Preparalo è molto semplice eppure quasi tutti commettono un errore imperdonabile.

Nell’insalata di riso di solito si può spaziare molto con gli ingredienti da inserire, sopratutto in base ai gusti. Solitamente tutti mettono verdure come piselli, carote, pomodori e poi olive, capperi, tonno, uova e altri ingredienti. Tante persone aggiungono anche i wurstel e propri questi ultimi causano un grossa problema che non tutti conoscono.

L’errore comune che si fa con l’insalata di riso

Wurstel
Wurstel-foto instagram @laraabrati

L’insalata di riso è un piatto squisito leggero e fresco. Perfetto per il periodo estivo perché si consuma freddo. Si prepara con tante verdure ma anche con altri ingredienti come il tonno, uova e wurstel. Quest’ultimo ingrediente è quello che causa spesso problemi. Le persone lo aggiungono al riso senza cuocerlo ed è sbagliato.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Bistecchiera incrostata, come darle una nuova vita in pochissimo tempo

Consumare infatti i wurstel crudi potrebbe trasmettere alle persone la listeria che è un batterio in grado di contaminare molti cibi crudi che si elimina solamente con la cottura. Tanto è vero che sulla confezione di questi alimenti c’è scritto: “consumare previa cottura”. Non è un consiglio è un indicazione ben precisa.

Molte persone hanno la tendenza a mangiare i wurstel crudi anche in altre occasione ma è una cosa molto sbagliata. Nonostante siano un prodotto precotto devono comunque essere cotti. Sono insaccati di carni miste cotte e macinate, in generale di suino, pollo e tacchino.

I wurstel di suino sono i più pregiati e sono composti dell’85% di carne suina. Mentre i wurstel di pollo o tacchino sono composti dell’85% da carni che derivano dalla spolpatura delle carcasse animali, mentre il 15% restante è composto da altre lavorazioni come ad esempio le bistecche, i salumi e altro. Viene poi tutto aromatizzato con delle spezie.

A questa carne poi vengono aggiunti additivi come correttori di sapidità e di acidità e antiossidanti, stabilizzanti e addensanti. Per questi motivi non bisogna mai consumare i wurstel crudi in nessun caso. Se per caso avete mangiato i wurstel crudi o li avete dati ai vostri figli ecco i sintomi della listeriosi: nausea, diarrea, dolori muscolare e febbre. E potrebbero anche manifestarsi dopo alcuni mesi dall’ingestione della carne.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Borragine, quando si pianta e come si prepara, tutto sulla pianta blu

In ogni caso i wurstel a prescindere dalla cottura non sono alimenti salutari da mangiare. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, le carni lavorate e trattate come i wurstel e tutti gli insaccati sono cancerogene. Perciò il loro consumo dovrebbe essere limitato a una volta a settimana.