Cambiamenti climatici, sempre più rischiosi. Alcune zone rischiano l’estinzione

In questi anni i cambiamenti climatici stanno devastando molta natura. Le foreste pluviali rischiano ora l’estinzione. 

Foresta pluviale
Foresta pluviale-foto pixabay atlantios

Anni fa l’uragano Maria aveva devastato la Foresta nazionale El Yunque a Porto Rico, ma ora iniziano a germogliare nuove fronde. Le canopie della foresta erano distrutto e ora dopo quattro anni l’isola si sta riprendendo piano piano. Questo è un segnale davvero importante del cambiamento climatico che sta avvenendo.

Ci sono molte conseguenze e rischi per l’ambiente con questi cambiamenti climatici. La foresta a Porto Rico è stata danneggiata gravemente e gli alberi non riescono a ricrescere velocemente. Ci vuole tanto tempo perché torni alla normalità. Negli ultimi 30 anni sono tre gli uragani che si sono abbattuti su El Yunque e tutti di categoria 3 o superiore. In passato uragani di questa entità si verificano ogni 50 anni.

I rischi per l’ambiente dopo il cambiamento climatico

Foresta
Foresta-foto pixabay pattyjansen

Il cambiamento climatico sta avendo un effetto devastante sulla natura. Parlando di Porto Rico e degli uragani che hanno colpito l’isola in questi ultimi 30 anni si evidenzia un aumento di questi fenomeni con violenti tempeste e abbondanti piogge. Gli scienziati sostengono che gli uragani sono destinati ad aumentare sempre più.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Irrigazione delle piante: 10 errori che sicuramente commetti anche tu

Pertanto il cambiamento climatico potrebbe causare anche l’estinzione delle foreste pluviali che nonostante si siano sempre sapute adattare agli uragani, potrebbero anche non riuscirci più. Sopratutto perché non passa così tanto tempo da un uragano all’altro e quindi la foresta non ha il tempo di guarire e rinascere nel modo giusto.

Probabilmente El Yunque riuscirà ad adattarsi ancora agli uragani e alla siccità ma non durerà per sempre. Ad un certo punto l’ecosistema scomparirà. Il motivo è che si assisterà a fenomeni di riscaldamento e aridificazione delle foreste pluviali di Porto Rico che potrebbero trasformare gli ecosistemi secchi in vegetazione arbustiva e pertanto la foresta non sarà più tale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Animali: la Camera ha deciso, non possono più trainare carrozze per il turismo locale

Bisogna quindi godere di questo ecosistema finché esiste ancora perché a breve potrebbe sparire per sempre. Questa purtroppo è una delle conseguenze più devastanti del riscaldamento globale. Ce ne sono poi tante altre che riguardano gli animali che non saranno più in grado di adattarsi al loro habitat e dovranno spostarsi per sopravvivere.

Stiamo già assistendo ai problemi che riguardano il riscaldamento globale, come il caldo anomalo di questa estate che ha portato le temperature a 40° e passa. E poi lo scioglimento dei ghiacciai, la Marmolada ne è l’esempio più vicino e lampante. Purtroppo questa situazione è destinata a peggiorare nel tempo.