Precipita in un pozzo, salvata in extremis dai soccorritori: immagini incredibili

I pozzi sono estremamente pericolosi, capita spesso che persone e animali ci finiscano dentro e non è sempre facile salvarli. 

Pozzo chiuso
Pozzo-foto pixabay publicdomainpictures

Gli incidenti che si verificano nei pozzi sono numerosi e di solito coinvolgono bambini piccoli o animali che rimangono incastrati in questi tunnel sotterranei senza poter uscire. Sono tante le storie che conosciamo di bambini rimasti imprigionati nei pozzi, ricordiamo il piccolo Alfredo Rampi e Nicola Silvestri. Entrambi bambini di circa 3 anni che purtroppo morirono a causa della caduta.

E come accade alle persone, questo tipo d’incidente si può verificare anche per gli animali. Qualche tempo fa un cane era caduto in un pozzo e il padrone per recuperarlo è rimasto incastrato anche lui per due ore. In questo caso la storia ha avuto un lieto fine per entrambi che sono stati salvati dai pompieri, ma non sempre va in questo modo. I pozzi andrebbero messi in sicurezza e chiusi dal momento che non vengono più usati.

Una mucca è caduta in un pozzo di 15 metri

Mucca cade nel pozzo
Mucca pozzo-foto screenshot fanpage

Gli incidenti nei pozzi si verificano ancora oggi perché molte persone non li coprono o non recintano bene la zona intorno ad essi. Proprio martedì è avvenuto un altro incidente, una mucca è precipitata in un pozzo di 15 metri. Sul posto sono accorsi i pompieri per tentare di recuperarla.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Laguna ricoperta di ragnatele, lo spettacolo incredibile ma inquietante

L’incidente è avvenuto nel pomeriggio a Bagno della Regina, a Montella e l’intervento di recupero è durato diverse ore. I pompieri hanno dovuto usare un autogru per riuscire a tirare fuori il bovino che era molto pesante. Si sono quindi calati giù nel pozzo per legare la mucca e issarla.

Non è chiara la dinamica dell’incidente, la mucca forse è stata attratta da qualcosa nel pozzo e una volta arrivata vicino alla struttura potrebbe essere scivolata. Quando l’hanno recuperata era ricoperta di fango e molto agitata, ma poi è tornata al pascolo da sola.

Era già avvenuta una cosa del genere il 31 marzo quando i Vigili del fuoco di Avellino avevano soccorso una mucca che era finita in un torrente e non riusciva a risalire a causa del fango che si era creato intorno a lei. Anche in quel caso l’intervento non era stato facile, i soccorritori hanno dovuto costruire al momento, una zattera in legno per adagiarci la mucca e trasportarla con delle corde fuori dal torrente.

Sicuramente quella situazione poteva capitare facilmente, mentre la caduta nel pozzo era tranquillamente evitabile se fosse stato chiuso o almeno coperto. Ogni pozzo in disuso dovrebbe essere chiuso e dismesso secondo quanto prevede la legge. Questo perché la pericolosità è molto alta come abbiamo già potuto vedere.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Cambiamenti climatici, sempre più rischiosi. Alcune zone rischiano l’estinzione

Se un pozzo in disuso si trova in una residenza privata allora la chiusura è a carico di quest’ultimo. Diverso è invece se il pozzo è abbandonato. In quel caso è il Comune a dover intervenire per chiuderlo oppure demolirlo direttamente. La chiusura definitiva di un pozzo consiste nel suo riempimento e in seguito alla sua sigillatura. Tuttavia in alcuni casi potrebbe essere necessaria una rimozione totale o parziale del vecchio rivestimento.