Bonus carburante, c’è tempo fino al 12 settembre: come fare domanda

C’è un bonus benzina da non perdere, la domanda si può fare dal 12 settembre. Ecco a chi spetta il rimborso carburante.

Bonus benzina
Benzina-foto pixabay planet_fox

È previsto un altro bonus benzina a partire dal 12 settembre. La domanda si potrà fare direttamente sulla piattaforma messa a disposizione dall’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli. Queste istanze riguardano le spese sostenute tra gennaio e marzo 2022, in modo tale da riuscire ad ottenere un parziale rimborso tramite il credito d’imposta da usare in compensazione.

Visti i numerosi rincari del carburante, dovuti principalmente all’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, sono molte le persone in difficoltà. Un bonus carburante può fare la differenza a molti. Tante persone hanno bisogno dell’auto per recarsi a lavoro e di conseguenza spendono molti soldi in carburante.

Nuovo bonus benzina, chi può richiederlo

Bonus benzina autotrasportatori
Autotrasportatori-foto pixabay rgaudet17

Questo nuovo bonus benzina è stato introdotto dal decreto Aiuti. I dettagli operativi si trovano nei decreti del ministero delle infrastrutture e delle Mobilità, sostenibili del 13 luglio 2022 e del 29 luglio. Sono stati stanziati 497 milioni di euro per il 2022.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Treni ad idrogeno, come funzionano? La fine dei treni diesel

Il credito d’imposta relativo al bonus benzina è pari al 28% delle spese sostenute nel primo trimestre del 2022 al netto dell’Iva per l’acquisto di carburante impiegato sui mezzi di categoria Euro 5 o superiore. La domanda è da presentare a partire dal 12 settembre attraverso la piattaforma dell’Agenzia delle Dogane.

Il primo passo da fare è entrare con le proprie credenziali Spid,Cie o Cns e una volta fatta l’autenticazione si può procedere con l’istanza che sarà unica per ogni azienda. È inoltre prevista l’autodichiarazione della qualità di società di trasporto merci.

L’utente deve poi selezionare il soggetto per cui intende operare, quindi sè stesso, aziende di cui è titolare oppure aziende di cui è rappresentante legale o incaricato. Non è in alcun modo possibile delegare altri soggetti alla presentazione dell’istanza. Ogni domanda contiene l’identificativo SDI delle fatture di acquisto in Italia del gasolio relativo al primo trimestre dell’anno 2022.

La piattaforma messa a disposizione per il bonus rimarrà aperta dal 12 settembre fino ai 30 giorni successivi. In questo lasso di tempo quindi si potrà inserire una istanza, mettere una nuova istanza in sostituzione della precedente in caso in cui non risulti già accettata e anche inserire una nuova istanza in sostituzione della precedente a seguito di un esito negativo.

Chi può dunque beneficiare del bonus? Tutte le imprese di autotrasporto di merci per conto di terzi con sede o stabile organizzazione in Italia. Il credito d’imposta verrà attribuito fino ad esaurimento delle risorse, in base all’ordine cronologico di presentazione delle richieste. E chiaramente entro i limiti del Registro nazionale degli Aiuti di Stato.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Sceglie di lavorare in un’azienda agricola e svela il suo guadagno: la verità è assurda

Il contributo riconosciuto si può usare solo in compensazione, tramite presentazione del modello F24 attraverso i servizi telematici dell’Agenzia delle entrate. Questa misura è cumulabile con altre agevolazioni della stessa tipologia. A patto però che non venga superato il totale delle spese sostenute e non concorre alla formazione di reddito d’impresa.