Cachi, è arrivato il loro momento: proprietà e controindicazioni

Arriva il periodo dei cachi, ecco allora tutto quello c’è da sapere al riguardo. Proprietà nutrizionali e benefiche.

Cachi proprietà frutto
Cachi-foto pixabay cwpekr

I cachi sono i frutti più autunnali che si siano. Sono piccole palle rotonde di color arancione, soffici e dolcissime. Questi frutti hanno molti valori nutrizionali e proprietà benefiche davvero ottime per l’organismo.

Sono considerati energici per esempio e di conseguenza sono molto indicati per bambini, anziani e amanti dello sport. Hanno poi proprietà lassative, diuretiche e anche epatoprotettive. Scopriamo nel dettaglio tutti i benefici di questo fantastico frutto.

Le proprietà benefiche dei cachi

Cachi valori nutrizionali
Cachi-foto pixabay jackmac34

I cachi sono dei frutti a basso tenore calorico, 100 grammi di cachi forniscono circa 65-70 kcal. L’acqua ne costituisce l’80%, gli zuccheri il 16-18%, le fibre sono invece calcolate intorno al 2,5%, le proteine allo 0,6% e i grassi allo 0,3%.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Buccia della frutta, la butti? E’ un errore gravissimo

Chiaramente poi questo frutto contiene poi molti sali minerali e il più presente in assoluto è il potassio, che conferisce al cachi le proprietà diuretiche. Inoltre anche il fosforo è presente, oltre al calcio, sodio e magnesio. In tracce poi si ritrova anche il selenio e il manganese.

La quantità di vitamina C è poi considerevole. E la quantità di acido ascorbico varia in funzione del grado di maturazione del frutto che è variabile da 50 mg a 7 mg nei cachi maturi. Questi frutti sono poi ricchi di beta-carotene, precursore della vitamina A. 100 mg di prodotto fresco apporta 1,4 mg di retinolo equivalenti. I pigmenti agiscono in modo sinergico con la provitamina A e ne potenziano l’azione finale.

Inoltre il cachi acerbo è ricco di tannini a cui sono dovute le proprietà astringenti. I tannini sono responsabili anche della sensazione di bocca legata. Durante la maturazione però la quantità di tannini si riduce alquanto e gli zuccheri aumentano invece.

Il cachi è un frutto energico per la sua quantità di zuccheri perciò è sconsigliato per chi soffre di diabete o obesità. È però raccomandato in caso di inappetenza, stress psicofisico e sport. Andrebbe consumato crudo questo frutto per garantire le vitamine e i sali minerali.

Questo frutto è poi anche consigliato per chi soffre di disturbi epatici, emorragie o cure antibiotiche responsabili di una compromissione della flora intestinale. È anche un ottimo rimedio contro lo stress ed è consigliato in caso di stanchezza e astenia.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Frutta acerba, come farla maturare in poco tempo. I trucchi che funzionano

Esercita poi un’importante attività protettiva nei confronti di milza, stomaco, pancreas ed intestino tenue. Si possono preparare moltissime ricette benefiche e sfiziose con il cachi, come ad esempio il budino o una torta o crostata.