I lupi sono coraggiosi grazie ad un parassita? Il nuovo studio in merito

Un parassita sta rendendo più coraggiosi i lupi? Alcuni parassiti possono cambiare il comportamento degli animali. 

Lupi infettati cambiamento comportamento
Lupo-foto pinterest emmeci

Secondo uno studio pubblicato su Communications Biology, alcuni lupi abbiamo modificato il loro comportamento dopo aver preso un parassite. Si tratta della toxoplasmosi che è una patologia molto diffusa e anche tanto ignorata.

Colpisce una percentuale mondiale della popolazione tra il 30 e il 50%. Nella maggior parte dei casi però non causa alcun sintomo. In pratica si potrebbe essere infetti ma senza saperlo. È causata dal protista che è un microrganismo primitivo composto da una sola cellula, il toxoplsma gondii.

Questa malattia non colpisce solamente gli umani ma anche tutti gli altri mammiferi. Solo nei felini però riesce a riprodursi per il momento. A quanto pare questo parassita è riuscito a contagiare anche un gruppo di lupi che in seguito ha assunto comportamenti diversi.

Il legame tra la toxoplasmosi e il comportamento

Toxoplasmosi lupi comportamento
Toxoplasmosi-foto pinterest lescienze.it

Alcuni studi, come si legge sulla rivista Focus, affermano che le persone affette da toxoplasmosi hanno modificato il loro comportamento, diventano più propense a rischiare nelle loro scelte di vita. La stessa cosa pare valere anche per i lupi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Branco di lupi costeggia la riva di un fiume italiano: la situazione

Perciò ci sarebbe un legame tra la presenza di Toxoplasma e i loro cambiamenti comportamentali anche se non è chiaro se i secondi siano la conseguenza della prima o il contrario. Quando il parassita infetta un organismo si richiude in una ciste protettiva e si va ad insidiare nel corpo dell’animale dove rimane dormiente per diversi anni.

Vari studi in passato hanno dimostrato un legame tra la presenza di queste cisti e anche un cambiamento nell’individuo colpito, che diventa più aggressivo e propenso a prendere rischi. Altri studi però pare non abbiano dato gli stessi risultati.

Pertanto un team ha cercato di verificare la teoria osservando dei lupi del parco di Yellowstone infettati da toxoplasmosi. Questi dati sono poi stati incrociati con quelli dei puma che sono i più importanti portatori del parassita. Le analisi hanno rivelato che i lupi con toxoplasmosi si addentrano più spesso nel territorio dei puma piuttosto che gli esemplari sani.

Inoltre la frequenza di abbandono del branco è più alta nei lupi infettati. E i malati hanno una probabilità di 46 volte più alta di diventare leader di un branco. Perciò c’è un legame effettivo tra l’infezione e un comportamento alquanto coraggioso e incosciente. I dati possono anche essere interpretati in un altro modo, ossia che gli esemplari più coraggiosi sono quelli più soggetti ad essere infettati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Parassiti alimentari: quali sono e come evitarli. Questo è il modo più semplice

Tuttavia altri esperimenti sul parassita hanno dato risultati simili, in particolare nelle iene. Queste sono risultate più coraggiose avvicinandosi ai leoni. Anche alcuni roditori smettono di avere paura dei gatti se infettati. Se questo parassita fosse davvero in grado di modificare il comportamento delle vittime, sarebbe una scoperta importante.