Macchine mangia plastica, puoi guadagnare riciclando: le cridre

Stanno arrivando le macchine mangiaplastica, con questa invenzione si potranno guadagnare dei soldi riciclando. 

Plastica riciclata con le macchine
Plastica riciclo-foto pinterest orizzonteenergia.it

Le macchine mangia plastica si stanno diffondendo moltissimo. Arriveranno anche a Sorrento. Un primo eco-compattatore è stato installato presso l’area di parcheggio comunale Achille Lauro, dal Comune di Sorrento e da Pensiolaverde.

È un progetto sperimentale per l’installazione, in collaborazione con il consorzio Coripet, di eco-compattatori in grado di selezionare le bottiglie Pet, ridurne il volume e favorire il loro riciclo. In questo modo si incentiva la raccolta differenziata e si contribuisce a contenere la produzione di rifiuti di plastica.

Per partecipare all’iniziativa si può scaricare l’applicazione Coripet sullo smartphone e completare la registrazione. Basterà recarsi poi all’eco-compattatore e farsi riconoscere tramite il codice a barre dell’applicazione. Si dovrà aprire uno sportello dove inserire le bottiglie vuote non schiacciate con l’etichetta intatta e con il simbolo PET. Per ogni bottiglia si ottiene un ecopunto.

Le macchine mangia plastica riciclano e vi fanno guadagnare

Mangia plastica ecco come funziona
Plastica riciclo-foto pinterest orizzonteenergia.it

L’invenzione delle macchina mangia plastica sta riscuotendo molto successo. Si possono guadagnare soldi riciclando. Ogni bottiglia vale un ecopunto e ogni 200 ecopunti sarà possibile recarsi presso lo sportello Ambiente, che si trova nei pressi della macchina dove si potrà ricevere un buono del valore di 3,00 euro da spendere per una spesa di almeno 30,00 euro presso le attività commerciali aderenti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>20milioni di multa a causa dell’inquinamento: la nazione che pagherà

L’obiettivo del programma mangiaplastica, che è stato promosso dal ministero dell’ambiente e della Sicurezza Energetica è quello di centrare l’obiettivo fissato dalla normativa per raccogliere almeno il 77% delle bottiglie Pet messe sul mercato entro il 2025 e il 90% entro il 2030.

In questo momento più che mai occorre riciclare in modo intelligente senza sprecare e riutilizzare dove e quando è possibile. Sopratutto la plastica che è la più difficile da smaltire e quella responsabile del maggior inquinamento presente sulla terra. Specialmente negli oceani che sono devastati dalle microplastiche che vengono ingerite dai pesci che poi mangiano gli umani.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Inquinamento, i consigli per combatterlo giorno dopo giorno

Il mare e l’atmosfera hanno raggiunto livelli d’inquinamento tali da causare un cambiamento climatico davvero spaventoso come abbiamo già potuto vedere. Un inversione di marcia è necessaria e fondamentale per la sopravvivenza della terra, bisogna  agire in ogni modo.