Crisantemo, le cure necessarie per una coltivazione da pollice verde

Il crisantemo è un tipo di pianta dai mille colori e forme, si coltiva facilmente con qualche accorgimento specifico. 

Crisantemo come coltivarlo
Crisantemo-foto pinterest orizzonteenergia.it

Il crisantemo è una pianta perenne erbacea molto resistente che comprende 200 specie circa e appartiene alla famiglia delle Asteraceae o Compositae. È caratterizzato da foglie lobate o profondamente suddivise e sugli steli ramificati si formano capolini con un disco giallo e una corona di petali a forma ovale molto allungata.

In Italia è conosciuto come il fiore dei morti per colpa della sua stagionalità, fiorisce infatti a novembre in concomitanza con la festa del Giorno dei Morti. Invece in Corea e in Cina per esempio ha un altro significato, infatti è il fiore nazionale.

I crisantemi vengono regalati in occasione di comunioni compleanno e matrimoni. In Inghilterra si regala invece quando nasce un bambino. In Australia invece viene regalato per la festa della mamma. Ma scopriamo come si coltiva questa pianta.

Come coltivare il crisantemo

Crisantemi ecco come fare a coltivarli
Crisantemo-foto pinterest orizzonteenergia.it

Il crisantemo si può coltivare facilmente all’esterno, possibilmente in pieno sole ma si può anche coltivare in vaso. La rinvasatura avviene a fine inverno usando un vaso leggermente più grande rispetto al precedente. Il crisantemo richiede terreno fertile di medio impasto o sciolto provvisto di sostanze naturali con un leggero grado di acidità.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Crisantemi, bisogna potarli nel modo corretto altrimenti son guai

Per quanto riguarda la concimazione in vaso aggiungere fertilizzante ternario ad alto contenuto di azoto nel periodo vegetativo e quello della fioritura invece deve essere ad alto contenuto di potassio. La temperatura minima va dagli 8 ai 10 gradi e la fioritura avviene con temperature dai 14 ai 18 gradi. Occorre annaffiare la pianta in modo frequente durante lo sviluppo dei fiori e meno invece durante l’inverno quando le temperature si abbassano notevolmente.

Per poter mantenere al meglio la pianta, vanno eliminate le parti danneggiate. La propagazione del crisantemo avviene tramite semina a primavera, ma la più comune è invece la talea apicale che è di 8 cm e si effettua in primavera estate.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Crisantemi, come scegliere i più belli e come curarli

Il terriccio deve essere composto di torba e sabbia e le talee vanno fatte radicare in una zona umida e ombreggiata. Queste sono in linea di massima le indicazioni che servono per coltivare nel modo giusto la pianta di crisantemi.