Prato a rotoli (in inverno): manutenzione, irrigazione e concimazione

Come si fa la manutenzione del prato a rotoli? Quando si concima e come bisogna irrigarlo, ecco tutto quello che c’è da sapere. 

Prato a rotoli manutenzione
Prato-foto pinterest orizzonteenergia.it

PER TUTTI GLI ALTRI AGGIORNAMENTI SEGUICI SU INSTAGRAM

Avere un prato bello verde e rigoglioso è sicuramente il sogno di tutti quelli che hanno un giardino o uno spazio all’aria aperta. Ma come si fa a raggiungere questo risultato, come si fa ad avere il giardino curato? Non è semplice ma con una buona manutenzione si possono ottenere ottimi risultati.

Molte persone optano per il prato a rotoli che assicura dei risultati davvero incredibili anche per chi non ha esperienza di giardinaggio. Scopriamo nel dettaglio come fare a prendersi cura del prato a rotoli, come concimarlo, irrigarlo e come fare la manutenzione.

Una concimazione del prato a rotoli fa la differenza, pertanto occorre sapere quale concime bisogna usare e quando va concimato. La concimazione varia molto in base al momento in cui viene effettuata e sono 3 le fasi da rispettare per ottenere un prato folto e rigoglioso.

Come ottenere un prato a rotoli perfetto

Prato a rotoli come gestirlo in inverno
Prato-foto pinterest orizzonteenergia.it

Per avere un prato perfetto occorre seguire una serie di indicazioni, per esempio c’è da fare la concimazione che si fa prima della posa. Bisogna somministrare al terreno specifici microrganismi in grado di proteggere il prato durante lo sviluppo. Il concime per prato a rotoli ideale sarebbe quello ricco di acidi umici e acidi fulvici di provenienza vegetale. Quando il concime sarà distribuito con un rastrello sarà necessario irrigare leggermente il terreno.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Erbacce, puoi eliminarle salvando il prato. La tecnica giusta è questa

Una settimana dopo la posa è necessario provvedere al sostentamento del prato a rotoli, l’obiettivo è quello di renderlo più forte e vigoroso e per raggiungerlo occorre fare in modo che le radici di sviluppino in profondità. Serve un concime che sia un radicante liquido con un alto contenuto di fosforo. Il radicante però va diluito in acqua e va distribuito sul prato in modo uniforme. A fine trattamento bisogna irrigare.

Dopo poi 4 settimane dalla posa il prato a rotoli ha già assorbito tutti i nutrienti iniziali, pertanto è necessario integrare nel terreno un concime granulare da scegliere in base al mese in cui viene eseguita questa fase. Quando sarò ben distribuito il prato attecchirà in modo definitivo.

Per l’irrigazione bisogna farla al mattino presto, ripulendo poi l’erba dall’acqua che nella notte si è condensata e causa l’insorgenza di malattie fungine. Poi le temperature al mattino sono ancora basse e quindi consentono al terreno di assorbire meglio l’acqua.

In estate bisogna bagnare il terreno ogni giorno ma una sola volta e quando fa molto caldo anche ogni due giorni. Irrigare poi il terreno appena è asciutto. Non bisogna però creare ristagni, quindi prima d’irrigare controllare che il terreno sia asciutto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Curare il prato in inverno, tutti i modi per farlo. Sarà sempre bello e rigoglioso

Il taglio dell’erba è un altro punto fondamentale per avere sempre il prato ordinato. In estate va tagliato ogni 15 o 20 giorni e in inverno invece il taglio va sospeso. Non serve tagliare il prato per il periodo che va da novembre a febbraio. L’altezza indicata è tra 4 e 5 cm. Vanno poi estirpate le erbe e piante infestanti e poi occorre arieggiare il prato facendo dei fori.