Occhio a queste piante, creano moltissima sporcizia: la lista completa

Le piante creano sporcizia? La risposta è sì, ci sono alcune specie che la creano ecco per quale motivo e in che modo.

Albero sambuco perde petali
Albero sambuco-foto pinterest orizzonteenergia.it

Piante e fiori abbelliscono i balconi, ma sovente creano sporcizia.

Sporcizia che non limita la sua presenza nel balcone in cui sono posizionati, ma si estende a quelli circostanti. Alcune forme di invasione rami e foglie sono particolarmente fastidiose; una di queste è la cadute dei petali di gerani. La ragione sta nel fatto che questi sporcano e macchiano. Se non si sta attenti si può arrivare anche a litigi e cause tra vicini e in casi rari, ma non impossibili, il rischio è finanche quello del processo penale. Partiamo dal quesito di un frequentatore del nostro forum per affrontare l’argomento.

Le piante più sporche che ci siano

Glicine pianta che perde petali
Glicine-foto pinterest orizzonteenergia.it

Una delle piante che crea più sporcizia in assoluto è la tamaya, si tratta di una splendida pianta che piace per le foglie asimmetriche e maculate di ghiaccio e per la fioritura quasi ininterrotta di piccole farfalle corallo o bianche. Produce anche nuove gemme fogliari in continuazione che durante lo sviluppo sono avvolte da perule cartacee marroncine che una volta finita la funzione protettiva dopo pochi giorni cadono a terra.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Le piante in camera da letto possono fare male? Tutto quello che devi sapere

Poi in aggiunta anche i fiorellini umidi e mollicci si staccano al minimo urto e a fine ciclo. Il risultato è quello di avere perennemente residui marroni che svolazzano sul pavimento e anche residui rosa o bianchi che si appiccicano per terra.

Anche il Ficus benjamina è una pianta che perde molte foglie quando lo si porta a casa, o si accende il riscaldamento o si cambia la posizione. Le foglie secche finiscono dappertutto. Bisogna fare attenzione anche alla pianta del caffè che se lasciata a secco perde le coriacce foglie.

La stessa cosa vale per la pachira, anche questa è una pianta che soffre degli squilibri idrici ai quale reagisce liberandosi delle foglioline e poi anche del picciolo che le porta. C’è anche la stella di Natale che con il calore eccessivo o se si sbaglia ad annaffiarla perde subito le foglie verdi e quelle rosse. Queste foglie per altro sono velenose se ingerite da animali o bambini.

Spesso la nevicata di petali causa litigi con i vicini perché questi petali finiscono inevitabilmente nel loro giardino. Allora per evitare discussioni è meglio avere delle piante che non hanno questi problemi, quindi evitate di comprare gerani, edera o parigini o zonali a petalo unico. Se poi sono rossi macchiano il pavimento su cui cadono e i vicini hanno tutte le ragioni di lamentarsi.

Ci sono poi anche gli oleandri a fiore semplice che si liberano delle corolle finite ma lo fanno quando sono già secche e quindi non si appiccicano. Ma si sbriciolano se calpestate. Poi ci sono altre specie pasticcione come la bella di notte, la plumbago, la petunia e la begoniette.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Giardino perfetto tutto l’anno: queste le piante sempreverdi

Il glicine è molto sporco, perde tantissimi petali. E anche il ligustrino da siepe e il rincospermo o falso gelsomino. Tutti producono delle fioriture copiose lilla o candide che si sfaldano in residui bianco sporco o giallo-marroncini. Ci sono anche molti alberi che hanno una post fioritura importante, come il tiglio, il ginko biloba e anche i gelsi e l’albero di sambuco.