NewsEnergia & MercatoMercato & BolletteStakeholder energiaTerna

A settembre consumi elettrici da record per il 2011

    Il consumo nel mese scorso è stato pari a 28,8 miliardi di kWhkWh
    Unità di misura dell’energia elettrica equivalente a 1.000 Wh (wattora), ovvero 1.000 W forniti o richiesti in un’ora.
    , +6,1% rispetto allo stesso periodo del 2010

     

    I consumi di energia elettricaenergia elettrica
    Forma di energia ottenibile dalla trasformazione di altre forme di energia primaria (combustibili fossili o rinnovabili) attraverso tecnologie e processi di carattere termodinamico (ovvero che coinvolgono scambi di calore) che avvengono nelle centrali elettriche. La sua qualità principale sta nel fatto che è facilmente trasportabile e direttamente utilizzabile dai consumatori finali. Si misura in Wh (wattora), e corrisponde all’energia prodotta in 1 ora da una macchina che ha una potenza di 1 W.
    in Italia sono in continua crescita tanto è vero che nel mese di settembre si è registrato il valore percentuale di incremento più alto dall’inizio dell’anno. Secondo i dati forniti infatti da Terna il consumo è stato pari a 28,8 miliardi di kWh, con una crescita del +6,1% rispetto allo stesso mese del 2010 ed un aumento complessivo pari allo +1,7% della domanda di elettricità nei primi 9 mesi del 2011. In pratica, non si registrava un incremento così consistente dal dicembre 2010.

    Depurata dall’effetto temperatura (rispetto a settembre 2010, a parità di giorni lavorativi, si è infatti avuta una temperatura media mensile superiore di circa due gradi centigradi ) la variazione della domanda di settembre 2011 diventa +5,0%.

    Nel mese di settembre 2011 la domanda di energiaenergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    elettrica è stata soddisfatta per un 89,7% con produzione nazionale e per la quota restante (10,3%) dal saldo dell’energia scambiata con l’estero. In dettaglio, la produzione nazionale netta (26,0 miliardi di kWh) si è incrementata di 8,5% rispetto a settembre 2010. Sono in crescita le fonti di produzione: idroelettrica (+4,8%), termica (+3,8%), geotermica (+5,4%), e fotovoltaica (+561,0%). In flessione la fonte eolica (-5,7%).??A livello territoriale, la variazione della domanda si è articolata in maniera omogenea: +6,5% al Nord, +5,2% al Centro e +6,0% al Sud. I 28,8 miliardi di kWh richiesti nel mese di settembre 2011 sono distribuiti per il 46% al Nord, per il 29% al Centro e per il 25% al Sud.

    In termini congiunturali, la variazione destagionalizzata della domanda elettricadomanda elettrica
    Quantità di energia elettrica che deve transitare sulla rete calcolata come la somma dei consumi degli utenti e delle perdite sulla rete. È sinonimo di fabbisogno elettrico.
    di settembre 2011 rispetto al mese precedente è stata pari a +1,0%. Il profilo del trend appare in fase di progressivo recupero.

     

    Fonte: Terna, 10/10/2011

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button