NewsAmbienteAcquaStakeholder energiaOrizzontenergia.itSalute E AmbienteNews: Acqua

Acqua: Italia, la gestione idrica va decisamente migliorata

    Secondo il primo rapporto del Water Management Report del Politecnico di Milano una rete efficiente permetterebbe un risparmio in energiaenergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    di 370 milioni di euro l’anno.

    risorse idriche ItaliaLa gestione corretta dell’”oro blu” farebbe risparmiare al nostro paese in energia 370 milioni di euro l’anno. E’ quanto dimostra la prima edizione del Water Management Report dell’Energy&Strategy Group della School of Management del Politecnico di Milano presentato ieri. Che punta il dito su una rete idrica (soprattutto dell’acqua dolce) poco efficiente. A fine 2015, ad esempio, l’acqua erogata nelle reti di distribuzionedistribuzione
    Attività di trasporto (di elettricità o di gas) agli utilizzatori finali attraverso le reti di distribuzione.
    in Italia è stata pari a circa 4,8 miliardi di metri cubi, con una dispersione media del 40,66% (contro il 37,19% del 2012) e punte di oltre il 50% nel Centro e sud dell’Italia
    . Il potenziale teorico di risparmio energeticorisparmio energetico
    Con questo termine si intendono tutte le iniziative intraprese per ridurre i consumi di energia, sia in termini di energia primaria sia in termini di energia elettrica, adottando stili di vita e modelli di consumo improntati ad un utilizzo più responsabile delle risorse.
    annuo si traduce in circa 370 milioni di euro, quello idrico in 2,7 miliardi di metri cubi d’acqua.

    Il Water Management Report descrive l’infrastruttura idrica italiana e quantifica i livelli di acqua prelevata, resa potabile, immessa ed erogata nella rete idrica italiana, evidenziando i livelli di dispersione sia nella singola regione sia a livello nazionale. Ne risultano enormi spazi per migliorare l’efficienza. Secondo il Report, nella rete civile è possibile ottenere un risparmio idrico potenziale di 2,7 miliardi di metri cubi l’anno ad associare quello energetico di oltre 2 TWh. Proprio questi ultimi equivalgono a 370 milioni di euro non spesi.

    Occorrono pertanto interventi nel lungo termine di risanamento e sostituzione delle tubature per ridurre il livello delle perdite, che permetterebbero di raggiungere un potenziale di risparmio idrico di circa 1,2 miliardi di metri cubi. In termini di risparmio energetico significano l’equivalente poco inferiore a 1 TWh (circa 160 milioni di euro), cioè il 50% in meno rispetto alla stima teorica.

     

    Orizzontenergia

     

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *