NewsNucleareStakeholder energiaAdico

ADICO: LA CATASTROFE GIAPPONESE ED IL RISCHIO NUCLEARE

    Il sisma che ha investito il Giappone l’11 marzo c.a. intorno alle 20 italiane ha fatto registrare almeno quattro fortissimi terremoti, tutti superiori al sesto grado della scala Richter con un bilancio reso peggiore dallo spaventoso tsunami e poi dal pericolo nuclearenucleare
    Forma di energia derivante dai processi che coinvolgono i nuclei atomici (fissione e fusione).
    .

    Un pericolo, quello nucleare, culminato anche questa volta con la conseguente fuoriuscita di materiale radioattivo; da un reattore della centrale nuclearecentrale nucleare
    Le centrali nucleari hanno uno schema di funzionamento del tutto simile a quelle di una classica centrale a vapore. La differenza sta nel modo in cui viene generato il calore. Infatti nelle centrali nucleari non ci sono i generatori di vapore classici, ma il vapore viene generato utilizzando il calore messo a disposizione dalla reazione nucleare di fissione. Questa consiste in una reazione a catena nella quale alcuni atomi colpiti da neutroni si dividono in atomi più leggeri dando origine ad altri neutroni che colpiscono altri atomi,ecc… liberando un enorme quantitativo di energia secondo il principio di Einstein. Le centrali nucleari che sfruttano la fusione sono ancora in fase di studio.
    in questo caso della centrale di Fukushima.

    Una centrale progettata con tutti i più avanzati sistemi di sicurezza e dotata di criteri tecnici che avrebbero dovuto resistere a terremoti di qualunque entità, così come previsto da un Paese, tecnologicamente molto avanzato, abituato a fare i conti con onde sismiche di elevata potenzapotenza
    Grandezza data dal rapporto tra il lavoro (sviluppato o assorbito) e il tempo impiegato a compierlo. Indica la rapidità con cui una forza compie lavoro. Nel Sistema Internazionale si misura in watt (W).
    . Non c’è bisogno di aggiungere nulla all’evidenza – dichiara il presidente dell’ADICO, Carlo Garofolini – ma dobbiamo riflettere attentamente nel valutare e definire sicure le centrali nucleari che si vorrebbero costruire in Italia, paese a rischio sismico e idrogeologico, dove non è in alcun modo possibile garantire la stabilità e la sicurezza di impianti così pericolosi.

    Comunicato stampa Associazione Difesa Consumatori, 13/03/2011

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *