NewsEnergia & MercatoFossiliCarboneGasNucleareRinnovabiliEolicoIdroelettricoSolareStakeholder energiaOrizzontenergia.itAie-agenzia Internazionale Dell'energiaElettricità

AIE: Domanda mondiale di elettricità aumenterà del 70 per cento entro il 2035

    La domanda globale di energia elettricaenergia elettrica
    Forma di energia ottenibile dalla trasformazione di altre forme di energia primaria (combustibili fossili o rinnovabili) attraverso tecnologie e processi di carattere termodinamico (ovvero che coinvolgono scambi di calore) che avvengono nelle centrali elettriche. La sua qualità principale sta nel fatto che è facilmente trasportabile e direttamente utilizzabile dai consumatori finali. Si misura in Wh (wattora), e corrisponde all’energia prodotta in 1 ora da una macchina che ha una potenza di 1 W.
    potrebbe aumentare oltre il 70% entro il 2035, grazie soprattutto all’aumento del consumo nei paesi emergenti, quanto è emerso dagli ultimi dati resi noti dall’Agenzia Internazionale dell’EnergiaEnergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
     (AIE) con l’ultimo rapporto
    World Energy Outlook 2012. La proiezione dei consumi globale, secondo l’AIE avrebbe una crescita del 2,2% annuo.

    Oltre l’80% della crescita proverrà dai paesi  fuori OCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico). La Cina registrerà un incremento del 38% e la domanda in India è prevista aumentare del 13%.

    La capacità di generazione globale si espanderà di quasi tre quarti, cioè da 5.429 GW del 2011 a 9.340 GW nel  2035“, quanto si evince dal recente rapporto. Tale espansione equivale a circa 4.000 centrali di generazione elettrica  di dimensioni standard.

    Le centrali a gas ed il parco eolico rappresentano quasi il 50% dell’incremento, seguiti dalle centrali a carbonecarbone
    Il carbone è una roccia sedimentaria composta prevalentemente da carbonio, idrogeno e ossigeno. La sua origine, risalente a circa 300 milioni di anni fa, deriva dal deposito e dalla stratificazione di vegetali preistorici originariamente accumulatisi nelle paludi. Questo materiale organico nel corso delle ere geologiche ha subito delle trasformazioni chimico-fisiche sotto alte temperature e pressioni. Attraverso il lungo processo di carbonizzazione questo fossile può evolvere dallo stato di torba a quello di antracite, assumendo differenti caratteristiche che ne determinano il campo d’impiego.
    I carboni di formazione relativamente più recente (ovvero di basso rango) sono caratterizzati da un’elevata umidità e da un minore contenuto di carbonio, quindi sono ‘energeticamente’ più poveri, mentre quelli di rango più elevato hanno al contrario umidità minore e maggiore contenuto di carbonio.
    ed idroelettriche, con un aumento del 15% ciascuno
    “, si legge sul documento.

    Anche la capacità dei parchi ad energia solareenergia solare
    Energia radiante derivante dal Sole e che raggiunge la Terra sotto forma di radiazione elettromagnetica. Ad oggi esistono fondamentalmente due modi per sfruttare l’energia solare direttamente: attraverso i pannelli solari (per la produzione di energia termica ed elettrica), pannelli fotovoltaici (per la produzione di energia elettrica). L’energia dal Sole è fondamentale anche per lo sviluppo delle altre forme di energia rinnovabili (per esempio per la crescita della biomassa, per i moti dei venti, per il ciclo idrologico delle acque, ecc..).
    si espanderà rapidamente, due volte e mezzo più rispetto al  nuclearenucleare
    Forma di energia derivante dai processi che coinvolgono i nuclei atomici (fissione e fusione).
    . L’incremento della generazione da energia solare supererà quella del nucleare del 50%
    ”.

    le rinnovabili diventeranno quindi entro il 2015 la seconda fonte al mondo per produzione di energia elettrica mentre nel 2035 sorpasseranno il carbone e diverranno la fonte primaria, anche se tutto questo dipenderà esclusivamente dalle nuove sovvenzioni che verranno messe a disposizione dei settori green in base alle politiche energetiche locali.

    L’AIE ha dichiarato che il costo stimano per lo sviluppo della ricerca nel settore energetico sarebbe di 9,7 miliardi di dollari sino al 2035 e che occorrerebbero altri 7,2 miliardi di dollari d’investimenti per lo sviluppo delle reti di trasmissionetrasmissione
    Attività di trasporto dell’elettricità sulla rete a partire dai centri di produzione sino ai centri di utilizzo. Il maggiore proprietario della rete di trasmissione nazionale dell’energia elettrica ad alta tensione è Terna.
    e fornitura, di cui il 40% sarebbe destinato alla sostituzione d’infrastrutture obsolete.

    Orizzontenergia.it

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button