NewsMobilitàMobilità SostenibileStakeholder energiaEnea

AL VIA ALL’AQUILA IL SISTEMA DI TRASPORTO INTELLIGENTE REALIZZATO DA ENEA E UNIVERSITA’ LA SAPIENZA

    Il sistema di trasporto “intelligente” a chiamata, realizzato in collaborazione dall’ENEA e dal Centro di Ricerca per il Trasporto e la Logistica (CTL) dell’Università “La Sapienza” di Roma, sarà attivato nei prossimi mesi nel capoluogo abruzzese.

    Il progetto è stato sperimentato nei primi mesi del 2013 presso il Centro Ricerca ENEA di Casaccia per le esigenze di trasporto del personale interno.

    Il veicolo si avvale di tecnologie in grado di verificare in tempo reale lo stato di carica delle batterie, favorendo l’impiego di un accumulo elettrico minimo e la possibilità di effettuare ricariche parziali ad intervalli predefiniti.

    I punti di rifornimento sono posizionati lungo il percorso e al capolinea. Per limitare il peso a bordo e ottimizzare i costi di approvvigionamentoapprovvigionamento
    Insieme di attività finalizzate al reperimento dei quantitativi materie prime necessarie allo svolgimento delle attività economico-produttive di un Paese consumatore.
    , le batterie utilizzate sono di dimensioni ridotte.

    Tramite il ricorso alle ICT, il sistema è in grado di gestire tutte le richieste di trasporto che di volta in volta perverranno a un apposito sito internet. Dopo un’attenta valutazione delle capacità di trasporto e delle esigenze di ricarica del veicolo, uno speciale algoritmo programmerà il tragitto in base all’orario e alla destinazione dei singoli utenti. In seguito questi ultimi verranno informati, anche tramite sms, sull’effettivo orario di passaggio dell’autobus, al fine di minimizzare gli scostamenti rispetto all’orario richiesto in fase di prenotazione.

    A bordo della navetta sono installati sensori dedicati e altri sistemi di analisi che consentiranno di trasmettere in tempo reale a un centro di raccoltacentro di raccolta
    Area adibita alla raccolta dei rifiuti differenziati per frazioni omogenee presente all’interno di impianti di recupero e di trattamento. La disciplina dei centri di raccolta è regolamentata dal Ministero dell’ambiente.
    dati tutte le informazioni riguardanti il traffico, la posizione del veicolo, lo stato di carica delle batterie e il numero dei passeggeri.

    L’interazione tra il bus e la struttura di terra deputata alla raccolta dei dati viene realizzata tramite tecnologia GSM/GPR. Le notizie relative alla mobilità potranno essere inviate ad un server urbano per informare i cittadini sullo stato del traffico lungo il percorso della navetta, attraverso l’interazione con i pannelli luminosi dedicati all’infomobilità cittadina.

    Fonte: ENEA

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *