NewsRinnovabiliIdrogenoStakeholder energiaEnea

All’ENEA la leadership di un progetto europeo sui materiali nanostrutturati per lo stoccaggio dell’idrogeno

    Nell’ambito del programma di collaborazione COST (European Cooperation in Science and Technology), uno dei più collaudati strumenti comunitari per favorire la cooperazione tra i ricercatori dei vari paesi d’Europa, è stata conferito alla Dr.ssa Amelia Montone dell’ENEA l’incarico di coordinare le attività del progetto “Nanostructured material for solid-state hydrogen storage”

     

    Il progetto riguarda la tematica dell’accumulo dell’energiaenergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    e propone un network competitivo e coordinato capace di definire nuovi e inesplorati metodi per lo stoccaggiostoccaggio
    Attività di raccolta e deposito di una determinata risorsa. 
    di idrogenoidrogeno
    Primo elemento della tavola periodica, presente sulla Terra in forma combinata, soprattutto nell’acqua e nei composti organici. Esso è costituito da 3 isotopi: prozio (cioè l’idrogeno propriamente detto) per più del 99.9 %, il deuterio e il trizio. La forma molecolare dell’idrogeno (H2) dà origine ad un gas inodore, incolore, altamente infiammabile e molto più leggero dell’aria (ecco perché lo si trova in bassissime concentrazioni in atmosfera).
    mediante adsorbimento in materiali solidi
    (SSHS, Solid State Hydrogen Storage) attraverso una ricerca innovativa e interdisciplinare nel contesto dell’European Research Area.

    L’iniziativa riguarda in particolare lo stoccaggio di idrogeno in materiali nanostrutturati leggeri, e intende sfruttare le potenzialità delle esistenti tecniche di sintesi, di analisi delle strutture e di simulazione per raggiungere una capacità di controllo veramente a livello di atomoatomo
    È il costituente fondamentale della materia, che ne conserva le caratteristiche chimiche e fisiche. Più atomi si legano tra loro per formare aggregati più complessi, ovvero le molecole. L’atomo è costituito da un nucleo, contenente cariche positive e cariche neutre, dove si concentra quasi tutta la sua massa. Tale nucleo, che costituisce il “cuore” dell’atomo è circondato da una nube di elettroni (cariche negative) distribuiti a strati. Le forze che legano gli atomi sono di natura elettrica.
    nella progettazione di questi materiali. L’obiettivo finale è lo sviluppo di materiali specificamente studiati per applicazioni pratiche nel settore dei trasporti e dell’accumulo dell’energia, per sostenere nel medio-lungo periodo le economie dei Paesi Europei.

    Questa “Azione” del programma COST contribuisce a formare una “massa critica” di ricercatori, migliorando le condizioni di cooperazione e interazione per coordinare i risultati delle attività di ricerca e sviluppo nel campo dei materiali SSHS e superare le difficoltà per la loro applicazione industriale.

    Il primo meeting scientifico della COST Action “Nanostructured material for solid-state hydrogen storage” si terrà a Roma, presso la sede ENEA, dal 13 al 15 febbraio 2012. L’aggiudicazione del progetto da parte dell’ENEA rappresenta il frutto di una efficace collaborazione tra l’Unità Tecnica Tecnologie dei Materiali del Centro Ricerche Casaccia e l’Ufficio ENEA di Bruxelles.

     

    Fonte: Enea, 24/11/2011

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button