NewsAmbienteAcqua

Ambiente: Lanciato a Milano l'”Observatory for a Sustainable Water Industry”

    Gli ultimi anni sono stati tra i più caldi da quando esistono serie storiche che misurano la temperatura mondiale. Siccità prolungate e precipitazioni eccezionali hanno avuto conseguenze rilevanti sul normale approvvigionamentoapprovvigionamento
    Insieme di attività finalizzate al reperimento dei quantitativi materie prime necessarie allo svolgimento delle attività economico-produttive di un Paese consumatore.
    delle riserve idriche e provocato crisi in tutto il territorio del nostro Paese. Ed è con uno scenario analogo, se non probabilmente peggiore, che nel prossimo futuro le utilityutility
    Azienda che si occupa della forniutura di beni o servizi di pubblica utilità come ad esempio energia elettrica, gas e acqua.
    italiane dovranno fare i conti.

    Per far fronte a questa sfida è necessaria una Strategia Idrica Nazionale che permetta una pianificazione a lungo termine e ad ampio raggio per coordinare gli sforzi di tutti gli stakeholder lungo la filiera della gestione delle acque, e che coinvolga il Legislatore, l’Autorità per l’EnergiaEnergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    (AEEGSI), le amministrazioni locali e i consumatori. L’Observatory for a Sustainable Water Industry (OSWI), messo a punto da AGICI, in partnership con Assistenza Casa per il 2018, e lanciato nei giorni scorsi a Milano nel corso di un seminario che ha visto la partecipazione di Luca Mercalli (Presidente della Società Metereologica Italiana), Giovanni Valotti (Presidente di A2A e Utilitalia), Andrea Gilardoni e Marco Carta (rispettivamente Presidente e Amministratore Delegato di AGICI), Elena Gallo (Responsabile Unità Regolazione Tariffaria dell’Erogazione dei Servizi Idrici – AEEGSI), Lionello Guelfi (CEO di Assistenza Casa) e di rappresentanti di alcune tra le più importanti aziende idriche italiane, si propone di contribuire al dibattito attraverso un’attività di ricerca che nel prossimo anno si svilupperà su tre assi principali:

    posizionamento delle utility italiane rispetto alle sfide poste dal cambiamento climatico attraverso lo studio degli investimenti e delle priorità strategiche di un campione composto dalle 50 più rilevanti realtà del comparto;

    impatto sulla filiera industriale e dei servizi italiana degli investimenti realizzati e programmati alla luce degli interventi dell’Autorità per l’Energia;

    esigenze dei consumatori in termini di qualità del servizio, costi, impatto ambientaleimpatto ambientale
    L’insieme degli effetti (diretti e indiretti, nel breve o nel lungo termine, positivi o negativi, ecc..) che l’avvio di una determinata attività ha sull’ambiente naturale circostante.
    e anche di controllo pubblico o meno delle aziende del settore
    .

    I risultati di tali attività di ricerca porteranno alla stesura del primo Rapporto Annuale sul Servizio Idrico Integrato e di un working paper sulle esigenze dei consumatori che saranno presentati nel I Workshop OSWI ad aprile/maggio 2018.

    I cambiamenti climatici costituiscono una sfida nuova e gigantesca per le utility italiane” – commenta Andrea Gilardoni, Presidente di AGICI – “Proprio per questo è nato l’Osservatorio OSWI: per supportare con dati, informazioni, linee guida e proposte la pianificazione strategica delle utility idriche italiane”. “L’Italia come terra di abbondante risorsa idrica sembra essere oramai un ricordo del passato” – aggiunge Marco Carta, Amministratore Delegato per lo Sviluppo di AGICI. “L’acqua, ora e in futuro più che mai, è un bene prezioso e necessario di una pianificazione di lungo termine per ottimizzarne l’uso e preservarne il valore per le generazioni futurefuture
    Contratto a termine standardizzato, stipulato all’interno di un mercato regolamentato, in cui chi lo sottoscrive si prende l’obbligo di acquistare o vendere un determinato bene ad una data e prezzo prefissati.
    con tutti gli attori della filiera idrica
    ”.

     

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button