NewsAmbienteGreen EconomyPaesaggioSostenibilitàStakeholder energiaUnione Europea

Ambiente: nuovo piano d’azione UE a tutela della Biodiversità e Natura

    La Commissione europea ha adottato un nuovo piano d’azione per aiutare le regioni europee a tutelare la biodiversità e a sfruttare i benefici economici derivanti dalla protezione della natura.

    Il piano è composto da 15 azioni, da realizzare entro il 2019, finalizzate a migliorare rapidamente l’attuazione delle direttive Uccelli e HabitatHabitat
    Termine generico indicante l’ambiente naturale che permette la nascita e lo sviluppo di esseri viventi, animali o vegetali.
    , che costituiscono le politiche faro dell’UE in materia di natura.

    Queste direttive istituiscono la più vasta rete coordinata di zone protette ricche di biodiversità al mondo (la rete Natura 2000) che copre oltre il 18% della superficie terrestre e il 6% di quella marina nell’UE. Queste zone protette da sole rappresentano tra l’1,7 e il 2,5% del PIL dell’UE, grazie alla fornitura di servizi ecosistemici quali lo stoccaggiostoccaggio
    Attività di raccolta e deposito di una determinata risorsa. 
    del carboniocarbonio
    Elemento chimico costituente fondamentale degli organismi vegetali e animali. È alla base della chimica organica, detta anche chimica del carbonio: sono noti più di un milione di composti del carbonio. È molto diffuso in natura, ma non è abbondante: è presente nella crosta terrestre nella percentuale dello 0,08% circa, e nell’atmosfera prevalentemente come monossido (CO) e biossido (CO2CO2
    Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell’atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).

    ) di carbonio (anidride carbonica). Allo stato di elemento si presenta in due differenti forme cristalline: grafite e diamante., la depurazione delle acque, l’impollinazione e il turismo. Il piano d’azione adottato oggi mira a migliorare la gestione di queste zone, collegando in modo più ampio la protezione della natura e le attività socioeconomiche e coinvolgendo le autorità nazionali, i portatori d’interesse e i giovani.

    Frans Timmermans, primo Vicepresidente responsabile per la Qualità della legislazione, ha dichiarato: “Abbiamo condotto un riesame completo delle direttive da cui è risultato che rispondono allo scopo fissato. Ci assicureremo ora che esprimano il loro pieno potenziale tutelando e conservando la ricca biodiversità dell’Europa. Si tratta di un valido esempio di come la qualità della legislazione migliori la tutela degli elevati standard ambientali dell’UE.

    Jyrki Katainen, Vicepresidente responsabile per l’Occupazione, la crescita, gli investimenti e la competitività, ha aggiunto: Il piano contiene azioni concrete per una migliore applicazione delle direttive sulla tutela della natura. Stiamo ponendo solide basi per riconciliare la tutela della biodiversità e le attività economiche, compresi gli investimenti nel capitale naturale. Il nostro successo dipenderà dalla stretta cooperazione con i portatori d’interesse, in particolare le autorità locali e regionali.”

    Karmenu Vella, Commissario per l’Ambiente, gli affari marittimi e la pesca, ha affermato: “Il piano d’azione prevede ambiziosi miglioramenti dell’attuazione delle direttive sulla tutela della natura. Non c’è modo migliore di proteggere le generazioni futurefuture
    Contratto a termine standardizzato, stipulato all’interno di un mercato regolamentato, in cui chi lo sottoscrive si prende l’obbligo di acquistare o vendere un determinato bene ad una data e prezzo prefissati.
    che coinvolgere i giovani. È questo lo scopo del nostro corpo europeo di solidarietà, recentemente istituito. Le amministrazioni locali e regionali degli Stati membri possono assumere un ruolo guida nell’attuazione di questa e di altre politiche necessarie a tutelare il nostro patrimonio naturale.”

    Il Vicepresidente del Comitato europeo delle regioni, Karl-Heinz Lambertz, che è stato coinvolto visto il ruolo fondamentale che le autorità locali e regionali svolgono nell’attuazione delle direttive, ha dichiarato: “Il piano d’azione è un passo nella giusta direzione. In quanto assemblea che rappresenta le città e le regioni in Europa, ne sosterremo il lancio, impegnandoci con le autorità locali e regionali a garantire il conseguimento degli obiettivi di biodiversità entro il 2020.”

    Le 15 azioni da realizzare entro il 2019 si concentrano su quattro settori prioritari.

    Migliorare gli orientamenti e le conoscenze e assicurare una maggiore coerenza rispetto ai più ampi obiettivi socioeconomici

    • La Commissione aiuterà gli Stati membri ad attuare efficacemente la normativa e a coglierne i benefici economici. Intendiamo aggiornare, elaborare e promuovere attivamente gli orientamenti relativi alle procedure di autorizzazione dei siti, alla protezione e alla gestione delle specie, come pure gli orientamenti specifici per settore relativi a questioni importanti, quali ad esempio l’energia eolicaenergia eolica
      Energia ricavata dal vento in virtù della velocità con cui soffia. Questa forma di energia viene prodotta grazie a macchine eoliche (dette anche aerogeneratori) che convertono l’energia cinetica del vento in energia meccanica di rotazione, e, successivamente, in energia elettrica utilizzabile per differenti scopi.
      e idraulica e l’acquacoltura. Sono inoltre previsti nuovi orientamenti sull’integrazione dei servizi ecostistemici nel processo decisionale.
    • La Commissione aiuterà ad assicurare l’accesso pubblico in linea ai dati necessari all’attuazione delle direttive (ad esempio le immagini satellitari del programma Copernicus).

    Favorire la titolarità politica e rafforzare la conformità

    • Una maggiore chiarezza per i portatori d’interesse rafforzerà la conformità. La Commissione sosterrà gli Stati membri nell’attuazione delle misure di conservazione necessarie per tutti i siti.
    • La Commissione collaborerà con le autorità nazionali e regionali, i proprietari dei terreni e altri portatori d’interesse per migliorare l’attuazione e superare le sfide.

    Rafforzare gli investimenti nella rete Natura 2000 e migliorare l’uso dei finanziamenti dell’UE

    Migliorare la comunicazione e la sensibilizzazione, e il coinvolgimento di cittadini, portatori d’interesse e comunità

    • Sostenere lo scambioscambio
      Scambio tra energia elettrica immessa ed energia elettrica prelevata, nel caso in cui l’immissione e il prelievo avvengono in momenti differenti.
      di conoscenze con le autorità locali e regionali attraverso una piattaforma comune con il Comitato delle Regioni.
    • Coinvolgere i giovani attraverso il corpo europeo di solidarietà, ricorrendo all’intero stanziamento di 3,3 milioni di euro destinati all’impiego di volontari a sostegno della conservazione dei siti Natura 2000 e contribuendo attraverso i finanziamenti dell’UE a offrire ai giovani europei altre esperienze transfrontaliere di volontariato o di impiego.
    • Promuovere la sensibilizzazione, utilizzare nuove tecnologie e rafforzare il legame tra il patrimonio naturale e quello culturale, specialmente nel contesto dell’Anno europeo del patrimonio culturale che si celebrerà nel 2018.
    • Proclamare il 21 maggio giornata europea Natura 2000.

    Contesto

    Le direttive sulla tutela della natura (direttiva Uccelli del 1979 e direttiva Habitat del 1992) sono le pietre angolari della politica europea in materia di biodiversità. Nell’ambito del programma della Commissione “Adeguatezza ed efficacia della regolamentazione (REFIT)” sono state sottoposte a un controllo dell’adeguatezza (fitness check) che ha portato a una valutazione generale della loro efficacia ed efficienza. Il controllo dell’adeguatezza ha coinvolto tutti i portatori d’interesse, registrando un livello record di partecipazione, con la mobilitazione positiva di oltre 500 000 cittadini che hanno espresso il proprio sostegno alle direttive nel corso della consultazione pubblica tenuta dalla Commissione.

    Il 16 dicembre 2016 la Commissione ha pubblicato le conclusioni sul controllo dell’adeguatezza delle direttive Uccelli e Habitat, in cui si conferma che le direttive sulla tutela della natura rispondono allo scopo fissato ma il raggiungimento dei loro obiettivi e la piena realizzazione del loro potenziale dipendono da un sostanziale miglioramento della loro attuazione in termini tanto di efficacia quanto di efficienza, in collaborazione con diversi gruppi di soggetti interessati negli Stati membri e in tutta l’Unione, per fornire risultati concreti sul campo.

    Il piano d’azione è stato predisposto sulla base delle risultanze del controllo dell’adeguatezza da 10 commissari e dal Vicepresidente del Comitato europeo delle regioni, Karl-Heinz Lambertz, visto il ruolo fondamentale che le autorità locali e regionali svolgono nell’attuazione delle direttive.

    Per ulteriori informazioni

    Fonte: UE-Commissione Europea

     

    Argmenti correlati

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button