NewsAmbienteCambiamenti ClimaticiNews: Ambiente

Ambiente: Un laboratorio per lo studio dei cambiamenti climatici sotto le acque dell’Antartide

Il progetto coordinato dall'Enea vuole far luce sui cambiamenti climatici e sull'acidità degli oceani

    Il laboratorio italiano sotto i ghiacci marini dell’Antartide

    Al progetto hanno partecipato diverse università e studi di ricerca nazionali ed internazionali.

     

    Ice-ClimaLizers è il primo progetto italiano in ambito climatico focalizzato sullo studio ed osservazione della crescita degli scheletri in carbonato di calcio, degli organismi antartici, individuati come indicatori dei cambiamenti climatici e dell’acidificazione degli oceani. L’obiettivo del progetto biennale è di riuscire ad assemblare un laboratorio a 25,5 metri di profondità nel Mare di Ross, in Antartide.

    Il progetto è coordinato dall’Enea nell’ambito della 34° spedizione nazionale in Antartide; al progetto hanno collaborato il CNR, Istituto di Oceanologia di Sopot (Polonia), l’Università di Portsmouth ed il Museo di Storia Naturale di Londra, e l’Università di Borgogna. Il progetto è stato finanziato dal Programma Nazionale per la Ricerca in Antartide (PNRA).

    Dalle prime immersioni, in acque gelide costantemente sotto lo zero, i ricercatori hanno raccolto campioni delle specie target sul fondale dell’insenatura di Tethys Bay, grazie anche all’aiuto della Marina Militare e mediante un sottomarino ROV, comandato da remoto ed adatto per esplorare i fondali più profondi.

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *