NewsEfficienza & RisparmioCaldaieClimatizzazioneIncentivi E Detrazioni FiscaliPompa Di CaloreRiscaldamento E RaffrescamentoEnergia & MercatoPolitica EnergeticaStakeholder energiaAnima/assoclimaEfficienza Energetica

Assoclima: in dirittura d’arrivo il nuovo Conto Termico

    Incentivazione di interventi di piccole dimensioni per l’incremento dell’efficienza energeticaefficienza energetica
    Con questi termini si intendono i miglioramenti che si possono apportare alla tecnologia per produrre gli stessi beni e servizi utilizzando meno energia, con conseguente riduzione dell’ impatto ambientale e dei costi associati.
    e per la produzione di energia termicaenergia termica
    Calore.
    da fonti rinnovabilifonti rinnovabili
    Una risorsa è detta rinnovabile se, una volta utilizzata, è in grado di rigenerarsi attraverso un processo naturale in tempistiche paragonabili con le tempistiche di utilizzo da parte dell’uomo. Sono considerate quindi risorse rinnovabili:
    – il sole
    – il vento
    – l’acqua
    – la geotermia
    – le biomasse
    .

    Che cos’è
    Conto Termico semplificato in arrivo, incentivazioniIl nuovo Conto termico, semplificato rispetto alla versione precedente, è un incentivo stabile, ovvero senza scadenza, usufruibile da privati e amministrazioni pubbliche per interventi di piccole dimensioni per la produzione di energiaenergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    termica da fonti rinnovabili e per l’incremento dell’efficienza energetica
    . È calcolato in base all’energia termica prodotta e viene erogato in 2-5 anni, tranne nel caso in cui il totale dell’incentivo non superi i 5.000 €: in questo caso viene corrisposto in un’unica rata.
    Il nuovo Conto termico (Decreto interministeriale 16 febbraio 2016 – Aggiornamento Conto termico) è stato approvato dando seguito a quanto previsto dalla legge Sblocca Italia n. 164/2014.
    Le pompe di calore, essendo tecnologie rinnovabili in grado di fornire energia termica per la climatizzazione invernale degli edifici, sono ammesse all’incentivazione del Conto termico.

    Soggetti ammessi 

    • Le Amministrazioni pubbliche: possono richiedere l’incentivo per interventi di incremento dell’efficienza energetica e per interventi di piccole dimensioni relativi a impianti di produzione di energia termica da fonti rinnovabili e sistemi ad alta efficienza;
    • Soggetti privati (persone fisiche, condomini e soggetti titolari di reddito di impresa o di reddito agrario): possono accedere agli incentivi solo per gli interventi di piccole dimensioni relativi a impianti per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili e sistemi ad alta efficienza. 

    Tipologia di edificio

    Unità immobiliari ed edifici (o parti di edifici) singoli o condominiali, di qualunque categoria catastale purché già esistenti.

    Le principali novità  

    • ampliamento della tipologia di interventi agevolabili, adeguamento del livello di incentivazione e aggiornamento dei requisiti tecnici minimi di accesso;
    • revisione del coefficiente di valorizzazione dell’energia termica prodotta Ci per le pompe di calore;
    • incentivo corrisposto in un’unica rata se l’ammontare totale dell’incentivo non è superiore a 5.000 €;
    • assegnazione dell’incentivo anche agli apparecchi ibridi con caldaia a condensazionecaldaia a condensazione
      Nelle caldaie a condensazione i gas di scarico prodotti dalla combustione vengono raffreddati fino al punto di condensazione, recuperando così parte del calore dei gas che può essere riutilizzato nell’impianto come ulteriore contributo termico. Le caldaie a condensazione permettono di ridurre i consumi grazie ad un migliore rendimento e di migliorare la combustione con conseguente riduzione delle emissioni di CO e NOx (70 % in meno rispetto alle caldaie tradizionali).
      e pompa di calorepompa di calore
      Macchina in grado di trasferire calore da un corpo a temperatura più bassa ad un corpo a temperatura più alta, utilizzando energia elettrica. Le pompe di calore funzionano grazie a diversi principi fisici, ma sono classificate in base alla loro applicazione (trasmissione di calore, fonte di calore, dispersore di calore o macchina refrigeratrice).
      ;
    • istituito il catalogo degli apparecchi domestici idonei con potenzapotenza
      Grandezza data dal rapporto tra il lavoro (sviluppato o assorbito) e il tempo impiegato a compierlo. Indica la rapidità con cui una forza compie lavoro. Nel Sistema Internazionale si misura in watt (W).
      termica utile nominale inferiore o uguale a 35 kWkW
      Unità di misura della potenza equivalente a 1.000 Watt.
      : chi acquista un prodotto dalla lista potrà accedere a un iter semplificato per la compilazione della scheda domanda (una sorta di procedura semiautomatica,  dove non sarà necessario indicare dati tecnici e prestazionali del generatoregeneratore
      Dispositivo che traforma l’energia meccanica in energia elettrica.
      );
    • innalzamento della soglia di ammissibilità degli impianti dagli attuali 1000 kW a 2000 kW;
    • eliminata l’iscrizione ai registri per gli impianti di climatizzazione invernale con pompe di calore con potenza termica superiore a 500 kW. 

    Spesa cumulata

    Il decreto stanzia fondi per una spesa annua cumulata massima di 900 milioni di euro, di cui:

    • 200 milioni di euro per gli interventi realizzati o da realizzare dalle Amministrazioni pubbliche;
    • 700 milioni di euro per gli interventi realizzati dai Soggetti privati.

    Scarica il decreto 16 febbraio 2016.
    Scarica l’allegato (Allegati I e II).
    Seguiranno aggiornamenti con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

     
    Fonte: Assoclima

     

     

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button