ApprofondimentiMobilitàStakeholder EnergiaAmbienteRinnovabiliApprofondimenti: Biocarburante

Bio-Combustibili per Autotrazione: Tecnologie di Produzione ed Utilizzo

    Autore: Giovanni Pino, Responsabile Settore Innovazione Tecnologica – APAT, Consigliere Amministrazione – Forum Italiano dell’IdrogenoIdrogeno
    Primo elemento della tavola periodica, presente sulla Terra in forma combinata, soprattutto nell’acqua e nei composti organici. Esso è costituito da 3 isotopi: prozio (cioè l’idrogeno propriamente detto) per più del 99.9 %, il deuterio e il trizio. La forma molecolare dell’idrogeno (H2) dà origine ad un gas inodore, incolore, altamente infiammabile e molto più leggero dell’aria (ecco perché lo si trova in bassissime concentrazioni in atmosfera).

    IN SINTESI: Presentazione nell’ambito di un seminario APAT, che illustra l’utilizzo dei Bio-Combustibili nel settore Trasporti dove nella UE sono responsabili di oltre il 30% dei Consumi Energetici ed il 98%di questi è soddisfatto attraverso l’utilizzo di Fonti Fossili. Perciò la crescita delle Emissioni di CO2CO2
    Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell’atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).

    in questo settore è considerata come una delle principali cause del mancato raggiungimento degli obiettivi del Protocollo di KyotoProtocollo di Kyoto
    È un accordo internazionale sull’ambiente siglato nel 1997 da oltre 160 paesi per la riduzione delle emissioni climalteranti. Entrato in vigore a febbraio 2005, prevede entro il 2012 la riduzione complessiva delle emissioni di gas serra del 5,2% rispetto ai livelli del 1990 (considerato come anno di riferimento). Per i Pesi in via di sviluppo non sono stati previsti obiettivi di riduzione. Il protocollo di Kyoto ha introdotto dei meccanismi (i cosiddetti “meccanismi flessibili”) per l’adempimento degli obiettivi di ciascun Paese, favorendo la cooperazione internazionale. Essi sono il Clean developmenti Mechanism, il Joint Implementation e l’Emission TradingTrading
    Attività di acquisto e/o di vendita di prodotti (materie prime o commodities) sui mercati internazionali.
    .

    Leggi il documento

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button