NewsRiciclo & RifiutiRinnovabiliBiogasBiomassaSostenibilità

Biomassa & Biogas – Utilizzo efficiente del digestato: monitoraggio degli effetti sulla fertilità del terreno

    Il Progetto BiogasBiogas
    Miscela di gas prodotti in seguito ad un processo di digestione anaerobica di materiale organico di origine vegetale e animale. Alcuni batteri provvedono a decomporre il materiale organico, in ambiente privo di ossigeno, producendo una miscela gassosa formata da metano (50÷70%), anidride carbonica (35÷40%) e tracce di altri gas. Le materie prime utilizzabili sono residui agricoli, zootecnici dell’industria agro-alimentare, acque e fanghi reflui.
    Pioneer® è stato ideato nel 2009 per supportare senza costi aggiuntivi tutte le aziende italiane che producono energiaenergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    rinnovabile da biomassabiomassa
    In generale si identifica con biomassa tutto ciò che ha matrice organica ad eccezione delle plastiche e dei materiali fossili. Come indicato nel decreto legislativo del 29 Dicembre 2003 n. 387, per biomassa si intende ” la parte biodegradabile dei prodotti, rifiuti e residui provenienti dall’agricoltura (comprendente sostanze vegetali e animali) e dalla silvicoltura e dalle industrie connesse, nonchè la parte biodegradabile dei rifiuti industriali e urbani “. Ciò che accomuna le diverse tipologie di biomassa è la presenza di carbonio che mette a disposizione un elevato potere calorifico eventualmente sfruttabile per fini energetici.
    . Il programma fornisce alle aziende agricole un’assistenza tecnica e analitica in ogni fase produttiva della filiera bioenergetica: dalla semina alla gestione del residuo di fermentazionefermentazione
    Insieme di processi chimici che consistono nella trasformazione dello zucchero contenuto nelle biomasse in etanolo, ad opera di particolari microrganismi.
    dell’impianto biogas. Tra queste, la valorizzazione agronomica del digestato è l’aspetto principale da tenere in considerazione per conseguire elevati standard produttivi e preservare la fertilità del terreno.

    In ogni contesto agronomico Pioneer elabora un piano di fertilizzazione rispondente alla realtà e alle necessità aziendali, grazie all’integrazione delle informazioni provenienti dall’analisi del terreno dell’azienda e dalla caratterizzazione chimica del digestato, entrambe effettuate presso il Laboratorio Pioneer di Cremona.

    Questo approccio analitico consente di valorizzare appieno il digestato e contemporaneamente ridurre la necessità di concimazioni minerali, senza inficiare le rese e con il vantaggio di prevenire squilibri chimici nel terreno. A cinque anni dal lancio del programma, è proprio in questi aspetti che risultano più evidenti i benefici del Progetto Biogas Pioneer®.

    Mirko Bracchitta, Biogas/Biomass Marketing Coordinator, Pioneer Hi-Bred Italia, spiega, “Tra le esperienze più importanti maturate in questi 5 anni, c’è sicuramente lo studio condotto con il Consorzio Italiano Biogas e l’Azienda Agricola Vanzetti, in provincia di Torino. La cooperativa La Speranza, a cui l’azienda è associata, conduce due impianti biogas alimentati principalmente a reflui bovini, colture dedicate (cereali vernini e mais di norma in doppio raccolto) e sottoprodotti agricoli. I dati poliennali raccolti ci hanno consentito di mettere in relazione l’evoluzione dei parametri di fertilità del terreno con le variabili legate a composizione del digestato, scelte agronomiche e sistemi di distribuzionedistribuzione
    Attività di trasporto (di elettricità o di gas) agli utilizzatori finali attraverso le reti di distribuzione.
    adottati dall’azienda.”

    In questo studio le informazioni analitiche e gli strumenti messi a disposizione da Pioneer hanno permesso di dimostrare come, in un contesto di alta produttività, lo spandimento pianificato di digestato con tecniche di distribuzione avanzate, sia stato in grado di sopperire completamente al fabbisogno nutrizionale della coltura anche in assenza di fertilizzanti chimici, arrivando a migliorare la fertilità del suolo. È il caso ad esempio del potassiopotassio
    Elemento chimico che si trova prevalentemente sottoforma di minerali sulla crosta terrestre (per esempio nell’ argilla). Il potassio contenuto nel corpo umano è quasi tutto presente nei liquidi intracellulari. L’applicazione industriale più importante del potassio è la produzione di fertilizzanti. Viene anche impiegato nell’industria del vetro e anche nell’industria farmaceutica.
    , che in controtendenza con la sua iniziale carenza nei terreni in esame, ha visto un graduale e progressivo arricchimento fino a livelli normali, nonostante l’assenza di apporti chimici e le notevoli asportazioni conseguenti alla trinciatura in doppio raccolto.

    In base ai risultati di medio periodo evidenziati è possibile confermare le proprietà del digestato come risorsa rinnovabile, capace di portare reali benefici sulla fertilità del terreno e contribuire ad un sensibile contenimento dei costi di produzione, sia da un punto di vista produttivo ed economico che in termini di ritorno ambientale. Tuttavia, perché i benefici siano tangibili, è fondamentale che ad una distribuzione efficiente con mezzi avanzati, sia affiancato un supporto analitico costante ed integrato delle caratteristiche del digestato e del terreno. Raggiungere elevati standard produttivi, infatti, richiede la necessità di fornire alla coltura un apporto bilanciato e razionale di nutrienti, evitando qualsiasi potenziale carenza, anche attraverso le analisi e le competenze messe a disposizione da Pioneer.

    Fonte: Pioneer Hi-Bred Italia

                    Potrebbe anche interessarti…

    Approfondimenti

    News

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button