NewsAmbienteCambiamenti ClimaticiSostenibilitàNews: Cambiamenti climatici

Cambiamenti climatici: partiti i lavori per revisione norma ISO 14067

    Il Working Group per la revisione della norma ISO 14067 sull’impronta climatica (CFP-Carbon Footprint) dei prodotti è già al lavoro a Milano e proseguirà sino al 2 febbraio 2018. 

    È la prima volta che una rappresentanza italiana è alla guida di un gruppo di lavoro internazionale in ambito di normativa ambientale, coordinatore Daniele Pernigotti (esperto UNI e coordina anche il gruppo di lavoro nazionale sul “Cambiamento Climatico”).

    La norma ISO 14067 è stata pubblicata in Italia come UNI CEN ISO/TS 14067:2014Gas ad effetto serraeffetto serra
    Fenomeno fisico per cui alcuni gas contenuti nell’atmosfera (anidride carbonica, vapore acqueo, metano, ecc..) intrappolano il calore proveniente dal sole facendo in modo che la temperatura media sulla Terra permetta la vita delle varie specie. Il meccanismo è simile a quello che avviene in una serra, da cui il nome. Tuttavia l’aumento e, dunque, la situazione di squilibrio della concentrazione di tali gas è causa di un eccessivo riscaldamento della superficie del pianeta con conseguenze anche pesanti sugli ecosistemi, su scala globale.
    — Impronta climatica dei prodotti (Carbon Footprint dei prodotti) — Requisiti e linee guida per la quantificazione e comunicazione
    “.

    La norma che tratta la Carbon Footprint (CFP), o impronta climatica di prodotto, consiste nella quantificazione di tutte le emissioni di gas a effetto serra * (GHG-Greenhouse Gases) che vengono emesse da un prodotto durante l’intero ciclo di vita (dall’estrazione delle materie prime, alla produzione, al trasporto, all’utilizzo fino allo smaltimento).

    Nel corso delle riunioni sarà discusso il documento “Draft International Standard”, che ha già avuto parere positivo, sono stati raccolti oltre 500 commenti che dovranno essere valutati. In Italia sono tre gli organismi accreditati che verificano il calcolo della Carbon Footprint **, con l’obiettivo di favorire una comunicazione più trasparente da parte dei produttori sull’impatto climatico dei loro prodotti, spiega UNI in una nota.


    * Anidride carbonica, CO2CO2
    Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell’atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).

    **  Il calcolo dell’impronta di carbonio
    Elemento chimico costituente fondamentale degli organismi vegetali e animali. È alla base della chimica organica, detta anche chimica del carbonio: sono noti più di un milione di composti del carbonio. È molto diffuso in natura, ma non è abbondante: è presente nella crosta terrestre nella percentuale dello 0,08% circa, e nell’atmosfera prevalentemente come monossido (CO) e biossido (CO2) di carbonio (anidride carbonica). Allo stato di elemento si presenta in due differenti forme cristalline: grafite e diamante.
     si può costituire:

    • come indicazione della performance emissiva di un particolare processo o prodotto, anche al fine di una successiva redazione di un bilancio di carbonio aziendale, o di un carbon label (etichetta ambientale di prodotto) ai sensi della norma ISO 14021 (“Environmental labels and declarations, Self-declared environmental claims – Type II environmental labelling)” ;
    • (in una seconda e successiva fase), come baseline emissiva, cioè il dato di riferimento per la pianificazione delle successive operazioni di carbon management.

     

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button