NewsCarboneNews: Carbone

Carbone: La Germania chiuderà le centrali entro il 2038

L'annuncio è stato dato dalla Commissione incaricata dal governo tedesco

    La decarbonizzazione della Germania si concluderà entro il 2038

    Il programma deve ancora essere formalizzato e per la sua attuazione dovranno essere costantemente monitorati alcuni parametri sociali, energetici e finanziari

     

    La Germania ha annunciato che chiuderà le proprie centrali termoelettriche entro il 2038, a comunicarlo è stata la Commissione Wachstum, Strukturwandel und Beschäftigung (Crescita, cambiamento strutturale ed occupazione) che, lo scorso anno, il governo tedesco ha incaricato  per programmare la decarbonizzazione del paese.

    Il programma che la Commissione ha elaborato non è comunque ancora vincolante, sarà necessario valutare dati e parametri per garantire che il phase out non incida negativamente su occupazione, sicurezza energetica e bollette. Il ministro dell’Economia, Peter Altmaier, ha affermato che la formalizzazione del programma di decarbonizzazione avverrà entro il 1° Febbraio e per attuarlo sarà necessario redigere una serie di interventi di natura normativa e finanziaria.

    Nello specifico il programma della Commissione è così sviluppato:

    • ridurre a 30 GW di potenza entro il 2022 gli attuali 42,6 GW generati dal carbone;
    • entro il 2030 la potenza dovrà essere diminuita a 17 GW;
    • 0 GW entro il 2038.

    In sostituzione del carbone sarà il gas la fonte di generazione elettrica individuata dal governo tedesco, come sottolineato dal cancelliere Angela Merkel. Inoltre in vista della chiusura entro il 2022 delle restanti centrali nucleari nazionali, la Germania conta di aumentare la quota di generazione elettrica da rinnovabili dal 38% di oggi al 65% entro il 2030.

     

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button