Energipedia - Tutto sull'EnergiaEnergipedia - Tutto sull'EnergiaEfficienza & RisparmioCome risparmiare in bolletta

Come risparmiare in bolletta

Alcuni consigli utili per utilizzare al meglio l'energia elettrica nella tua abitazione e ridurre i costi in bolletta.

    Div/1 EN/4 RISP/CONSIGLI_Div1_globo tra le mani.JPGL’energia è un bene prezioso e come tale non deve essere sprecato. Produrre energia costa. Essere più attenti a come la impieghiamo quotidianamente invece non costa nulla!!

    Per questo motivo è bene pensare a come potremmo utilizzarne di meno senza per questo privarci di qualcosa, contribuendo anche a tutelare l’ambiente e la nostra salute.

    Certo, la sostenibilità energetica rappresenta l’obiettivo di politiche strutturate a livello nazionale ed internazionale, ma ci sono molti semplicissimi gesti che ciascuno di noi può fare, nel proprio piccolo, per risparmiare energia.

    Alcuni di questi gesti sono così ovvii e sarebbe assurdo se non li mettessimo in pratica!!

    Iniziamo, quindi, a dare il nostro contributo e magari anche a suggerire agli altri di fare lo stesso perché insieme si possono ottenere risultati significativi.

    Illuminazione

    Innanzitutto bisogna partire da una corretta scelta delle lampadine da utilizzare per illuminare gli ambienti domestici. Bisogna utilizzare lampadine a fluorescenza o lampadine a Led. Le prime consentono di ottenere un risparmio energetico di circa il 40-60% rispetto ai modelli ad incandescenza, e solitamente hanno una durata media di circa 15.000 ore. Le lampadine a LED invece consentono di ottenere un risparmio energetico ancora più importante pari a circa l’80% rispetto alle lampadine ad incandescenza ed inoltre presentano una durata che può arrivare a 50.000 ore. Costituisce buona regola inoltre spolverare le lampadine almeno una volta l’anno; infatti la polvere può ridurre il potere di illuminazione di circa il 10%.

    Alcuni consigli utili

    • Sarà banale ma è uno degli errori più comuni nelle case: bisogna evitare di tenere accese le luci nelle stanze non occupate. Negli ambienti dove questo rischio è maggiore (ripostiglio, cantina, scale) conviene installare un interruttore a tempo;
    • Utilizzare la fonte di illuminazione corretta per ogni ambiente, ad esempio: in cucina si consiglia di utilizzare una fonte luminosa potente, nella zona living ed in camera da letto si consiglia una lampada ad illuminazione regolabile in base alle esigenze, in terrazza si consigla una striscia a LED per creare anche un’atmosfera che permetta di godere della luce solare di giorno e dei bagliori della luna di notte.

     

    Frigorifero

    Si consiglia l’acquisto di un frigorifero di classe energetica in grado di ottimizzare i consumi energetici, nella tabella sottostante vengono riportati i consumi e costi per classe energetica (in rapporto ad un frigorifero da 300 litri):

    Fonte: ENEA

    Il frigorifero è uno degli elettrodomestici che maggiormente incide sui consumi in quanto è acceso 24 ore su 24 praticamente per tutti i giorni dell’anno (a meno che non venga spento nei periodi in cui si trascorrono altrove le vacanze). Oltre a scegliere un modello ad alta efficienza energetica si consiglia di acquistare un modello No Frost; questa funzione consente di non formare brina nelle pareti interne del frigorifero evitandone un sovraccarico di potenza.

    Alcuni consigli utili

    • Banale ma sempre molto importante come regola è di aprire il frigorifero solo quando serve evitando di tenere lo sportello aperto a lungo; in questo modo si eviterà un consumo energetico maggiore per ripristinare la temperatura interna ideale;
    • E’ molto importante anche il posizionamento all’interno della stanza: bisogna posizionarlo a circa 10 cm dal muro in modo che ne vanga garantita una sufficiente aerazione evitando surriscaldamenti;
    • La temperatura ideale è di circa 5° C;
    • E’ consigliabile pulirlo frequentemente oltre che sottoporlo ad una costante manutenzione ad esempio sostituendo le guarnizioni usurate.

     

    Lavatrice ed asciugatrice

    Innanzitutto si consiglia ovviamente l’acquisto di una lavatrice ad alta efficienza energetica; nella tabella sotto riportata mostra i consumi e costi per classe energetica in rapporto ad una lavatrice da 6 kg di carico:

    Fonte: ENEA

    Alcuni consigli utili

    • Mettere la lavatrice in funzione solo a pieno carico, in questo modo si eviterà di ricorrere a più lavaggi;
    • Lavare la biancheria a basse temperature (40-60 °C ) con detersivi già attivi a basse temperature. In un ciclo di lavaggio la fase di riscaldamento dell’acqua è quella dove si consuma più energia. Un lavaggio in lavatrice a 90°C, per esempio, consuma quasi il doppio di energia di uno a 60°C e non è ottimale per i tessuti perché li deteriora più rapidamente. Questo accorgimento permette di ottenere un risparmio del 3% circa sui consumi annuali di elettricità;
    • Nei modelli moderni presenti sul mercato è disponibile anche la funzione “risparmio energetico” che si consiglia di attivare qualora non si necessiti di particolari programmi di lavaggio.

     

    Lavastoviglie

    Anche in questo caso riportiamo una tabella riassuntiva in cui vengono riportati consumi e costi in base alle varie classi di efficienza energetica, prendendo ad esempio una lavastoviglie in grado di contenere fino a 12 coperti:

    Fonte: ENEA

    Alcuni consigli utili

    • Utilizzare l’apparecchio solo se a pieno carico;
    • Rimuovere residui di alimenti da piatti e posate prima di immetterli nella lavastoviglie; in questo modo si eviterà di intasare il filtro che riduce l’efficacia del lavaggio;
    • Lasciare asciugare le stoviglie all’interno dell’apparecchio, aprendo leggermente il portellone è una buona pratica che consente di ottenere un risparmio energetico del 30% rispetto all’asciugatura con il portellone dell’apparecchio chiuso.

     

    Condizionatore e climatizzatore

    Innanzitutto prima di procedere nel dare consigli per risparmiare energia elettrica, è opportuno conoscere la differenza tra condizionatore e climatizzatore che spesso erroneamente vengono confusi con lo stesso apparecchio:

    • Condizionatore: si tratta di un apparecchio utilizzato per il raffreddamento degli ambienti; è più vecchio del climatizzatore e può essere impiegato solo per regolare la velocità del getto d’aria, ma senza possibilità di regolarne la temperatura;
    • Climatizzatore: Si tratta di un’evoluzione del condizionatore, in quanto consente sia di regolare la temperatura dell’aria sia di deumidificare l’ambiente. Si consiglia l’acquisto di un condizionatore a split che hanno la caratteristica di essere basati su un impianto a pompa di calore.

    E’ importante sapere che la posizione in cui installare l’apparecchio incide sui suoi consumi energetici. Infatti si consiglia di installarlo in una stanza non molto esposta al sole, il quale rischierebbe di scaldare troppo l’apparecchio rendendo necessario un maggior utilizzo di energia elettrica. Inoltre bisogna comprare un climatizzatore adatto alle dimensioni della stanza in cui si vorrà utilizzare: è inutile installare un modello grande per una stanza piccola.

    Assume grande rilevanza la frequenza di manutenzione dell’apparecchio; infatti una corretta pulizia consente di ridurre gli sprechi energetici, di allungare la vita al climatizzatore e di evitare la dispersione di batteri e sostanze che potrebbero diffondersi negli ambienti interni.

    Alcuni consigli utili

    • Costituisce uno spreco impostare una temperatura troppo bassa; la differenza di temperatura tra interno ed esterno non deve superare i 7-8°C;
    • Nella stagione invernale, o durante il periodo di inutilizzo dell’apparecchio, non bisogna coprirlo con teli o altri oggetti; infatti è importante consentire la ventilazione anche se non utilizzato;
    • Non utilizzare il climatizzatore se le finestre sono aperte; si rischia di non raggiungere mai la temperatura desiderata facendo inoltre consumare più energia all’apparecchio;
    • Nel caso volessi utilizzare l’apparecchio durante le ore notturne, si consiglia di non tenerlo costantemente acceso ma di utilizzare il timer.

     

    Scaldabagno

    Div/1 EN/4 RISP/CONSIGLI_Div7_Scaldabagno.jpg

    Per un corretto utilizzo del boiler, o scaldabagno, riportiamo alcuni semplici consigli che consentono di ottimizzarne il suo utilizzo consentendo di ottenere importanti livelli di risparmio energetico.

    Alcuni consigli utili

    • Installare lo scaldabagno vicino al punto di utilizzo per evitare inutili dispersioni di calore dell’acqua attraverso lunghe tubazioni;
    • Non tenere lo scaldabagno permanentemente acceso se non se ne fa un uso continuativo. Gran parte dei consumi sono dovuti a mantenere l’acqua sempre calda, anche se non la sia usa;
    • Regolare il termostato sui 48°C d’inverno e sui 40°C d’estate;
    • Verificare la possibilità/convenienza di sostituire lo scaldabagno elettrico con uno a gas oppure di installare un impianto solare termico che consente di produrre fino al 70% di acqua calda.

     

    Altri consigli utili per risparmiare in bolletta

    • Div/1 EN/4 RISP/CONSIGLI_Div9_simbolo stand_by.jpgNon lasciare televisore, impianto stereo, console o altri apparecchi in stand-by. Le apparecchiature lasciate in stand-by possono arrivare a consumare la stessa quantità di energia elettrica utilizzata per il periodo in cui rimangono accese;
    • Staccare dalla presa il caricabatterie dello smartphone dopo l’uso;
    • Abilitare la modalità “risparmio” sui computer, e sugli altri dispositivi, ove è consentito;
    • Per pause che superano i 10 min spegnere il monitor dei device. È falsa l’idea che l’accensione/spegnimento danneggi l’apparecchio;
    • Spegnere il computer e la stampante disinserendo, se possibile, la spina. I trasformatori continuano a consumare elettricità anche a computer spento;
    • Isolare il cassonetto degli avvolgibili con pannelli di materiale isolante di spessore non inferiore a 2-3 cm. Con questo intervento (che ha un costo di 10 euro circa per cassonetto) è possibile ottenere un risparmio del 5-10 % sulla spesa per il riscaldamento, pari a circa 40-100 euro all’anno in media. Più in generale, un adeguato isolamento termico delle pareti può consentire risparmi di energia fino al 70% perché ne riduce le dissipazioni;
    • Sostituire i vetri singoli delle finestre con doppi/tripli vetri e infissi isolanti consente un risparmio di energia tra 15 e 40%, relativamente alla dispersione termica attraverso questi componenti.

     

    La gallery dei comportamenti sostenibili per risparmiare energia e salvaguardare l’ambiente

    Installare lampadine a LED

    Con una lampadina a LED per 50.000 ore di illuminazione servono circa 500 kW. Rispetto ad una lampadina "a risparmio energetico" la differenza è alta; quest'ultima infatti per 50.000 ore di luce consuma circa 1.150 kW. 

    Con la soluzione a LED il costo in bolletta sarà pari a circa 100 euro, mentre per la seconda soluzione il costo ammonterà a circa 230 euro. 

    L'importanza del termostato

    Gestire correttamente la temperatura della casa mediante il termostato è uno dei primi passi da compiere per risparmiare sul costo della bolletta. In media non conviene impostare il termostato ad una temperatura interna che non superi i 6° di differenza rispetto alla temperatura esterna.

    Lasciare la lavastoviglie aperta

    Lasciare lo sportello della lavastoviglie aperto per far asciugare le stoviglie, consente un risparmio di circa il 45% di energia rispetto all'utilizzo della funzione "asciugatura" integrata nella lavastoviglie.

    WC a doppio scarico

    Per risparmiare circa 26.000 litri d'acqua in un anno, bisogna dotare di doppio tasto lo scarico del WC in modo da poter regolare la quantità d'acqua da utilizzare. 

    Pulire i filtri del condizionatore

    Con la stagione estiva appena cominciata è caldamente consigliata la pulizia o la sostituzione dei filtri del condizionatore. Un filtro sporco oltre ad aumentare i consumi, riduce l'efficienza dell'apparecchio e favorisce la proliferazione di batteri in ambiente domestico. 

    Regolare il riscaldamento con valvole termostatiche

    Le valvole termostatiche permettono di regolare il flusso di acqua calda in base alla temperatura scelta per riscaldare la propria abitazione; così facendo il flusso dell'acqua viene deviato verso altre utenze e se ne diminuisce la portata complessiva. Inoltre ricordiamo che dal 31 Dicembre 2016 sarà obbligatorio installare le valvole termostatiche su ogni termosifone

    Spegnere la luce quando non serve

    Ce l'avranno ripetuto una miriade di volte i nostri genitori, e di conseguenza lo ripeteremo all'infinito anche ai nostri figli: quando si esce da una stanza bisogna spegnere la luce. Per pigrizia o per mancanza di attenzione è un comportamento che ci scordiamo molto spesso di adottare. 

    Non utilizzare la modalità stand-by

    Spegnere gli apparecchi elettronici una volta che si smette di utilizzarli, invece di attivare la modalità "stand-by", comporta risparmi sottovalutati. 20 ore giornaliere in modalità "stand-by"comportano un consumo di circa 200 kWh all'anno per dispositivo; il tutto si traduce in 33 euro in più sulla bolletta.

    The Gift - Andrew Rogers

    Andrew Rogers è il creatore della collezione di opere più grande al mondo di land art. Intitolato "Rhythms of Life", il progetto è stato avviato nel 1998 ed attualmente conta 51 grandi opere, dislocate in 16 nazioni su 7 continenti. 

    The Umbrellas - Christo e Jeanne Claude

    Uno dei più celebri progetti della famosa coppia Christo e Jeanne-Claude è stato denominato "The Umbrellas".

    Il progetto è stato realizzato simultaneamente in  Giappone e USA per invitare a riflettere sulle somiglianze e sulle differenze nell'uso del paesaggio nei due paesi. 

    In tutto sono stati utilizzati 3.000 ombrelli gialli dislocati in vallate statunitensi e giapponesi. 

     

    Surrounded Island - Christo e Jeanne Claude

    Un'altra famosissima opera dal grande impatto è "Surrounded Islands".

    Le isole della baia di Biscayne a Miami per l'occasione furono circondate da una cintura di polipropilene fucsia.

    Snow Art - Simon Beck

    Le straordinarie opere di Beck, vengono create dall'artista in modo a dir poco sorprendente: ovvero coi piedi.

    Infatti i ghirigori e le forme geometriche vengono realizzate con le impronte degli scarponi di Beck. 

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button