NewsRiciclo & RifiutiStakeholder energiaConsorzio Ecolight

Come smaltire correttamente i rifiuti professionali: la guida gratuita di Ecolight

    Smaltimento rifiuti aziende: la guida di EcolightSMALTIMENTO RIFIUTI AZIENDE  Come smaltire i rifiuti professionali? Tra obblighi e nuove normative, a volte si corre il rischio di perdersi. La soluzione arriva da Ecolight, il consorzio nazionale per la gestione dei rifiuti elettronici, delle pile e degli accumulatori esausti che ha messo a punto una guida per le imprese ed i professionisti che si trovano a dover gestire i loro rifiuti.

    LA “GUIDA RIFIUTI” DI ECOLIGHT PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI PROFESSIONALI Un vademecum redatto da Paolo Pipere, esperto di Diritto dell’Ambiente, di Politiche ambientali pubbliche e di Gestione ambientale d’impresa, nonché responsabile del Servizio Ambiente ed Ecosostenibilità della Camera di Commercio di Milano, nel quale le aziende troveranno tutte le indicazioni per affrontare e comprendere le normative che regolano la gestione dei rifiuti professionali.

    Il testo, scaricabile gratuitamente in formato elettronico in seguito alla registrazione al sito www.ecolight.it, è strutturato in cinque capitoli: cosa si intende per rifiuti professionali; la loro gestione e gli adempimenti richiesti; cosa sono e come devono essere compilati i formulari di trasporto; i registri di carico e scaricoscarico
    Qualsiasi immissione di acque reflue in acque superficiali, sul suolo, nel sottosuolo e in rete fognaria, indipendentemente dalla loro natura inquinante, anche sottoposte a preventivo trattamento di depurazione. Sono esclusi i rilasci di acque previsti all’art. 114 (rilasci da diga).
    e l’avvio al recupero e smaltimento. L’appendice è dedicata invece alla dismissione dei beni aziendali.

    RIFIUTI PROFESSIONALI: LA GUIDA ONLINE GRATUITA DI ECOLIGHT Per tutelare l’ambiente è fondamentale che le aziende e i professionisti si assicurino che i rifiuti vengano gestiti in maniera corretta, per questo è importante saper distinguere un rifiutorifiuto
    Secondo quanto definito nel decreto legislativo n.22 del 5 febbraio 1997 il rifiuto è una sostanza o un oggetto di cui il detentore decida o sia obbligato a disfarsi”. I rifiuti possono essere classificati in diversi modi, per esmpio in base all’origine oppure in base alla pericolosità.
    pericoloso da uno non pericoloso, saper leggere i codici che vengono attribuiti ai diversi materiali di scarto e conoscere come e perché devono essere compilati i vari formulari richiesti.

    Un trattamento di fondamentale importanza non solo ai fini ambientali, ma anche fiscali. La legge introduce infatti la cosiddetta “presunzione di cessione” per i beni che non si trovano più nell’azienda per vincere la quale occorre provare che i beni sono stati regolarmente avviati a distruzione e non sono stati invece venduti evadendo le imposte dovute.

    Conoscere il quadro normativo è importante: è per questo che la guida Ecolight si presenta come una vera e propria bussola per le aziende in modo da garantire loro la corretta gestione dei rifiuti.

    Fonte: www.nonsprecare.it

    Potrebbe anche interessarti…

    News

    News

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button