NewsEfficienza & RisparmioMobilitàMobilità SostenibileStakeholder energiaA2aEfficienza Energetica

Conclusa con successo la sperimentazione di Mitsubishi del sistema di ricarica per auto elettriche di A2A

    Ecco come è andata

    Si è conclusa l’interessante iniziativa sociale della casa automobilistica giapponese che nel mese di Agosto ha messo a disposizione dei Servizi Sociali del Comune di Milano un veicolo elettrico, il nuovissimo i-MIEV, il quale è stato alimentato attraverso l’infrastruttura di ricarica che A2A sta installando a Milano.

    La vettura elettrica ha potuto percorrere le strade della città rimaste semivuote per l’esodo estivo dei milanesi, una condizione sicuramente adatta per testare meglio l’affidabilità e la maneggevolezza del nuovo mezzo. Dal 2 al 24 agosto l’auto è stata affidata ai Servizi Sociali che hanno dato vita alla sperimentazione su strada, percorrendo circa 30 Km al giorno in modalità ECODRIVE: bassa velocità ma maggiore disponibilità di energia elettricaenergia elettrica
    Forma di energia ottenibile dalla trasformazione di altre forme di energia primaria (combustibili fossili o rinnovabili) attraverso tecnologie e processi di carattere termodinamico (ovvero che coinvolgono scambi di calore) che avvengono nelle centrali elettriche. La sua qualità principale sta nel fatto che è facilmente trasportabile e direttamente utilizzabile dai consumatori finali. Si misura in Wh (wattora), e corrisponde all’energia prodotta in 1 ora da una macchina che ha una potenza di 1 W.
    . I mezzi sono stati utilizzati per trasporti di materiale ma anche di anziani.

    I responsabili dei servizi sociali, che hanno adoperato l’auto durante questo esperimento, testimoniano che la guida è semplice ma abbisogna di qualche accorgimento. Un piccolo brief tecnico sulle modalità di utilizzo e sulla strumentazione di bordo prima di mettersi alla guida è opportuno, insieme ad una piccola spiegazione sulle modalità di ricarica e ad un’attenzione particolare alla silenziosità del mezzo.

    Il mix di colori accattivanti , la grande silenziosità e soprattutto l’economicità per un pieno di ricarica “pulita” hanno subito catturato l’attenzione e l’interesse dei cittadini verso questo nuovo modello di mobilità sostenibile. Numerose le persone che, incuriosite, non hanno perso l’occasione di una sosta al semaforo per chiedere informazioni e spiegazioni.

    Comunicato stampa A2A del 08/09/2010

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button