NewsCattura E Sequestro Co2FossiliCarboneStakeholder energiaSotacarboEnea

CONCLUSA LA PRIMA EDIZIONE DELLA SULCIS CCS SUMMER SCHOOL SULLE NUOVE TECNOLOGIE PER L’UTILIZZO DEL CARBONE

    Si è conclusa venerdì 26 luglio, con la consegna degli Attestati di Frequenza ai 21 partecipanti, la Sulcis CCS Summer School 2013, organizzata da ENEA, Università di Cagliari (Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali) e Sotacarbo.

    Quasi il 60% delle emissioni di CO2CO2
    Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell’atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).

    prodotte dall’uomo derivano da grandi impianti industriali quali centrali elettriche a carbonecarbone
    Il carbone è una roccia sedimentaria composta prevalentemente da carbonio, idrogeno e ossigeno. La sua origine, risalente a circa 300 milioni di anni fa, deriva dal deposito e dalla stratificazione di vegetali preistorici originariamente accumulatisi nelle paludi. Questo materiale organico nel corso delle ere geologiche ha subito delle trasformazioni chimico-fisiche sotto alte temperature e pressioni. Attraverso il lungo processo di carbonizzazione questo fossile può evolvere dallo stato di torba a quello di antracite, assumendo differenti caratteristiche che ne determinano il campo d’impiego.
    I carboni di formazione relativamente più recente (ovvero di basso rango) sono caratterizzati da un’elevata umidità e da un minore contenuto di carbonio, quindi sono ‘energeticamente’ più poveri, mentre quelli di rango più elevato hanno al contrario umidità minore e maggiore contenuto di carbonio.
    , petroliopetrolio
    Combustibile di colore da bruno chiaro a nero, costituito essenzialmente da una miscela di idrocarburi. Si è formato per azioni chimiche, fisiche e microbiologiche da resti di microorganismi (alghe, plancton, batteri) che vivevano in ambiente marino addirittura prima della comparsa dei dinosauri sulla terra. I principali composti costituenti del petrolio appartengono alle classi delle paraffine, dei nafteni e degli aromatici, che sono composti organici formati da carbonio e idrogeno e le cui molecole sono disposte secondo legami di varia natura.
    o gas, raffinerie e impianti di produzione di acciaio, cemento, carta e prodotti chimici. Nella maggioranza di questi, i gas di combustionecombustione
    Processo chimico esotermico (ovvero che comporta sviluppo di calore) in cui il combustibile si combina con l’ossigeno presente nell’aria oppure appositamente separato (comburente). La reazione di combustione avviene previo innesco localizzato (accensione).
    esausti contengono anche CO2 che viene rilasciata nell’atmosferaatmosfera
    Involucro di gas e vapori che circonda la Terra, costituito prevalentemente da ossigeno e da azoto, che svolge un ruolo fondamentale per la vita delle specie, perché fa da schermo alle radiazioni ultraviolette provenienti dal Sole. Essa si estende per oltre 1000 km al di sopra della superficie terrestre ed è suddivisa in diversi strati: troposfera (fino a 15-20 chilometri), stratosfera (fino a 50-60 chilometri), ionosfera (fino a 800 chilometri) ed esosfera.
    e contribuisce al cosiddetto global warming. Con le tecnologie CCS (Carbon Capture and Storage) è possibile ridurre l’emissioneemissione
    Qualsiasi sostanza solida, liquida o gassosa introdotta nell’atmosfera a seguito di processi naturali o antropogenici, che produce direttamente o indirettamente un impatto sull’ambiente.
    di CO2 nell’atmosfera, “catturandola” negli impianti in cui essa viene prodotta e stoccandola nel sottosuolo.

    La Summer School ha avuto una durata di quattro giorni e gli allievi, studenti dei corsi di laurea magistrale o specialistica, dottorandi e giovani laureati con una formazione in ingegneria, geo-tecnologie e socio-economia, hanno potuto iscriversi gratuitamente alla Scuola e approfittare dell’iniziativa per confrontarsi con esperti e ricercatori che da anni affrontano tali tematiche.

    Immagini News/CCS Summer School.jpg

    Le attività didattiche si sono svolte presso il Centro Ricerche Sotacarbo di Carbonia (CI), che dispone di impianti, laboratori e competenze per attività di ricerca applicata sulle nuove tecnologie per l’utilizzo del carbone.

    Con questa prima scuola estiva sulle CCS, organizzata con il fondamentale supporto di università, istituti di ricerca e importanti aziende del settore, ENEA, Università di Cagliari e Sotacarbo hanno voluto offrire ai partecipanti una visione più ampia possibile di tutte le problematiche che ruotano attorno a un tema che è oggi di pressante attualità, come quello della riduzione delle emissioni di anidride carbonica anidride carbonica
    (CO2)

    Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell’atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).in atmosfera, oltre che fornire informazioni e documentazione sugli aspetti tecnologici della CCS, sullo sviluppo della ricerca, delle sue applicazioni, e sullo stato di attuazione dei progetti in corso a livello europeo e internazionale.

    Le lezioni in aula si sono alternate con momenti di formazione sul “campo”, che hanno visto i corsisti impegnati in visite ai laboratori e agli impianti della Sotacarbo e in una affascinante “immersione” nelle viscere della miniera Carbosulcis di Nuraxi Figus, e con momenti di formazione on line.

    Tutti gli iscritti, infatti, hanno avuto accesso alla piattaforma e-learning dell’Unità Tecnica ICT dell’ENEA (http://elearning.enea.it) dove è stato predisposto uno specifico corso sulle CCS e sulla quale dovranno consegnare, entro il 30 settembre, la relazione finale per l’accertamento delle competenze acquisite e per il riconoscimento di due crediti formativi universitari (CFU) e di due crediti di formazione alla ricerca (CFR) dell’Università di Cagliari.

    L’edizione 2013 della Summer School è il primo passo di un’iniziativa che, nelle intenzioni degli organizzatori, proseguirà in maniera più vasta e con un forte connotato internazionale con cadenza annuale a partire dal 2014, con l’obiettivo di attivare una sede stabile di formazione e informazione rivolta anche agli amministratori locali e agli stakeholder, locali e nazionali, per favorire il dialogo, accrescere la fiducia in tali tecnologie e contribuire quindi alla accettabilità sociale.

    SITO

    www.sulcisccssummerschool.it/

    PARTNER

    Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale (OGS)

    Laboratorio di Chimica dei Fluidi – Università “La Sapienza” – C.E.R.I.

    Osservatorio CCS

    ITEA S.p.a.

    Centro Sviluppo Materiali S.p.a.

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button