NewsEnergia & MercatoMercato & BolletteStakeholder energiaTerna

CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA: +3% AD APRILE

    Domanda elettricaDomanda elettrica
    Quantità di energia elettrica che deve transitare sulla rete calcolata come la somma dei consumi degli utenti e delle perdite sulla rete. È sinonimo di fabbisogno elettrico.
    in ripresa: +2,2% nel primo quadrimestre 2010.
    Negli ultimi due mesi i consumi elettrici tornano a crescere sugli stessi valori di settembre 08

    Nel mese di aprile 2010 la quantità di energia elettricaenergia elettrica
    Forma di energia ottenibile dalla trasformazione di altre forme di energia primaria (combustibili fossili o rinnovabili) attraverso tecnologie e processi di carattere termodinamico (ovvero che coinvolgono scambi di calore) che avvengono nelle centrali elettriche. La sua qualità principale sta nel fatto che è facilmente trasportabile e direttamente utilizzabile dai consumatori finali. Si misura in Wh (wattora), e corrisponde all’energia prodotta in 1 ora da una macchina che ha una potenza di 1 W.
    richiesta in Italia, pari a 24,8 miliardi di kWhkWh
    Unità di misura dell’energia elettrica equivalente a 1.000 Wh (wattora), ovvero 1.000 W forniti o richiesti in un’ora.
    , è risultata in aumento del 3% rispetto ad aprile 2009.
    L’incremento di aprile conferma, dopo il buon dato di marzo (+3,7%), il trend degli ultimi mesi di ripresa della domanda elettrica, che non aveva registrato una crescita così alta dai valori dell’autunno 2008.
    Bisogna infatti risalire a settembre 08 per avere un incremento del fabbisogno elettrico del 3,1% rispetto all’anno precedente. Da allora, 15 mesi consecutivi col segno meno, poi valori stazionari a gennaio 2010 (+0,0%) e prima ripresa a febbraio 2010 (+2,1%).
    La variazione della domanda di aprile 2010, ottenuta a parità di giornate lavorative, diventa +2,6% depurata dagli effetti di una temperatura media mensile inferiore di circa mezzo grado centigrado rispetto ad aprile 2009.
    Nel primo quadrimestre del 2010 la domanda di energiaenergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    elettrica ha avuto un incremento del 2,2% rispetto allo stesso periodo del 2009 che registrò una brusca flessione rispetto al corrispondente periodo del 2008 (-9,1%). A parità di calendario, il risultato del primo quadrimestre 2010 è invariato a +2,2%.
    Nel mese di aprile 2010 la domanda di energia elettrica è stata soddisfatta per l’84,4% con produzione nazionale e per la quota restante (15,6%) dal saldo dell’energia scambiata con l’estero. In dettaglio, la produzione nazionale netta (21,4 miliardi di kWh) è aumentata del 2,9% rispetto ad aprile 2009; in crescita le fonti di produzione termoelettrica (+14,3%), eolica (+13,8%), fotovoltaica (+18,2%) e geotermoelettrica (+2,1%); in calo invece la fonte idroelettrica (-30,4%).
    A livello territoriale la variazione della domanda è piuttosto differenziata sul territorio nazionale: +4,8% al Nord, +3% al Centro e -0,5% al Sud. I 24,8 miliardi di kWh richiesti nel mese di riferimento sono distribuiti per il 46,7% al Nord, per il 29% al Centro e per il 24,3% al Sud.
    In termini congiunturali, la variazione destagionalizzata della domanda elettrica di aprile 2010 ha fatto registrare un -1,2% rispetto al mese precedente.
    L’analisi dettagliata dei consumi elettrici mensili provvisori del 2009 e 2010, è disponibile nella pubblicazione “Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico”, consultabile alla voce “Sistema elettrico – DispacciamentoDispacciamento
    Energia elettrica:
    Attività di gestione, istante per istante, dei flussi di energia elettrica consumata e dei flussi di energia elettrica prodotta in modo da garantire un costante equilibrio tra domanda e offerta. L’energia elettrica, infatti, è un bene che non si può immagazzinare, quindi a fronte di una richiesta deve esserci necessariamente un punto di produzione in tempo reale. Queste operazioni, molto complesse, sono svolte da Terna.
    Gas naturale:
    Attività di gestione del sistema di trasporto e distribuzione del gas per rendere disponibile, in qualsiasi momento e in ogni punto della rete, la quantità di gas richiesta.
     – Dati esercizio” del sito www.terna.it
    Si segnala infine che da gennaio 2010 i bilanci nazionali mensili sono pubblicati con il dettaglio della produzione netta degli impianti.

    Comunicato stampa Terna del 7/05/2010

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button