NewsEnergia & MercatoMercato & BolletteStakeholder energiaAbb

Crescita diffusa per ABB Italia nel primo semestre del 2011

    Ricavi e ordini in crescita, rispettivamente del 21 e del 13% rispetto al primo semestre 2010, confermano la buona performance di ABB in Italia nel primo semestre

     

    Sesto San Giovanni (Milano), 21 luglio 2011 – ABB ha annunciato oggi i risultati a livello mondiale del primo semestre 2011.
    ABB Italia chiude il primo semestre 2011 con i ricavi pari a 1.326 milioni di euro con un aumento del 21% rispetto allo stesso periodo del 2010 (1.100 M€). Gli ordini si sono attestati a 1.317 milioni di euro, in crescita del 13% rispetto allo stesso semestre del 2010 (1.169 M€). La redditività si è mantenuta su buoni livelli e la percentuale di export sui ricavi è pari al 56%.

    Nel commentare questi risultati Barbara Frei, Country Manager e Amministratore Delegato di ABB SpA, ha dichiarato: “Questi numeri confermano la buona performance che avevamo già registrato in apertura dell’anno. Considerando i risultati generati dalle singole divisioni, assistiamo ad una crescita diffusa della nostra intera organizzazione, ancora più accentuata sul mercato Italiano, guidata soprattutto da trend positivi nel mercato dell’automazione, delle rinnovabili, dei trasporti e del marine.”

    Tra gli ordini più significativi acquisiti nel corso di questo secondo trimestre emergono quello da 19 milioni di dollari relativo alla fornitura di sei sottostazioni mobili per Terna e quello da 25 milioni dollari per la fornitura alla società svizzera Etrion Corporation di una soluzione chiavi in mano (parte elettrica e automazione) per due impianti fotovoltaici con una potenzapotenza
    Grandezza data dal rapporto tra il lavoro (sviluppato o assorbito) e il tempo impiegato a compierlo. Indica la rapidità con cui una forza compie lavoro. Nel Sistema Internazionale si misura in watt (W).
    complessiva di 10 MW in costruzione in Puglia.

    Rimanendo nel campo del power, segnaliamo la fornitura di quadri di media tensionetensione
    Grandezza fisica che rappresenta l’energia necessaria a far fluire una carica elettrica tra due punti, per creare una corrente. Nel Sistema Internazionale si misura in Volt. Le linee elettriche possono essere ad altissima tensione (tensione nominale superiore a 150 kV), alta tensione (compresa fra 35 e 150 kV), media tensione (compresa fra 1 e 35 kV) e a bassa tensione (tensione inferiore a 1 kV).
    destinati all’impianto misto idro-eolico-solare che alimenterà l’isola di El Hierro nelle Isole Canarie, la prima al mondo completamente autonoma sotto il profilo energetico con tecnologie a zero emissionizero emissioni
    Obiettivo che si sono posti numerosi governi per la riduzione delle emissioni derivanti dai processi produttivi. Questo è possibile attraverso azioni di risparmio energetico e di miglioramento delle efficienza dei processi. Un esempio potrebbe essere l’instaurazione di un ciclo virtuoso per cui i rifiuti e le scorie di un’industria divengono materia prima per un’altra, valorizzando così tutte le risorse coinvolte. 
    . Particolarmente interessanti per il tipo di destinazione le forniture di apparecchiature di media tensione per il nuovo autodromo di Mosca e per l’aeroporto internazionale russo di Sochi, una delle infrastrutture in via di realizzazione per le prossime Olimpiadi invernali del 2014. Non da ultimi vanno ricordati un’importante commessa all’estero del valore di 17 milioni di euro per Saipem relativa alla fornitura di quadri di bassa tensionebassa tensione
    Tensione inferiore a 1000 V in corrente alternata ed inferiore a 1500 V in corrente continua.
    , comprensivi di azionamenti a velocità variabile destinati al settore dell’oil and gas e, sul fronte del service, un accordo per la manutenzione ordinaria e straordinaria di centrali elettriche E.ON.

     

    Fonte: ABB ITALIA, 21/07/2011

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button