NewsEfficienza & RisparmioClimatizzazioneRiscaldamento E RaffrescamentoStakeholder energiaMise - Min.sviluppo EconomicoSostariffe.itEfficienza Energetica

Dal 1° giugno nuove regole per la certificazione dei condizionatori

    La più importante novità è l’obbligo di dotazione dei nuovi modelli di libretto di impianto.

    La norma riguarda tutti i sistemi di condizionamento d’aria, non solo quelli estivi, e include anche i sistemi di teleriscaldamentoteleriscaldamento
    Sistema che consente di distribuire calore presso le utenze, a partire da una centrale di produzione (per esempio centrale di cogonerazione, termovalorizzatore, ecc…). Il calore viene trasportato sotto forma di acqua calda o vapore all’interno di condotti interrati e può servire per riscaldare gli ambienti oppure per produrre acqua calda sanitaria. Nelle abitazioni servite dal teleriscaldamento la caldaia viene sostituita da uno scambiatore di calore, consentendo una diminuzione delle emissioni e un risparmio di combustibile.
    e cogenerazionecogenerazione
    Processo di produzione congiunta di energia elettrica e calore utile, in cascata, che può essere impiegato per scopi industriali (calore di processo) o per il teleriscaldamento. La cogenerazione comporta un sensibile risparmio di energia primaria rispetto alla produzione separata di elettricità a calore.
    , tanto a casa come in ufficio o nell’impresa.

    Le nuove norme sono introdotte dal decreto legislativo 192/2005, e riguardano tutti gli apparecchi sebbene il libretto di impianto sarà obbligatorio unicamente per i sistemi soggetti a verifiche periodiche, cioè di riscaldamento con potenzapotenza
    Grandezza data dal rapporto tra il lavoro (sviluppato o assorbito) e il tempo impiegato a compierlo. Indica la rapidità con cui una forza compie lavoro. Nel Sistema Internazionale si misura in watt (W).
    maggiore di 10 kwkw
    Unità di misura della potenza equivalente a 1.000 Watt.
    e di condizionamento di potenza maggiore di 12 kw.

    Il nuovo libretto di impianto è una sorta di carta d’identità del condizionatore, e va compilato da un tecnico abilitato, inizialmente l’installatore, e successivamente aggiornato dal manutentore o dal responsabile. Quest’ultimo non è altro che l’utenteutente
    Soggetto che consuma elettricità o gas.
    stesso
    nel caso dei piccoli impianti, o l’amministratore o la ditta abilitata a tale scopo nei condomini.

    Il documento dovrà riportare la scheda identificativa dell’apparecchio, la tipologia di intervento, la collocazione e il tipo di immobile, i servizi che effettua e tutti i dati anagrafici del responsabile del condizionatore. Dovranno essere registrati anche i risultati della prima verifica effettuata dall’installatore e di quelle successive eseguite dal manutentore.

    Il modello del libretto di impianto può essere scaricato dal sito web del Ministero dello Sviluppo economico.

    Il mancato rispetto di questa norma porterà all’applicazione delle sanzioni previste dal decreto legislativo 192/2005 e da eventuali disposizioni regionali.

    In particolare, le sanzioni vanno dai 500 ai 3.000 euro per il proprietario, conduttore, amministratore di condominio o terzo responsabile. Più salata la multa per l’operatore incaricato che non provvederà a compilare e inviare il rapporto di controllo tecnico: tra i 1.000 ai 6.000 euro.

    Infine, ricordiamo ai consumatori che utilizzare bene il condizionatore consente di risparmiare in bolletta, dato che si tratta di uno degli elettrodomestici che più incide sulla spesa elettrica estiva.

    Da sottolineare, inoltre che per tagliare le bollette un’alternativa semplice è quella di passare al mercato liberomercato libero
    Mercato in cui sia le imprese che producono sia le imprese che vendono energia elettrica operano in regime di concorrenza, stimolando una competizione che può portare benefici ai consumatori in termini di prezzi e qualità del servizio.
    , dove i prezzi più bassi che genera la maggior concorrenza consentono al consumatore di risparmiare tra il 6 – 7% della spesa annua.

    Per identificare le offerte luce più convenienti rimandiamo al comparatore gratuito ed indipendente di SosTariffe.it.

    Fonte: SosTariffe.it

    Potrebbe anche interessarti…

    News

    News

    News

    News

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button