NewsRinnovabili

DALLE RINNOVABILI, ENTRO DIECI ANNI, FINO AL 50% DELLA DOMANDA ENERGETICA ITALIANA

    Alla Fiera di Roma, nell’ambito di ZeroEmission Rome 2011, ha preso il via oggi PV Rome Mediterranean, il salone internazionale delle tecnologie fotovoltaiche per il Mediterraneo. Il futuro del mercato fv e le straordinarie potenzialità di crescita del settore sono state al centro del convegno che ha aperto la manifestazione.

    Luci e ombre di un mercato, quello del fotovoltaico italiano che comunque che gode di buona salute e cresciuto con tassi record negli ultimi anni. Dopo la grande performance del 2010, anche il nuovo anno conferma questa crescita eccezionale: secondo gli ultimi dati del GSE (gestore dei servizi elettrici), infatti, nei primi otto mesi le nuove installazioni hanno consentito di raggiungere una potenzapotenza
    Grandezza data dal rapporto tra il lavoro (sviluppato o assorbito) e il tempo impiegato a compierlo. Indica la rapidità con cui una forza compie lavoro. Nel Sistema Internazionale si misura in watt (W).
    accumulata pari 10,5 GW, che le stime valutano oltre i 14 GW alla fine del 2011
    . Ma quali sono le prospettive per i prossimi anni e quale il futuro dell’industria nazionale fv nazionale, alla luce dei profondi cambiamenti in atto nelle dinamiche competitive a livello mondiale e delle modifiche introdotte nel regime di incentivazione introdotte dal Quarto conto energiaconto energia
    Il Conto Energia è una forma di incentivazione statale a sostegno della produzione di energia elettrica da impianti fotovoltaici.
    Entrato in vigore con il Decreto Ministeriale del 19 Febbraio 2007, consiste nell’attribuzione di una tariffa incentivante, proporzionale all’energia prodotta, in base alla tipologia di impianto (non integrato architettonicamente, parzialmente integrato, integrato). Le tariffe vengono corrisposte per un periodo di 20 anni a partire dalla data di entrata in esercizio dell’impianto e rimangono costanti per l’intero periodo.
    ?

    Questi temi sono stati al centro del convegno inaugurale di PV Rome Mediterranean, il salone internazionale delle tecnologie fotovoltaiche per il Mediterraneo che ha preso il via oggi nell’ambito di ZeroEmission Rome, la grande manifestazione in corso alla Fiera di Roma dedicata alle energie rinnovabilienergie rinnovabili
    Una risorsa è detta rinnovabile se, una volta utilizzata, è in grado di rigenerarsi attraverso un processo naturale in tempistiche paragonabili con le tempistiche di utilizzo da parte dell’uomo. Sono considerate quindi risorse rinnovabili:
    – il sole
    – il vento
    – l’acqua
    – la geotermia
    – le biomasse
    , sostenibilità ambientale, lotta ai cambiamenti climatici ed emission tradingtrading
    Attività di acquisto e/o di vendita di prodotti (materie prime o commodities) sui mercati internazionali.
    , che proseguirà fino al 16 settembre.

    Dati che proiettano l’Italia al primo posto nella classifica mondiale per capacità installata annua, consacrando il nostro Paese come leader mondiale nell’utilizzo di questa tecnologia – ha sottolineato Gianni Silvestrini, direttore scientifico del Kyoto Club, uno tra i massimi esperti italiani del settore -. Al tempo stesso, però, stiamo assistendo a una profonda trasformazione nell’impiego dei sistemi fv, che nei prossimi anni sarà sempre più orientato verso le installazioni sugli edifici a discapito dei grandi parchi solari che finora hanno sostanzialmente fatto da traino allo sviluppo del settore. Una trasformazione favorita dal nuovo regime di incentivazione e che apre nuove ed eccezionali prospettive di sviluppo per la nostra industria. Per le imprese italiane puntare allo sviluppo di tecnologie innovative, pensate per consentire l’integrazione degli impianti nelle strutture architettoniche degli edifici è sicuramente una delle strade per affrontare le sfide di un mercato globale che vede le imprese asiatiche avvantaggiate dai minori costi di produzione e dalle politiche di sostegno alla produzione adottate dai loro governi.

    Le enormi potenzialità di crescita del fv italiano e il ruolo crescente che questa tecnologia avrà nel mix energetico nazionale sono state sottolineate da Agostino Re Rebaudengo, neo-presidente di Aper, l’associazione dei produttori di energie rinnovabili. “I risultati del referendum dello scorso giugno che hanno portato alla cancellazione del piano per il nuclearenucleare
    Forma di energia derivante dai processi che coinvolgono i nuclei atomici (fissione e fusione).
    del governo, hanno aperto scenari molto promettenti per il futuro delle rinnovabili e del fotovoltaico. Il Piano d’azione nazionale per l’energiaenergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    , infatti, prevedeva un fabbisogno elettrico lordo di 330 Twh per il 2020, soddisfatto rispettivamente da fonte fossili, per 187 TWh, rinnovabili, 98 Twh, e nucleare, 90 Twh – ha spiegato Rebaudengo -. Ora la quota del nucleare dovrà essere ripartita tra le prime due: in questo scenario l’obiettivo è di arrivare a produrre con le rinnovabili circa 150 TWh al 2020, arrivando quindi a soddisfare con energie pulite circa il 50% della domanda”. Un obiettivo ambizioso, nel quale una parte rilevante spetterà alle tecnologie fv, ma che per essere raggiunto richiede il superamento di alcuni ostacoli che ancora ne limitano lo sviluppo e frenano gli investimenti, come ad esempio la razionalizzazione e velocizzazione degli iter autorizzativi e la stabilità del regime di incentivi.

    Su questo ultimo punto, in particolare si è soffermato Gianni Chianetta, presidente di Assosolare, associazione nazionale dell’industria fotovoltaico. Come associazione abbiamo più volte sottolineato alcuni aspetti non felici del Quarto conto energia, come la creazione del registro per i grandi impianti, il limite degli 8 GW per le installazioni sui terreni agricoli. A questo si aggiunge la mancanza di una chiara strategia energetica condivisa. Tutti aspetti che devono essere superati- spiega Chianetta -. Tuttavia, le nuove norme hanno introdotto anche alcune novità che possono aiutare lo sviluppo dell’industria: penso ai premi riconosciuti ai prodotti più innovativi, ai sistemi perl’integrazione architettonica e per l’efficienza energeticaefficienza energetica
    Con questi termini si intendono i miglioramenti che si possono apportare alla tecnologia per produrre gli stessi beni e servizi utilizzando meno energia, con conseguente riduzione dell’ impatto ambientale e dei costi associati.
    , oltre ad aver fissato l’obiettivo dei 23 GW di installazioni al 2016, che danno nuove prospettive di medio e lungo termine al futuro del settore.

    Su questi ultimi punti concorda Valerio Natalizia, presidente di ANIE-GIFI. “Il tema dell’innovazione, della ricerca di soluzioni più efficienti, sono fattori che possono aiutarci a vincere le sfide di un mercato globale, dove la competizione è sempre più agguerrita – ha spiegato Natalizia -. Ma la filiera fotovoltaica italiana ha già dimostrato di avere la forza e tutte le carte in regole per giocarsi la partita. Ovviamente, occorre anche un nuovo approccio, non focalizzato solo sulla produzione dei moduli in senso stretto, ma che sappia guardare anche ad tutti gli altri componenti di un impianto e ai servizi legati alla sua gestione. Penso, ad esempio al discorso dell’elettronica applicata al fv, campo nel quale l’Italia è ai massimi livelli, alla produzione di componenti dei sistemi, che ormai rappresentano la quota maggioritaria del costo degli impianti, ai servizi di manutenzione e controllo. Attività che possono creare ricchezza e posti di lavoro di alto profilo tecnologico”.

    A fare gli onori di casa sono intervenuti Teodoro Bontempo, Assessore alle politiche per la casa della Regione Lazio e Fabio Tancredi, dell’Assessorato all’ambiente del Comune di Roma: “Le rinnovabili e le soluzioni per l’efficienza energetica saranno sempre più centrali per il futuro energetico del nostro Paese, per via dei vantaggi che assicurano a cittadini, imprese e all’intero sistema nazionale – ha dichiarato Bontempo -. Come Regione Lazio stiamo riversando grande impegno per favorire la loro diffusione e impiego, perché siamo convinti di tutti i benefici che queste tecnologie possono garantire per migliorare la qualità ambientale e in definitiva il livello di vita dei cittadini. A breve, ad esempio approveremo un Regolamento per il fascicolo energetico, uno strumento per la riduzione dei consumi energetici delle abitazioni che interessa le nuove costruzioni e le riqualificazioni edilizie, incentrato sull’impiego delle fonti alternative e sui sistemi per l’abbattimento dei consumi. In questa ottica rientra anche il piano per la riqualificazione degli edifici di edilizia pubblica popolare, che farà da modello per tutto il settore delle costruzioni nella regione”. “Anche nella città di Roma sono stati avviati diversi progetti per favorire l’impiego delle rinnovabili – ha spiegato Tancredi -. Il fulcro è il nuovo PAES, il Piano d’azione per l’energia sostenibile, che prevede, tra l’altro, incentivi a favore dell’utilizzo di sistemi per la produzione di energia pulita, applicazioni delle smart gridsmart grid
    Trattasi di una rete di informazione che affianca la rete di distribuzione elettrica e gestisce la rete elettrica in maniera “intelligente” sotto vari aspetti o funzionalità ovvero in maniera efficiente per la distribuzione di energia elettrica evitando sprechi energetici, sovraccarichi e cadute di tensione elettrica. Ciò avviene attraverso un sistema fortemente ottimizzato per il trasporto e diffusione della stessa, dove gli eventuali surplus di energia di alcune zone vengono redistribuiti, in modo dinamico ed in tempo reale, in altre aree oppure regolando costantemente il dispacciamento tra centrali di autoproduzione elettrica da fonti rinnovabili della rete di distribuzione (generazione distribuita) con le centrali elettriche della rete di trasmissione (produzione centralizzata).
    , l’incentivazione per gli acquisti verdi e un piano per la mobilità sostenibile incentrate sull’utilizzo delle auto elettriche, il rinnovamento della flotta dei mezzi pubblici e la creazione di stazioni di ricarica alimentata con impianti fv”.

     

    Fonte: Comunicato stampa ZeroEmission Rome, 15/09/2011

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button