NewsEfficienza & RisparmioIncentivi E Detrazioni FiscaliRinnovabiliBiogasBiomassaEolicoGeotermiaIdroelettricoSolare TermicoEnergia Dal Mare

Decreto incentivi rinnovabili 2015: la Conferenza delle Regioni da l’ok, ora si va in Commissione

    Decreto incentivi rinnovabili non fotovoltaiche

    Positivo il parere della Conferenza delle Regioni, si va avanti. Prossimo passaggio la Commissione Europea.

    Il via libera delle Regioni al decreto di incentivazione della produzione di energia elettricaenergia elettrica
    Forma di energia ottenibile dalla trasformazione di altre forme di energia primaria (combustibili fossili o rinnovabili) attraverso tecnologie e processi di carattere termodinamico (ovvero che coinvolgono scambi di calore) che avvengono nelle centrali elettriche. La sua qualità principale sta nel fatto che è facilmente trasportabile e direttamente utilizzabile dai consumatori finali. Si misura in Wh (wattora), e corrisponde all’energia prodotta in 1 ora da una macchina che ha una potenza di 1 W.
    prodotta da impianti alimentati da fonti rinnovabili non fotovoltaiche (qui la bozza di decreto del MISE) è arrivato durante la Conferenza Unificata del 5 novembre anche in considerazione dei correttivi introdotti dal ministero dello sviluppo economico proprio durante il confronto con le Regioni.
     
    Ricordiamo che il parere delle Regioni sul provvedimento (su cui si è tra l’altro già espressa anche l’Autorità per l’EnergiaEnergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    ) non è vincolante e che prima del via libera definitivo il decreto dovrà essere sottoposto all’esame della Commissione Europea.
     
    Nel documento della Conferenza delle Regioni con cui è stato formulato il parere (qui la versione integrale), sono riportati anche specifici rilievi e osservazioni delle singole Regioni (Puglia, Molise, Abruzzo, Molise, Veneto, Valle d’Aosta e provincia autonoma di Trento).
     
    Fonte: Conferenza delle Regioni

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button