NewsAmbienteStakeholder energiaWwf

DEFORESTAZIONE: DALLO SPAZIO SI SPIANO LE FORESTE PER SALVARLE

    Il satellite permetterà continue osservazioni terrestri cruciali per il monitoraggio delle foreste e la loro conservazione.

    Il team del WWFWWF
    Organizzazione che promuove la tutela e la conservazione della natura attraverso la preservazione della diversità biologica a livello di geni, specie ed ecosistemi. Il WWF sostiene numerose iniziative a favore della sostenibilità ambientale, contro l’inquinamento e l’uso irrazionale dell’energia e delle risorse, coinvolgendo l’opinione pubblica e volontari di tutto il mondo.
    internazionale ‘Clima e Foreste’ , con sede negli Stati Uniti, utilizzerà i dati messi a disposizione per monitorare i tassi di deforestazione nelle foreste tropicali più minacciate del mondo, come parte dei suoi sforzi per ridurre le emissioni climalteranti da deforestazione e degrado forestale (REDD +).

    Landsat 8 è l’ultimo satellite lanciato dalla missione Landsat Data Continuity Mission (LDCM): un programma congiunto della NASA e della US Geological Survey (USGS) iniziato nel 1972.

    Il satellite farà il giro della Terra 14 volte al giorno a un’altitudine di 438 km, tornando sopra ogni posizione ogni 16 giorni. Immagini e dati acquisiti verranno archiviati e resi disponibili gratuitamente.

    Il WWF prevede che gli scienziati che si occupano delle principali foreste tropicali – tra cui l’Amazzonia, il bacino del Congo e l’Indonesia con le isole di Sumatra e il Borneo e Papua Nuova Guinea – saranno in grado di utilizzare le immagini di Landsat 8 per monitorare, in tempo quasi reale, i tassi di deforestazione e di tenere traccia di questi dati e confrontarli con i livelli di riferimento stabiliti (RLS).

    Ciò è significativo perché consentirà alle nazioni che si stanno preparando per il REDD + di soddisfare i requisiti tecnici delle Nazioni Unite che chiedono coerenza tra la deforestazione RLS e il monitoraggio, la rendicontazione e la verifica (MRV) – un passo in avanti fondamentale nel movimento REDD + .

    “Il lancio di oggi di Landsat 8 dovrebbe essere celebrato dagli ambientalisti in tutto il mondo come un importante passo avanti nello sforzo globale per la conservazione delle foreste più fragili e preziose della Terra e come strumento fondamentale per l’implementazione di REDD + e per le opportunità di conservazione che questo comporta”, ha detto Massimiliano Rocco Responsabile Specie, TRAFFIC & Foreste WWF Italia.

    “Ogni sforzo deve essere fatto per monitorare e impegnarsi concretamente a salvare gli ultimi polmoni verdi del Pianeta e a frenare l’irresponsabilità umana che sta consumando letteralmente gli ecosistemi forestali. Ci auguriamo che questo spinga sia le istituzioni che le imprese, anche italiane, che ne sfruttano le risorse naturali, a una maggiore coerenza nell’impegno della conservazione delle foreste”.

    Con il lancio di Landsat 8, la NASA ha detto che “continua il quarantennale impegno per la conservazione delle risorse naturali della Terra dallo spazio.”

    L’archivio di immagini di Landsat 8 si baserà sui dati acquisiti dai satelliti precedenti lanciati dal programma Landsat – l’unico storico sistema di imaging liberamente disponibile sulla Terra. Questo darà agli scienziati di tutto il mondo, immagini storicamente comparabili, degli impatti della Natura e degli esseri umani sulla superficie terrestre nel corso del tempo.

    Fonte: WWF

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *