NewsEfficienza & RisparmioMobilitàMobilità SostenibileStakeholder energiaA2aEfficienza Energetica

Dopo la presentazione ufficiale a Milano, l’alleanza RENAULT-NISSAN e il GRUPPO A2A lanciano anche a Brescia il progetto pilota sulla mobilità elettrica “E-MOVING”

    Dopo la presentazione ufficiale a Milano, l’alleanza RENAULT-NISSAN e il GRUPPO A2A lanciano anche a Brescia il progetto pilota sulla mobilità elettrica “E-MOVING”

    Dopo la firma dell’accordo definitivo per un impegno congiunto nello sviluppo della mobilità a zero emissionizero emissioni
    Obiettivo che si sono posti numerosi governi per la riduzione delle emissioni derivanti dai processi produttivi. Questo è possibile attraverso azioni di risparmio energetico e di miglioramento delle efficienza dei processi. Un esempio potrebbe essere l’instaurazione di un ciclo virtuoso per cui i rifiuti e le scorie di un’industria divengono materia prima per un’altra, valorizzando così tutte le risorse coinvolte. 
    * e dopo la presentazione del progetto pilota “EMOVING” a Milano, l’Alleanza Renault-Nissan e la multiutility A2A lanciano la sperimentazione anche nella città di Brescia.

    Il progetto pilota “E-MOVING” prenderà il via nella seconda metà del 2010 e proseguirà per la durata di un anno. Brescia è stata scelta insieme a Milano per la realizzazione di una strutturata, completa ed innovativa rete di un totale di circa 270 punti di ricarica a supporto della mobilità elettrica. Clienti privati e società (pubbliche e private) saranno coinvolti nella sperimentazione dei primi 60 veicoli elettrici Renault a zero emissioni in Italia.

    In una conferenza stampa tenutasi oggi presso a Brescia, alla presenza del Sindaco di Brescia Adriano Paroli, Jacques Bousquet, Presidente di Renault Italia, e Graziano Tarantini, Presidente del Consiglio di Sorveglianza di A2A, sono tornati ad illustrare l’accordo siglato, volto a sperimentare dapprima e in seguito diffondere su più ampia scala un sistema di trasporto pubblico e individuale a zero emissioni.

    L’accordo siglato con A2A e il progetto pilota che metteremo in atto a Brescia e a Milano, primo progetto europeo di Renault sulle zero emissioni a prendere il via, – ha affermato Jacques Bousquet, Presidente di Renault Italia – rappresentano una tappa molto importante nella sperimentazione in un contesto urbano di una mobilità 100% elettrica. Renault persegue l’obiettivo di sviluppo di una mobilità sostenibile per tutti, con la quale l’auto elettrica possa essere disponibile e accessibile alla più ampia clientela possibile. Per raggiungere tale obiettivo, è importante per noi collaborare con amministrazioni comunali sensibili a nuove forme di mobilità più eco-compatibili e impegnate a realizzare le condizioni per un abbattimento delle emissioni di CO2CO2
    Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell’atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).

    nella propria realtà locale/“.

    A2A – commenta Graziano Tarantini, Presidente del Consiglio di Sorveglianza di A2Aha deciso di testare un nuovo modello di mobilità sostenibile per contribuire in maniera significativa alla riduzione in città delle emissioni inquinanti dovute alla mobilità (CO2, polveri sottili, inquinamento acustico). Il progetto pilota consiste nella sperimentazione di 60 auto elettriche e 270 punti di ricarica tra Milano e Brescia. Il nostro Gruppo mette a disposizione il suo know-how e le sue competenze investendo nella realizzazione di un’infrastruttura di ricarica per i veicoli elettrici. Con questo progetto pilota le città di Brescia e Milano possono porsi all’avanguardia con le capitali europee come Berlino, Londra e Parigi, che hanno in corso una sperimentazione analoga.

    Questo – aggiunge Paolo Rossetti Direttore Generale Area Tecnico Operativa di A2Aè il primo passo nella creazione di una infrastruttura capillare innovativa di ricarica per sviluppare una rete “poin-to-point” sul territorio tra i principali comuni della Lombardia, in un’ottica di sviluppo sostenibilesviluppo sostenibile
    Lo sviluppo sostenibile è quel tipo di sviluppo che garantisce i bisogni delle generazioni presenti senza compromettere il futuro delle generazioni a venire. I tre obiettivi dello sviluppo sostenibile sono: prosperità economica, benessere sociale e limitato impatto ambientale. La prima definizione, risalente al 1987, è stata quella contenuta nel rapporto Brundtland, poi ripresa successivamente dalla Commissione mondiale sull’ambiente e lo sviluppo dell’ONU.
    e di contenimento delle emissioni inquinanti. Ora ci accingiamo a sostenere il salto tecnologico necessario per lo sviluppo dell’auto elettrica dotando le città, dove il Gruppo A2A è presente, di infrastrutture innovative integrate con il nuovo sistema di reti intelligenti Smart GridSmart Grid
    Trattasi di una rete di informazione che affianca la rete di distribuzione elettrica e gestisce la rete elettrica in maniera “intelligente” sotto vari aspetti o funzionalità ovvero in maniera efficiente per la distribuzione di energia elettrica evitando sprechi energetici, sovraccarichi e cadute di tensione elettrica. Ciò avviene attraverso un sistema fortemente ottimizzato per il trasporto e diffusione della stessa, dove gli eventuali surplus di energia di alcune zone vengono redistribuiti, in modo dinamico ed in tempo reale, in altre aree oppure regolando costantemente il dispacciamento tra centrali di autoproduzione elettrica da fonti rinnovabili della rete di distribuzione (generazione distribuita) con le centrali elettriche della rete di trasmissione (produzione centralizzata).
    che ormai rappresentano il futuro della distribuzionedistribuzione
    Attività di trasporto (di elettricità o di gas) agli utilizzatori finali attraverso le reti di distribuzione.
    elettrica
    “.

    I punti di ricarica dislocati a Brescia saranno circa 70 a disposizione degli automobilisti in luoghi pubblici (strade, parcheggi), o a uso privato (box, parcheggi condominiali, parcheggi aziendali).

    L’infrastruttura di ricarica, la cui installazione da parte di A2A inizierà nel mese di maggio, sarà sviluppata per l’effettuazione di due modalità di ricarica: standard (mediante presa da 220 V 10A o 16A) per una ricarica in 6-8 ore disponibile da subito, e rapida (mediante presa da 400 V, da 32A a 63A trifase) per una ricarica in 20-30 minuti, disponibile dal momento in cui sarà concordato lo standard europeo di presa elettrica polivalente, nel corso del 2012.

    Il progetto pilota “E-MOVING” è la prima sperimentazione che si avvarrà di due modelli diversi di veicoli elettrici della gamma Renault Zero Emission: il Kangoo Express Z.E., furgonetta destinata ad un uso professionale, dotato di un motore che eroga una potenzapotenza
    Grandezza data dal rapporto tra il lavoro (sviluppato o assorbito) e il tempo impiegato a compierlo. Indica la rapidità con cui una forza compie lavoro. Nel Sistema Internazionale si misura in watt (W).
    di 44 kWkW
    Unità di misura della potenza equivalente a 1.000 Watt.
    , e la Fluence Z.E., berlina familiare per un utilizzo sia privato che professionale, dotata di un motore elettrico da 70 kW. Entrambi i modelli saranno equipaggiati di batterie agli ioni di litio di ultima generazione, che forniranno ai veicoli elettrici Renault un’autonomia media di circa 160 chilometri.

    Obiettivo del progetto sarà anche quello di testare l’offerta commerciale, che si baserà su un canone di utilizzo dei veicoli, in linea con i canoni di leasing di veicoli diesel paragonabili ai veicoli elettrici testati per dimensione e performance, e su un abbonamento flat per la ricarica di energia elettricaenergia elettrica
    Forma di energia ottenibile dalla trasformazione di altre forme di energia primaria (combustibili fossili o rinnovabili) attraverso tecnologie e processi di carattere termodinamico (ovvero che coinvolgono scambi di calore) che avvengono nelle centrali elettriche. La sua qualità principale sta nel fatto che è facilmente trasportabile e direttamente utilizzabile dai consumatori finali. Si misura in Wh (wattora), e corrisponde all’energia prodotta in 1 ora da una macchina che ha una potenza di 1 W.
    .

    Il progetto pilota Renault-A2A nelle città di Milano e di Brescia è stato concepito per consentire alle due aziende di approfondire l’utilizzo futuro dei veicoli elettrici da parte della clientela e di migliorare rete, offerte e servizi a supporto di uno sviluppo della mobilità elettrica su più ampia scala.

    Nei prossimi due anni, Renault introdurrà sul mercato una gamma completa di veicoli elettrici (contraddistinti dalla firma Z.E., cioè Zero Emissioni), adatta ad esigenze di utilizzo privato e professionale, e composta da quattro modelli: la berlina media Fluence Z.E., la furgonetta commerciale Kangoo Z.E e l’innovativo piccolo veicolo urbano Twizy Z.E., che entreranno in commercio nel corso del 2011, e la berlina compatta Zoe Z.E., disponibile dal 2012.

    La gamma di veicoli a zero emissioni dell’Alleanza sarà ulteriormente arricchita dall’arrivo nel 2011 della berlina media Nissan LEAF.
    Negli anni successivi l’offerta di Renault e di Nissan sul mercato dei veicoli elettrici continuerà ad ampliarsi e ad estendersi ad altri modelli ed altri segmenti.

     

    *****

     

    Renault
    Il Gruppo Renault, presente in 118 paesi, crea, sviluppa, produce e commercializza automobili e veicoli commerciali con le sue tre marche: Renault, Dacia e Renault Samsung Motors.
    Per rispondere alle nuove sfide sia ecologiche che economiche incontrate dall’industria automobilistica, Renault si poggia su due pilastri: il miglioramento delle tecnologie esistenti con nuove generazioni di motori a basse emissioni di CO2 e il programma di svolta « Zero Emissioni ». Renault lancerà una gamma « Zero emissioni » con tre veicoli elettrici già dal 2011 e un quarto nel 2012. Questa gamma metterà l’innovazione alla portata di molte persone. Con il suo partner Nissan, Renault mira alla leadership mondiale in termini di commercializzazione di massa di veicoli a zero emissioni.

    L’Alleanza Renault-Nissan
    L’Alleanza Renault-Nissan, fondata nel 1999, ha venduto 6.085.058 veicoli nel 2009. Ha come obiettivo quello di attestarsi tra i primi tre costruttori automobilistici mondiali in termine di qualità, di tecnologia e di affidabilità. Nell’ambito della strategia zero-emissioni, segue un approccio collaborativo con governi, amministrazioni comunali, società energetiche e altri partner e fino ad oggi ha firmato circa 50 accordi nel mondo per preparare i mercati e le infrastrutture alla commercializzazione di massa dei veicoli elettrici a partire dal 2011.

    A2A
    A2A è la multiutility nata il primo Gennaio 2008 dalla fusione tra le aziende storiche Aem Milano e Asm Brescia e con l’apporto di Amsa ed Ecodeco, le due società ambientali acquisite dal Gruppo, esempi di eccellenza in Italia ed in Europa. A2A è leader nazionale nel settore ambientale grazie agli oltre 3 milioni di tonnellate di rifiuti trattati, dei quali 1,7 milioni utilizzati per produrre elettricità; Il nuovo Gruppo è anche il primo in Italia nel settore del teleriscaldamentoteleriscaldamento
    Sistema che consente di distribuire calore presso le utenze, a partire da una centrale di produzione (per esempio centrale di cogonerazione, termovalorizzatore, ecc…). Il calore viene trasportato sotto forma di acqua calda o vapore all’interno di condotti interrati e può servire per riscaldare gli ambienti oppure per produrre acqua calda sanitaria. Nelle abitazioni servite dal teleriscaldamento la caldaia viene sostituita da uno scambiatore di calore, consentendo una diminuzione delle emissioni e un risparmio di combustibile.
    ed è il secondo operatore nazionale elettrico per capacità installata e volumi di vendita, con un primato nell’energiaenergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    rinnovabile grazie ad una quota sostanziale, circa il 30%, ottenuta dall’idroelettrico. Per quanto riguarda il settore del gas con oltre 2 miliardi di metri cubi venduti A2A è il terzo operatore nazionale. Con la nascita di A2A assume sempre maggior rilevanza il tema dello sviluppo sostenibile. A2A lavora ogni giorno sul territorio per la sostenibilità erogando servizi di qualità per il cliente, producendo energia con tecnologie innovative ed adeguate alle nuove esigenze sociali, economiche e ambientali.

    Contatti stampa
    Alfredo Ghiroldi
    Ufficio Stampa A2A Brescia
    E-mail: [email protected]
    Tel. +39 030 3554590
    Fax +39 030 3554566
    Website: www.a2a.eu

    Comunicato stampa A2A del 03/05/2010

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button