NewsEfficienza & RisparmioMobilitàMobilità SostenibileRiciclo & RifiutiRinnovabiliBiomassaSostenibilitàStakeholder energiaOrizzontenergia.itEcobuilding

Ecco la top five delle cinque idee creative per un futuro sostenibile…

    Quanto ne sappiamo di sostenibilità?

    Spesso si crede che per avere un minor impatto sull’ambiente sia sufficiente limitare i consumi. In realtà bisognerebbe cominciare a modificare le piccole abitudini quotidianee, magari, fare in modo da avere case, elettrodomestici, automobili e supporti tecnologici più intelligenti, più energeticamente efficienti ed eco-compatibili.

    Al nostro fianco in questa battaglia per limitare gli effetti negativi delle attività umane sull’ambiente, scienziati e progettisti di tutto il mondo, che cercano per noi soluzioni sostenibili anche dal punto di vista economico.

    Qualche esempio? Ecco cinque idee davvero creative…

    Train2carAll’insegna dell’efficienza energeticaefficienza energetica
    Con questi termini si intendono i miglioramenti che si possono apportare alla tecnologia per produrre gli stessi beni e servizi utilizzando meno energia, con conseguente riduzione dell’ impatto ambientale e dei costi associati.
    e della mobilità sostenibile vi presentiamo il brillante progetto spagnolo Train2Car, gestito dalla metropolitana di Madrid e finanziato dal programma INNpacto 2011 del Ministero dell’Economia e della Competitività.

    L’idea è di ricaricare un’auto elettrica riutilizzando gratuitamente una risorsa finora non sfruttata: l’energia elettricaenergia elettrica
    Forma di energia ottenibile dalla trasformazione di altre forme di energia primaria (combustibili fossili o rinnovabili) attraverso tecnologie e processi di carattere termodinamico (ovvero che coinvolgono scambi di calore) che avvengono nelle centrali elettriche. La sua qualità principale sta nel fatto che è facilmente trasportabile e direttamente utilizzabile dai consumatori finali. Si misura in Wh (wattora), e corrisponde all’energia prodotta in 1 ora da una macchina che ha una potenza di 1 W.
    recuperata dai convogli della metro durante i rallentamenti e le frenate
    .

    Questa energiaenergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    viene accumulata grazie ad un particolare supporto: la metro, con dei sistemi di frenata rigenerativa, trasforma l’energia cineticaenergia cinetica
    Energia di movimento, ovvero l’energia che un corpo possiede in virtù del fatto che si sta muovendo. La massa d’acqua di una cascata possiede energia cinetica, per esempio. Un corpo di massa M, infatti, muovendosi a velocità V, ha in sé la capacità di compiere un lavoro, ovvero di ‘far muovere’ qualcos’altro mentre cade o si muove. L’energia cinetica è data dall’espressione: Ec=1/2 x M x V2.
    in energia elettrica
    da stoccare negli accumulatori, per restituirla alla rete durante alcune specifiche fasi dei cicli di funzionamento.

    L’energia è dunque messa a disposizione in una Metrolinera, neologismo che gioca sull’assonanza con gasolinera, distributoredistributore
    Soggetto proprietario e responsabile della rete di distribuzione locale (di elettricità o di gas) a cui sono allacciati direttamente gli utenti finali.
    in spagnolo. Gli automobilisti madrileni che guidano un’auto elettrica possono ora, in soli 20 minuti, fare il pieno senza alcun costo.

    Un’altra proposta per accelerare la corsa della sostenibilità ambientale viene dall’Olanda: istallare su auto ed edifici tetti dotati di prato. Il motivo? Ricavarne energia tramite un processo naturale conosciuto persino dai bambini: la fotosintesi clorofilliana.

    Plant-eLa società olandese Plant-e, spin-off del dipartimento di tecnologia ambientale dell’Università di Wageningen, da cinque anni sta studiando un modo per ottenere elettricità dalle piante.

    Le performance migliori per il momento sono ottenute nelle risaie, ma il progetto prevede applicazioni su qualunque terreno. Infatti, durante il naturale processo di fotosintesi clorofilliana, ogni pianta produce materia organica: una parte è utilizzata per regolarne la crescita, una cospicua parte non può essere utilizzata dalla pianta e viene rilasciata dalle radici.

    Nel terreno dei microrganismi consumano questa materia, emettendo elettroni come prodotto di scarto. I ricercatori olandesi propongono di inserire degli elettrodi per sfruttare e trasformare in elettricità questi elettroni, “rifiuti” di un processo completamente naturale e sicuro per l’ambiente.

    Ottenere energia in questo modo, sembrerebbe un’iniziativa eco-compatibile ed eco-sostenibile. Una tecnologia che potrebbe essere sfruttata anche per produrre elettricità da terreni contaminati e non adatti alle colture alimentari, producendo e creando valore anche da aree altrimenti non più produttive.

    Un’originale interpretazione danese della sostenibilità invece, si concentra sulla bioedilizia: sull’isola di Læsø, c’è una casa vacanze costruita completamente con un insolito materiale a Km0, le alghe.

    La casa vacanze danese costruita con le algheIl progetto, nato da una collaborazione della fondazione Readania Byg con lo studio di architettura Vandkunsten, dimostra che l’alga, proprio come il legno, possiede un ottimo potere isolante e può ridurre ad un livello molto basso la quantità di emissioni nocive di CO2CO2
    Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell’atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).

    L’alga, che viene raccolta direttamente dal mare ed essiccata al sole o al vento – oltre ad essere perfetta a questo scopo – sembrerebbe essere un materiale edile molto sicuro: non è infiammabile, non marcisce, non attira i parassiti. Inoltre, è fondamentale sottolineare il suo valore isolante, considerato al pari della lana minerale.

    Nel realizzare questo particolare esemplare di ecobuilding il team danese ha prestato particolare attenzione all’efficienza energetica e alla sostenibilità ambientale: lo spessore delle pareti, l’istallazione di pompe di calore e di speciali finestre limitano enormemente il dispendio energetico. Con un consumo previsto di 20 kWhkWh
    Unità di misura dell’energia elettrica equivalente a 1.000 Wh (wattora), ovvero 1.000 W forniti o richiesti in un’ora.
    /mq/anno,  la casa soddisfa a pieno i rigorosi standard stabiliti per gli edifici a basso consumo energetico in Danimarca.  

    Progetto GE.RI.N.Le alghe sono molto apprezzate anche nel nostro Paese: la Sicilia ha infatti cercato di donare una seconda vita a questa particolare forma di biomassabiomassa
    In generale si identifica con biomassa tutto ciò che ha matrice organica ad eccezione delle plastiche e dei materiali fossili. Come indicato nel decreto legislativo del 29 Dicembre 2003 n. 387, per biomassa si intende ” la parte biodegradabile dei prodotti, rifiuti e residui provenienti dall’agricoltura (comprendente sostanze vegetali e animali) e dalla silvicoltura e dalle industrie connesse, nonchè la parte biodegradabile dei rifiuti industriali e urbani “. Ciò che accomuna le diverse tipologie di biomassa è la presenza di carbonio che mette a disposizione un elevato potere calorifico eventualmente sfruttabile per fini energetici.
    che spesso viene considerata un fattore di degrado che limita lo sviluppo turistico ed economico delle località balneari.

    A tal proposito, l’iniziativa di ENEA – GE.RI.N “Gestione Risorse Naturali” nell’ambito del Progetto “Ecoinnovazione Sicilia” si concentra sullo sviluppo di tecnologie per favorire il turismo sostenibile, per la salvaguardia dell’habitathabitat
    Termine generico indicante l’ambiente naturale che permette la nascita e lo sviluppo di esseri viventi, animali o vegetali.
    naturale
     e per il recupero eco-compatibile dei resti dell’alga Posidonia Oceanica, una pianta endemica del Mar Mediterraneo.

    Le biomasse vegetali spiaggiate, che generalmente vengono raccolte e portate in discarica, grazie al progetto GE.RI.N ed alla proficua collaborazione con l’Area Marina Protetta delle Isole Egadi (presso l’isola di Favignana), vengono in questo caso riutilizzate per realizzare delle stuoie, biodegradabili al 100%.

    Si tratta di realizzare delle strutture a “materasso”, costituite da sacche in fibra naturale (cocco, juta, canapa, etc.) da riempire con i resti di Posidonia accumulata sulle spiagge utilizzando manodopera locale. Questi speciali tappetini sono facilmente trasportabili e possono essere poi utilizzati per creare camminamenti, sentieri, ma anche coperture naturali da distendere su tratti rocciosi ed impervi difficilmente fruibili, contribuendo a contrastare il problema dell’erosione costiera riducendo l’asportazione della sabbia e aumentando la ricettività balneare.

    Si tratta di un’innovazione importante, che permette di coniugare le esigenze ambientali, sociali ed economiche delle località balneari, consentendo di migliorare i servizi turistici con una gestione sostenibile delle spiagge, che vengono restituite alla fruizione dei bagnanti, e che ha ritorni anche occupazionali a livello locale. 

    Oltre ad efficienza energetica, energie rinnovabilienergie rinnovabili
    Una risorsa è detta rinnovabile se, una volta utilizzata, è in grado di rigenerarsi attraverso un processo naturale in tempistiche paragonabili con le tempistiche di utilizzo da parte dell’uomo. Sono considerate quindi risorse rinnovabili:
    – il sole
    – il vento
    – l’acqua
    – la geotermia
    – le biomasse
    e sfruttamento intelligente delle risorse naturali del territorio, non possiamo dimeticare un’altra voce importante nel bilancio dell’impatto delle attività umane sull’ambiente: i rifiuti.

    PlasticaRidurne la quantità ed insegnare ai cittadini ad amare la raccolta differenziataraccolta differenziata
    Raccolta di rifiuti raggruppati per tipologia (per esempio, carta, vetro, plastica) al fine di riciclarli rendendo più facile lo smaltimento e valorizzando il rifiuto stesso come materia prima. Ogni Comune stabilisce le modalità di raccolta.
    ? Come? Le autorità cinesi hanno ottenuto a Pechino due risultati positivi con una sola iniziativa: il biglietto della metropolitana si può pagare con delle bottiglie di plastica.

    Il principio del Reverse Vending è semplice: per ogni bottiglia inserita nel raccoglitore, si ricevono tra 5 fen e 1 mao (0,5 e 0,15 dollari), con 15 bottiglie gli utenti possono avere una corsa sulla metropolitana della città.

    Al momento sono solo 4 i dispositivi attivi istallati, e si concentrano tutti sulla linea 10 della metro pechinese: il servizio gestito dalla compagnia Incom è infatti ancora in fase sperimentale, ma sono previste altre 3.000 macchine da istallare in tutta la città, persino alle fermate degli autobus e nei centri commerciali. Non mancano però le perplessità riguardo il buon esito dell’iniziativa…

    …vediamo cosa ne pensano i pechinesi

    Orizzontenergia.it

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button