NewsEfficienza & RisparmioStakeholder energiaOrizzontenergia.itEfficienza Energetica

EFFICIENZA ENERGETICA: IN ITALIA POSSIBILE RISPARMIO DI CIRCA 6 MLD ALL’ANNO

    Secondo quanto emerge dallo studio sull’efficienza energeticaefficienza energetica
    Con questi termini si intendono i miglioramenti che si possono apportare alla tecnologia per produrre gli stessi beni e servizi utilizzando meno energia, con conseguente riduzione dell’ impatto ambientale e dei costi associati.
    che Edison ha presentato negli scorsi giorni al Festival dell’EnergiaEnergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    di Firenze
    , l’Italia potrebbe ridurre del 15-17% i propri consumi energetici totali risparmiando all’incirca 5,8 miliardi di euro all’anno ed evitando l’emissioneemissione
    Qualsiasi sostanza solida, liquida o gassosa introdotta nell’atmosfera a seguito di processi naturali o antropogenici, che produce direttamente o indirettamente un impatto sull’ambiente.
    in atmosferaatmosfera
    Involucro di gas e vapori che circonda la Terra, costituito prevalentemente da ossigeno e da azoto, che svolge un ruolo fondamentale per la vita delle specie, perché fa da schermo alle radiazioni ultraviolette provenienti dal Sole. Essa si estende per oltre 1000 km al di sopra della superficie terrestre ed è suddivisa in diversi strati: troposfera (fino a 15-20 chilometri), stratosfera (fino a 50-60 chilometri), ionosfera (fino a 800 chilometri) ed esosfera.
    di circa 27,7 miliardi di tonnellate di CO2CO2
    Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell’atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).

    all’anno.

    In particolare, stando alle stime elaborate da Edison, con un potenziale di risparmio di circa 55 TWh di energia elettricaenergia elettrica
    Forma di energia ottenibile dalla trasformazione di altre forme di energia primaria (combustibili fossili o rinnovabili) attraverso tecnologie e processi di carattere termodinamico (ovvero che coinvolgono scambi di calore) che avvengono nelle centrali elettriche. La sua qualità principale sta nel fatto che è facilmente trasportabile e direttamente utilizzabile dai consumatori finali. Si misura in Wh (wattora), e corrisponde all’energia prodotta in 1 ora da una macchina che ha una potenza di 1 W.
    all’anno
    , l’Italia per raggiungere i potenziali obiettivi di efficienza energetica dovrebbe investire all’incirca 35 miliardi di euro da distribuire nei vari settori che impiegano energia elettrica.

    Panoramica dei settori

    Come si evince dallo studio di Edison, i programmi di efficienza energetica dovrebbero coinvolgere tutti i settori proporzionalmente al loro peso: in Italia sono i settori residenziale e terziario ad incidere maggiormente sui consumi (32,4%), seguiti dal settore dei trasporti (32,2%), dell’industria (27,3%), dell’agricoltura (5,8%) e altre voci (2,4%).

    Nel settore industriale si stima un potenziale di risparmio dei consumi energetici di 22.800 GWh, -41% rispetto agli attuali consumi, mentre nel settore residenziale il risparmio potrebbe essere del 36%, l’equivalente di 20.240 GWh. Nel settore dei servizi si potrebbe invece avere un risparmio di 12.000 GWh (-22%), mentre in quello agricolo di 333 GWh (-1%).

    E’ emerso inoltre, che la voce di maggior peso sui consumi del settore residenziale è il riscaldamento (che incide per i due terzi) sul quale si potrebbe intervenire attraverso l’efficientamento delle caldaie e l’isolamento degli edifici. Mentre nel settore dei trasporti un incremento dell’efficienza si otterrebbe sicuramente incentivando il trasporto ferroviario ed il trasporto pubblico su gomma allo scopo di diminuire sia il traffico urbano che conseguentemente il consumo della fonte primaria. Nel settore industriale infine si dovrebbe puntare ad interventi di energy saving ea all’installazione di motori ad alta efficienza.

     

    Orizzontenergia.com, 26/09/2011

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button