NewsEfficienza & RisparmioDomoticaEcobuildingEfficienza Energetica

Efficienza energetica, previsioni di mercato nei prossimi tre anni [VIDEO]

    Il futuro dell’efficienza energeticaefficienza energetica
    Con questi termini si intendono i miglioramenti che si possono apportare alla tecnologia per produrre gli stessi beni e servizi utilizzando meno energia, con conseguente riduzione dell’ impatto ambientale e dei costi associati.
    nelle nostre case passa dai sistemi integrati e capaci di comunicare: previsioni di mercato nei prossimi 3 anni.

    Presentata oggi a Milano la ricerca MCE e Energy Strategy Group del Politecnico di Milano sulle tecnologie del risparmio energeticorisparmio energetico
    Con questo termine si intendono tutte le iniziative intraprese per ridurre i consumi di energia, sia in termini di energia primaria sia in termini di energia elettrica, adottando stili di vita e modelli di consumo improntati ad un utilizzo più responsabile delle risorse.
    : 12,8 mld la previsione di mercato dell’efficienza energetica nei prossimi tre anni.

    Per la prima volta è stato indagato in profondità il mercato delle tecnologie per l’efficienza energetica nel settore residenziale italiano e i trend dei prossimi tre anni.

    Domotica, building automation, zero energy building, integrazione fra soluzioni e sistemi, fra mondo elettrico e termico, fra involucro e impianto per una gestione coordinata e intelligente degli edifici, per la riduzione del consumo energetico, per la salvaguardia dell’ambiente e delle risorse naturali: questi i driver di sviluppo del settore, con 12,8 mld di euro di investimenti previsti nei prossimi tre anni.

    Ma come si compongono i quasi 13 mld di euro?

    Oltre la metà degli investimenti previsti (7,2 mld) deriverà dalle soluzioni per l’efficienza energetica (soprattutto pompe di calore, che da sole valgono 5 mld di euro; caldaie a condensazione e sistemi di building automation), 4 mld  dalle soluzioni di generazione distribuita da fonti rinnovabilifonti rinnovabili
    Una risorsa è detta rinnovabile se, una volta utilizzata, è in grado di rigenerarsi attraverso un processo naturale in tempistiche paragonabili con le tempistiche di utilizzo da parte dell’uomo. Sono considerate quindi risorse rinnovabili:
    – il sole
    – il vento
    – l’acqua
    – la geotermia
    – le biomasse
    , soprattutto nell’ambito termico (caldaie a biomassabiomassa
    In generale si identifica con biomassa tutto ciò che ha matrice organica ad eccezione delle plastiche e dei materiali fossili. Come indicato nel decreto legislativo del 29 Dicembre 2003 n. 387, per biomassa si intende ” la parte biodegradabile dei prodotti, rifiuti e residui provenienti dall’agricoltura (comprendente sostanze vegetali e animali) e dalla silvicoltura e dalle industrie connesse, nonchè la parte biodegradabile dei rifiuti industriali e urbani “. Ciò che accomuna le diverse tipologie di biomassa è la presenza di carbonio che mette a disposizione un elevato potere calorifico eventualmente sfruttabile per fini energetici.
    e solare termico), e 1,62 mld di euro dalle soluzioni integrate e i sistemi di home appliances.

    Quali tecnologie, quali investimenti e quali benefici per le persone che scelgono di installare prodotti e sistemi per l’efficienza energetica nelle loro case?

    La ricerca vuole rispondere a questi interrogativi, mettendo in evidenza quali sono le soluzioni dal rendimentorendimento
    In termini generali il rendimento è il rapporto tra “quanto ottenuto” in un processo e “quanto speso” per fare avvenire lo stesso processo. In termodinamica rappresenta la capacità di un sistema di convertire l’input di calore in lavoro utile. Il rendimento è un numero puro (cioè non ha unità di misura) ed è sempre compreso tra 0 e 1. A seconda dei termini che vengono messi a confronto è possibile ottenere diverse tipologie di rendimento utili a definire la bontà di un processo o di una macchina (per esempio rendimento elettrico, rendimento termico, ecc..) ma il ragionamento alla base è sempre lo stesso.
    più efficiente, i costi e il futuro risparmio
    : un’analisi che diventa un utile strumento per indirizzare le scelte di acquisto dei consumatori, grazie anche alla realizzazione di un video ad hoc che fornisce ai consumatori, in modo facile e intuitivo, utili consigli e  suggerimenti per rendere la propria casa più “green”.

    Nel prossimo futuro tutte le soluzioni indicate saranno destinate sempre più a comunicare tra di loro. E allora spazio all’integrazione intelligente tra gli impianti, grazie all’uso di tecnologie innovative, che consentano di monitorare le utenze e di massimizzare l’efficacia degli interventi residenziali.

    Ma non solo grandi sistemi: l’integrazione può riguardare tutti gli elettrodomestici della casa, compresi quelli “bianchi”, come frigoriferi, lavatrici, lavastoviglie, cucine, forni a microonde, etc., che integrati con i sistemi di building automation, hanno prestazioni più efficienti, più convenienti economicamente, con una maggiore sicurezza e comfort.

    La ricerca infine offre una fotografia della distribuzionedistribuzione
    Attività di trasporto (di elettricità o di gas) agli utilizzatori finali attraverso le reti di distribuzione.
    territoriale delle tecnologie, in funzione del consumo elettrico e termico delle abitazioni

    Il Nord e il Centro vedranno una maggiore diffusione di soluzioni di generazione di energia termicaenergia termica
    Calore.
    come caldaie a condensazione e pompe di calore in aggiunta a rinnovabili; nel Sud invece saranno le soluzioni di generazioni elettrica per la climatizzazione estiva che troveranno maggiore sviluppo, quali ad esempio le pompe di calore.

    Fonte: MCE

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *