NewsEfficienza & RisparmioClimatizzazioneRiscaldamento E RaffrescamentoEfficienza Energetica

EFFICIENZA STAGIONALE E ETICHETTA ENERGETICA, DAIKIN AL VIA CON I NUOVI PARAMETRI

    Con il piano strategico 20/20/20, l’Europa ha l’obiettivo di produrre il 20% in meno di CO2CO2
    Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell’atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).

    , utilizzare il 20% in più di energiaenergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    rinnovabile e consumare il 20% in meno di energia primariaenergia primaria
    Energia riferita direttamente al combustibile impiegato nelle centrali di produzione elettrica. È definita primaria perché deriva direttamente dallae caratteristiche della fonte, così come si trova in natura, senza trasformazioni in nessun’altra forma.
    entro il 2020. Per conseguire questi obiettivi, l’Ue ha emanato la Direttiva ERP (Energy related products) 2009/125/CE che specifica i requisiti minimi di ecoprogettazione delle apparecchiature che utilizzano energia, tra cui l’efficienza energeticaefficienza energetica
    Con questi termini si intendono i miglioramenti che si possono apportare alla tecnologia per produrre gli stessi beni e servizi utilizzando meno energia, con conseguente riduzione dell’ impatto ambientale e dei costi associati.
    . Le modalità di applicazione della direttiva sono contenute nel Regolamento 206/2012 con le specifiche sulla progettazione ecocompatibile dei climatizzatori. L’effetto combinato tra queste e le indicazioni del Regolamento 626/2011 relativo all’etichettatura energetica dei climatizzatori consentirà un risparmio annuo del consumo di energia elettricaenergia elettrica
    Forma di energia ottenibile dalla trasformazione di altre forme di energia primaria (combustibili fossili o rinnovabili) attraverso tecnologie e processi di carattere termodinamico (ovvero che coinvolgono scambi di calore) che avvengono nelle centrali elettriche. La sua qualità principale sta nel fatto che è facilmente trasportabile e direttamente utilizzabile dai consumatori finali. Si misura in Wh (wattora), e corrisponde all’energia prodotta in 1 ora da una macchina che ha una potenza di 1 W.
    pari a 11 TWh entro il 2020.

    Per i climatizzatori con potenzapotenza
    Grandezza data dal rapporto tra il lavoro (sviluppato o assorbito) e il tempo impiegato a compierlo. Indica la rapidità con cui una forza compie lavoro. Nel Sistema Internazionale si misura in watt (W).
    inferiore ai 12 kwkw
    Unità di misura della potenza equivalente a 1.000 Watt.
    , dall’1 gennaio 2013, l’efficienza energetica si baserà sui nuovi indici di efficienza stagionale (SEER* per il funzionamento in raffrescamento e SCOP** per quello in riscaldamento).

    Daikin ha già applicato questi standard alle nuove gamme InverterInverter
    Dispositivi atti a modificare la velocità  di un motore elettrico modulandone la frequenza di alimentazione in base al carico richiesto, ovvero adattando il funzionamento del motore alle necessità  del momento evitando, quindi, sovradimensionamenti e sprechi.
    di sistemi di climatizzazione per piccole applicazioni commerciali, (Seasonal Classic e Seasonal Smart) anticipando l’entrata in vigore delle normative futurefuture
    Contratto a termine standardizzato, stipulato all’interno di un mercato regolamentato, in cui chi lo sottoscrive si prende l’obbligo di acquistare o vendere un determinato bene ad una data e prezzo prefissati.
    .Tra i cambiamenti più significativi della nuova metodologia di misurazione dell’efficienza stagionale vi sono l’introduzione di diverse temperature nominali per il raffrescamento e il riscaldamento, il funzionamento anche ai carichi parziali e in modalità standby.

    La nuova metodologia consentirà di valutare le prestazioni di un climatizzatore in condizioni reali, in base al livello di efficienza calcolato nell’arco di un intero anno per entrambe le modalità di funzionamento (in raffrescamento e riscaldamento).

    Sul calcolo di questa nuova efficienza stagionale è stata ristudiata anche l’etichetta energetica che sarà in vigore dall’1 gennaio 2013 e che riporterà sia la classe energetica del prodotto, in base ai valori di SEER e SCOP, sia le principali caratteristiche come la rumorosità delle unità esterne e interne. Per queste ultime il valore non deve superare i 65 dB(A). In questo modo l’etichetta consentirà al consumatore di conoscere l’effettiva efficienza del prodotto e di calcolare la riduzione dei costi energetici.La classe energetica riportata sulla nuova etichetta, sia in raffrescamento sia in riscaldamento, non può essere paragonata alla classe energetica che presentava la vecchia etichetta, in quanto quest’ultima era calcolata su indici puntuali (EER e COP) e non sugli indici stagionali SEER e COP.

    Gli stessi prodotti attualmente sul mercato, con una determinata classe energetica in base ai valori EER e COP, il prossimo anno potranno avere una classe energetica differente e moltissimi climatizzatori non saranno più in classe A.

    Con l’aumento dei requisiti minimi di efficienza energetica, infatti, scompariranno dal mercato gli apparecchi a più basso rendimentorendimento
    In termini generali il rendimento è il rapporto tra “quanto ottenuto” in un processo e “quanto speso” per fare avvenire lo stesso processo. In termodinamica rappresenta la capacità di un sistema di convertire l’input di calore in lavoro utile. Il rendimento è un numero puro (cioè non ha unità di misura) ed è sempre compreso tra 0 e 1. A seconda dei termini che vengono messi a confronto è possibile ottenere diverse tipologie di rendimento utili a definire la bontà di un processo o di una macchina (per esempio rendimento elettrico, rendimento termico, ecc..) ma il ragionamento alla base è sempre lo stesso.
    , come quelli con SEER inferiore alla classe E e con SCOP inferiore alla classe C.

    * Seasonal Energy Efficiency Ratio
    ** Seasonal Coefficient Of Performance

    Fonte: Diesis Group, 03/07/2012

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button