NewsRinnovabiliEolicoStakeholder energiaEnel

ENEL GREEN POWER E RENZO PIANO INSIEME PER IL MINIEOLICO

    Presentato a Rovereto (Trento) il prototipo di un’innovativa pala eolica sviluppata dal grande architetto genovese in collaborazione con la società delle rinnovabili. Una nuova concezione di aerogeneratoreaerogeneratore
    Sistema formato dall’accoppiamento di un motore eolico con un generatore elettrico. Il primo trasforma l’energia del vento nell’energia meccanica di un albero rotante; il secondo trasforma l’energia meccanica in energia elettrica.
    , più sensibile ai venti di bassa quota e diffusi sul territorio

     

    E’ stato inaugurato a Rovereto, alla presenza delle autorità locali, dell’architetto Renzo Piano e dell’Amministratore delegato di Enel Green Power, Francesco Starace, il prototipo di un’innovativa pala minieolica, progettata dall’architetto genovese e sviluppata in collaborazione con la società di Enel dedicata alle rinnovabili.

    Sfruttando la ricerca sui nuovi materiali, sempre più leggeri e resistenti, e sulle nuove soluzioni tecnologiche, ha preso così forma una nuova concezione di aerogeneratore, più sensibile ai venti presenti a bassa quota e diffusi sul territorio.

    L’aerogeneratore ideato dalla Renzo Piano Building Workshop, con una capacità di 55 kWkW
    Unità di misura della potenza equivalente a 1.000 Watt.
    , ha una generazione continuata di energia elettricaenergia elettrica
    Forma di energia ottenibile dalla trasformazione di altre forme di energia primaria (combustibili fossili o rinnovabili) attraverso tecnologie e processi di carattere termodinamico (ovvero che coinvolgono scambi di calore) che avvengono nelle centrali elettriche. La sua qualità principale sta nel fatto che è facilmente trasportabile e direttamente utilizzabile dai consumatori finali. Si misura in Wh (wattora), e corrisponde all’energia prodotta in 1 ora da una macchina che ha una potenza di 1 W.
    perché in grado di sfruttare anche i venti minimi dell’ordine dei 2 metri/sec.

    L’obiettivo dell’opera è anche quello di un’integrazione “naturale” con il territorio in cui si inserisce grazie ad un ridotto impatto ambientaleimpatto ambientale
    L’insieme degli effetti (diretti e indiretti, nel breve o nel lungo termine, positivi o negativi, ecc..) che l’avvio di una determinata attività ha sull’ambiente naturale circostante.
    . E’ stata quindi preferita una soluzione bipala rispetto al tripala per ridurne di un terzo la visibilità e per avere, nei casi di totale assenza di vento, una sottile linea verticale data dalla torre e dalle due pale verticali allineate e a bandiera.

    Il creativo ed innovativo tessuto culturale ed imprenditoriale del Nord est ha contribuito alla realizzazione del progetto attraverso lo Studio Favero & Milan (VE) per la progettazione esecutiva e la Metalsistem (TN) per la realizzazione.

    Il prototipo è stato infatti realizzato a Rovereto, sede di Metalsistem, in un laboratorio creato “ad hoc” e denominato la “casa della giraffa”; l’aerogeneratore è infatti assimilato alla giraffa, le cui pale spuntano dal tetto, aperto, della sua casa.

    La produzione in serie per il mercato italiano sarà sviluppata al termine della fase di test, che sarà effettuata per dodici mesi nel campo prova di Molinetto a Pisa, sede, tra l’altro, del centro di ricerche Enel.

    Per quanto concerne la distribuzionedistribuzione
    Attività di trasporto (di elettricità o di gas) agli utilizzatori finali attraverso le reti di distribuzione.
    , l’innovativo generatoregeneratore
    Dispositivo che traforma l’energia meccanica in energia elettrica.
    sarà utilizzato per gli impianti di Enel Green Power, in Italia e all’estero, ma sarà anche commercializzato nel nostro Paese attraverso la rete in franchising della controllata per il retail, Enel.si.

    La minipala eolica realizzata da Renzo Piano punta ad essere utilizzata anche oltre i confini dell’Italia, dagli Stati Uniti, dove il mini-eolico vanta una lunga tradizione, a Francia, Spagna e Grecia.

     

    Fonte: Enel, 18/10/2011

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button