NewsEnergia & MercatoMercato & BolletteElettricità

Energia: Come fare la voltura luce e gas in caso di trasloco?

    La gestione delle utenze domestiche rappresenta una vera priorità quando ci si trasferisce in una nuova abitazione. Per decidere cosa fare basta eseguire una semplice verifica, controllando i contatori o, più banalmente provando ad accendere un interruttore della luce. Se tutto funziona significa che il precedente inquilino non ha chiesto l’interruzione delle utenze prima di andare via. In questo caso bisognerà semplicemente richiedere la volturavoltura
    Consiste nel cambiamento dell’intestazione di un contratto di fornitura di energia elettrica senza alcun intervento tecnico sul misuratore (a parità di potenza impegnata).
    di luce e/o gas
    .

    Prima di descrivere come fare la voltura di luce e gas e procedere con la descrizione delle procedure, tempistiche e costi previsti, chiariamo la differenza tra voltura e subentro. Infatti:

    – la voltura di luce e gas viene richiesta quando le utenze sono attive, e quindi bisogna semplicemente modificare i dati relativi all’intestatario dei contratti di fornitura.

    – il subentro di luce e gas si esegue se le utenze sono state staccate. Per riattivarle dovrai quindi sottoscrivere dei nuovi contratti con la compagnia energetica che preferisci.

     

    Voltura luce e gas: quali sono le procedure da seguire?

    Per effettuare la voltura di luce e gas dovrai come prima cosa contattare il servizio clienti della compagnia energetica, in alcuni casi si può svolgere l’operazione in totale autonomia, tramite il sito web. Prima di iniziare conviene raccogliere tutte le informazioni utili, ovvero:

    –          i dati personali del nuovo intestatario del contratto (nome, cognome e codice fiscale) ed eventuali recapiti (indirizzo mail e telefono);

    –          le autoletture aggiornate dei contatori;

    –          il codice POD per il contatore luce;

    –          il codice PDR per il contatore gas;

    Una volta comunicati i dati, la compagnia provvederà ad inviare la nuova documentazione che dovrà essere firmata dal nuovo intestatario del contratto e rispedita all’operatore che provvederà ad aggiornare i dati. Le tempistiche previste per la voltura delle utenze domestiche sono variabili. Infatti possono oscillare da un minimo di una settimana fino ad un massimo di due mesi.

    Anche i costi dell’operazione sono variabili e dipendono dal tipo di mercato. Per gli utenti del servizio tutelato i costi prevedono:

    • un contributo fisso di 26,98 € per oneri amministrativi,
    • un contributo fisso di 23 €
    • l’imposta di bollo 14,62 € sul nuovo contratto.

    Nel libero mercato bisognerà pagare un contributo fisso di 26,98 € per oneri amministrativi più un addebito dei costi per la prestazione commerciale, come indicato nel contratto (anche in questo caso potrebbe essere previsto il pagamento di un’imposta di bollo di 14,62 €). I costi per la voltura dei contratti di luce e gas vengono addebitati nella prima bolletta.

     

    Casa fare se i contatori di luce e gas sono staccati?

    Se invece i contatori sono stati staccati dal precedente inquilino, bisognerà effettuare il subentro per riattivarli. In casi del genere bisognerà stipulare anche un nuovo contratto e quindi scegliere il fornitore per la corrente elettrica. Per evitare disguidi e disservizi, come ad esempio rimanere senza luce e gas, sarebbe preferibile compiere questa operazione almeno un mese prima della data prevista per il trasferimento. In questi casi conviene sempre muoversi con un certo anticipo.

     

    Come gestire le utenze della vecchia casa?

    In questa fase di trasloco bisognerà anche occuparsi delle utenze della vecchia abitazione. In questo caso sarà in nuovo inquilino a dover effettuare la voltura o il subentro a seconda dei casi. Inoltre conviene sempre monitorare la situazione per verificare che i vecchi contratti di luce e gas siano stati intestati al nuovo inquilino. Infatti, in caso di ritardi o problemi di vario genere, sarà proprio l’intestatario delle forniture a dover rispondere, anche se ormai vive in un’altra abitazione.

     

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button