NewsFossiliGasStakeholder energiaAeegsi

Energia: da ottobre nessun aumento per l’elettricità, gas +5,5%

    Sui prezzi del gas hanno pesato le quotazioni del petroliopetrolio
    Combustibile di colore da bruno chiaro a nero, costituito essenzialmente da una miscela di idrocarburi. Si è formato per azioni chimiche, fisiche e microbiologiche da resti di microorganismi (alghe, plancton, batteri) che vivevano in ambiente marino addirittura prima della comparsa dei dinosauri sulla terra. I principali composti costituenti del petrolio appartengono alle classi delle paraffine, dei nafteni e degli aromatici, che sono composti organici formati da carbonio e idrogeno e le cui molecole sono disposte secondo legami di varia natura.
    e l’incremento dell’Iva

     

    Nessun aumento per l’energia elettricaenergia elettrica
    Forma di energia ottenibile dalla trasformazione di altre forme di energia primaria (combustibili fossili o rinnovabili) attraverso tecnologie e processi di carattere termodinamico (ovvero che coinvolgono scambi di calore) che avvengono nelle centrali elettriche. La sua qualità principale sta nel fatto che è facilmente trasportabile e direttamente utilizzabile dai consumatori finali. Si misura in Wh (wattora), e corrisponde all’energia prodotta in 1 ora da una macchina che ha una potenza di 1 W.
    nei prossimi tre mesi; per il gas, invece, il perdurante effetto degli alti prezzi del petrolio e la recente maggiorazione Iva determinano un incremento del 5,5%. E’ quanto ha stabilito l’Autorità per l’energiaenergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    nell’aggiornamento delle bollette dal 1° ottobre.

    Per le forniture di energia elettrica alla famiglia ‘tipo’ servita in maggior tutela1,quindi, la spesa rimane invariata mentre per il gas è stimato un incremento di 61 euro su base annua; pesano gli aumenti del petrolio (+20,8% in dollari nel periodo sul quale vengono calcolati gli aggiornamenti del gas2 ) e della nuova Iva al 21%. Infatti, se l’aliquota fosse rimasta invariata, l’aumento sarebbe stato del 4,9%3. Nessun incremento Iva, invece, sull’elettricità, per la quale rimane l’aliquota del 10%.

    L’Autorità ha avviato nei mesi scorsi una serie di iniziative di riforma degli assetti del mercato elettricomercato elettrico
    Mercato dove si effettua l’acquisto e la vendita di energia elettrica attarverso un sistema di contratti bilaterali o attraverso la borsa elettrica. Il prezzo viene determinato dall’incontro tra la domanda e l’offerta di energia elettrica da parte dei vari operatori che vi partecipano.
    e del gas, che si confermano ancor più necessarie tenuto conto delle criticità della congiuntura internazionale.

    Sul fronte del gas, sono già state definite alcune riforme che accresceranno la concorrenza4, quale il mercato del bilanciamentobilanciamento
    Servizio svolto dal gestore della rete elettrica al fine di mantenere l’equilibrio tra l’energia immessa e quella prelevata.
    in vigore dal 1° dicembre, con sicuri effetti positivi sui prezzi per i consumatori. Di conseguenza sarà possibile adottare un nuovo metodo di aggiornamento delle condizioni di tutela meno basato sui contratti di lungo periodo (indicizzati al petrolio) e tale da riflettere gradualmente, e in modo più fedele, l’andamento dei prezzi nel mercato italiano (che rispecchierà l’incrocio domanda/offerta).

    L’Autorità dedicherà particolare attenzione al tema della gestione della capacità di interconnessione con i gasdotti esteri, con l’obiettivo di assumere le opportune misure sia in sede nazionale che in ambito Ue.

    Sul fronte dell’energia elettrica, il calo dei prezzi della materia prima (-0,5%) è stato annullato dall’ulteriore incremento degli incentivi alle fonti rinnovabilifonti rinnovabili
    Una risorsa è detta rinnovabile se, una volta utilizzata, è in grado di rigenerarsi attraverso un processo naturale in tempistiche paragonabili con le tempistiche di utilizzo da parte dell’uomo. Sono considerate quindi risorse rinnovabili:
    – il sole
    – il vento
    – l’acqua
    – la geotermia
    – le biomasse
    ed inparticolare al fotovoltaico.

    L’Autorità sta analizzando le conseguenze derivanti dal forte incremento della potenzapotenza
    Grandezza data dal rapporto tra il lavoro (sviluppato o assorbito) e il tempo impiegato a compierlo. Indica la rapidità con cui una forza compie lavoro. Nel Sistema Internazionale si misura in watt (W).
    installata di fotovoltaico che entro l’anno potrebbe raggiungere i 12.200MW, al fine di valutare le misure da adottare per garantire un dispacciamentodispacciamento
    Energia elettrica:
    Attività di gestione, istante per istante, dei flussi di energia elettrica consumata e dei flussi di energia elettrica prodotta in modo da garantire un costante equilibrio tra domanda e offerta. L’energia elettrica, infatti, è un bene che non si può immagazzinare, quindi a fronte di una richiesta deve esserci necessariamente un punto di produzione in tempo reale. Queste operazioni, molto complesse, sono svolte da Terna.
    Gas naturale:
    Attività di gestione del sistema di trasporto e distribuzione del gas per rendere disponibile, in qualsiasi momento e in ogni punto della rete, la quantità di gas richiesta.
    efficiente (anche in relazione all’import) e il mantenimento in sicurezza della rete elettricarete elettrica
    Insieme delle linee elettriche, delle stazioni elettriche e delle cabine elettriche adibite alle operazioni di trasmissione e distribuzione dell’elettricità. La rete elettrica può essere ad alta tensione (da 40 a 380 kV), a media tensione (da 1 a 30 kV) o bassa tensione (380 V).
    .

    Gli esiti delle valutazioni in corso sui settori dell’elettricità e del gas saranno sottoposti a Parlamento e Governo già a partire dalla prossima Segnalazione sullo stato dei mercati5.

    Per i prezzi del GPLGPL
    Miscela di idrocarburi gassosi, principalmente butano e propano derivanti dalla raffinazione di petrolio e gas naturale. Il GPL si presenta in forma gassosa a temperatura e pressione ambiente, mentre si presenta in forma liquida a temperatura ambiente se sottoposto a lievi pressioni. Questo è il motivo per cui il trasporto e lo stoccaggio del GPL sono agevoli, sia in forma gassosa attraverso reti urbane, sia in bombole o su carri cisterna. È caratterizzato da una grande versatilità d’uso, ma è normalmente più costoso del metano. È utilizzato per scopi di riscaldamento laddove non esiste una rete di metano capillare ed anche per scopi di autotrazione.
    , per il mese di ottobre, vi è un sensibile calo del 4,7%, per l’utenteutente
    Soggetto che consuma elettricità o gas.
    tipo (consumo di 286 mc/anno), con un risparmio di 15,8 centesimi di euro/mc imposte comprese. Il risparmio su base annua sarà di 45 euro. L’aggiornamento del GPL tiene già conto dei nuovi criteri stabiliti dall’Autorità con la delibera ARG/gas 124/11 che ha previsto una periodicità mensile (finora era trimestrale), facendo riferimento alle quotazioni della materia prima del solo mese precedente.

    Le delibere con gli aggiornamenti trimestrali per energia elettrica e gas (ARG/com130/11, ARG/elt 131/11, ARG/gas 132/11, ARG/gas 133/11, ARG/gas 134/11,ARG/com 135/11) sono pubblicate sul sito www.autorita.energia.it.

    1 Le famiglie e le piccole imprese che decidono di non cambiare fornitore scegliendo un’offerta sul mercato liberomercato libero
    Mercato in cui sia le imprese che producono sia le imprese che vendono energia elettrica operano in regime di concorrenza, stimolando una competizione che può portare benefici ai consumatori in termini di prezzi e qualità del servizio.
    , usufruiscono del servizio di maggior tutela. La famiglia tipo ha consumi elettrici medi di 2.700kilowattora l’anno e una potenza impegnata di 3 kWkW
    Unità di misura della potenza equivalente a 1.000 Watt.
    ; nel gas, la famiglia tipo residente con riscaldamento individuale ha consumi medi di 1.400 metri cubi l’anno.

    2 Per l’aggiornamento dei prezzi del gas, si utilizza una formula diversa rispetto al settore elettrico che tiene conto dei prezzi della materia prima nei nove mesi precedenti l’aggiornamento; tale metodo garantisce una ragionevole stabilità e attenua l’incidenza dei periodi di picco degli idrocarburiidrocarburi
    Composti chimici formati da carbonio e idrogeno che costituiscono il petrolio e il gas naturale. Esistono diverse classificazioni degli idrocarburi a seconda dei legami chimici presenti nelle molecole.
    .

    3 L’aumento dell’Iva per le famiglie riguarda solo la quota di consumi oltre i 480 metri cubi di gas annui (su cui era finora applicata l’aliquota del 20%, passata ora al 21%), sotto i 480 metri cubi continua ad essere applicata l’aliquota del 10%.

    4 Con la delibera Arg/gas 45/11, l’Autorità ha dato il via alla riforma di merito economico del bilanciamento del gas, concepito per attribuire alla risorsa gas un valore di mercato. Con la ARG/gas 77/11 è stato avviato un procedimento per la riforma delle condizioni economiche di fornitura per le famiglie e le Pmi in regime di tutela, operativa dal 1° ottobre 2012.

    5 L’Autorità è già intervenuta sul tema degli incentivi alle rinnovabili e del fotovoltaico con la Segnalazione PAS 12/11.

    Energia elettrica e Gas naturaleGas naturale
    Idrocarburo che ha un’origine simile al petrolio, che si forma a partire dalla decomposizione anaerobica (cioè in assenza di ossigeno (O2) di microorganismi, attraverso processi biologici avvenuti nel corso delle ere geologiche. La composizione del gas naturale varia notevolmente a seconda del sito di formazione, ma in genere presenta un’alta percentuale di metano (dal 70 al 95 %), anidride carbonica (CO2CO2
    Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell’atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).

    ), azoto (N2) e idrogeno solforato (H2S). – Aggiornamento trimestrale nel dettaglio

     

    Fonte: AEEG, 04/10/2011

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button